Feed RSS: Molecularlab.it NewsiCalendar file
Categorie

Scoperto punto debole per bloccare virus come hiv


Ricercatori dellUniversitÓ della Georgia hanno scoperto un nuovo meccanismo che potrebbe suggerire strategie per arrestare la moltiplicazione di virus come quello dellAids, ma anche di alcune forme

Ricercatori dell'UniversitÓ della Georgia hanno scoperto un nuovo meccanismo che potrebbe suggerire strategie per arrestare la moltiplicazione di virus come quello dell'Aids, ma anche di alcune forme retrovirali responsabili di certi tumori. Sulla base di queste conoscenze, spiega il virologo Massimo Palmarini sulla rivista Proceedings of the National Academy of Sciences, Ŕ prevedibile un nuovo tipo di terapie anti-replicative dell'HIv. Gli scienziati si sono imbattuti nella scoperta mentre studiavano una forma ereditaria di cancro ai polmoni nelle pecore, l'adenocarcinoma, che ha portato alla morte di Dolly, il primo mammifero clonato.
Il cancro Ŕ causato da un retrovirus che contagia gli animali con la facilitÓ del virus influenzale e rappresenta per questo un serio problema per gli allevamenti ovini. I retrovirus hanno la capacitÓ di insinuarsi nel Dna delle cellule infettate e rimanervi permanentemente, essendo cioÚ anche ereditati nelle generazioni future. Le pecore, come pure gli uomini, convivono con molti di questi retrovirus endogeni, spiega Palmarini. Adesso, uno di questi potrebbe suggerire ai virologi un modo di contrastare queste infezioni, sostiene Palmarini. Infatti, il suo gruppo ha trovato un retrovirus endogeno (enJS56A1) incapace di concludere un ciclo infettivo. Gli scienziati hanno visto che la sua incapacitÓ Ŕ dovuta ad una semplicissima mutazione in un gene per una proteina dell'involucro virale. Anche se Ŕ presto per trarre conclusioni, secondo Palmarini studiando enJS56A1 ed altri retrovirus anomali che hanno difficoltÓ a completare cicli infettivi si potrÓ estorcere qualche segreto sulle loro debolezze e sintetizzare una nuova generazione di farmaci antiretrovirali tesi, per˛, a bloccare i retrovirus che hanno giÓ infettato le cellule, e non prima come Ŕ per gli inibitori delle trascrittasi usati oggi contro l'Hiv.

Fonte: Ansa (29/07/2004)
Pubblicato in Biochimica e Biologia Cellulare
Tag: hiv
Vota: Condividi: Inoltra via mail

Per poter commentare e' necessario essere iscritti al sito.

Registrati per avere:
un tuo profilo con curriculum vitae, foto, avatar
messaggi privati e una miglior gestione delle notifiche di risposta,
la possibilità di pubblicare tuoi lavori o segnalare notizie ed eventi
ed entrare a far parte della community del sito.

Che aspetti, Registrati subito
o effettua il Login per venir riconosciuto.

 
Leggi i commenti
Dossier Aiuta la RicercaWorld Community Grid per aiutare la ricerca scientifica
Aiuta la ricerca scientifica!
Cancro, AIDS, SARS, malaria:
Il modo diretto e facile per lo sviluppo di nuove cure.
Notizie
  • Ultime.
  • Rilievo.
  • Più lette.

Evento: Congresso Nazionale della SocietÓ Italiana di Farmacologia
Evento: Synthetic and Systems Biology Summer School
Evento: Allosteric Pharmacology
Evento: Conference on Recombinant Protein Production
Evento: Informazione e teletrasporto quantistico
Evento: Into the Wild
Evento: Astronave Terra
Evento: Advances in Business-Related Scientific Research
Evento: Conferenza sulle prospettive nell'istruzione scientifica
Evento: New Perspectives in Science Education


Correlati

 
Disclaimer & Privacy Policy