Feed RSS: Molecularlab.it NewsiCalendar file
Categorie

Cieca ritrova vista con cellule feto abortito


Un trapianto di cellule prelevate dagli occhi di feti abortiti ha restituito la vista ad una donna cieca da un occhio e a rischio di diventarlo anche dallaltro.
Il sensazionale intervento, che h

Un trapianto di cellule prelevate dagli occhi di feti abortiti ha restituito la vista ad una donna cieca da un occhio e a rischio di diventarlo anche dall'altro.
Il sensazionale intervento, che ha suscitato l'indignazione dei movimenti anti-abortisti, e' uno dei sei innesti di retina eseguiti da un'equipe di medici dell'universita' statunitense di Louisville (Kentucky), dei quali la rivista britannica New Scientist pubblica oggi un dettagliato rapporto.
I gruppi promotori del 'diritto alla vita' sostengono che la tecnica sia ''grottesca'', ma per gli scienziati ridara' la speranza a milioni di persone. Elisabeth Bryan di 64 anni non puo' che essere d'accordo con loro.
I medici le hanno trapiantato le cellule della retina di un feto abortito alla tredicesima settimana di gestazione nell'occhio sinistro, completamente cieco, ed ora con quell'occhio puo' vedere bene abbastanza da leggere libri ed e- mail e giocare pure con il computer.
Ma gli anti-abortisti, temendo che le donne possano essere incoraggiate a donare feti abortiti per assicurare un'adeguata fornitura di cellule, sono in subbuglio.
''Uccidere un bambino non ancora nato per ridare la vista ad un'altra persona e' ovviamente un compromesso inaccettabile'', ha dichiarato Josephine Qunitavalle del movimento 'Comment on Reproduction Ethics'. ''Prelevare cellule della retina da feti abortiti e' grottesco'', ha aggiunto Patrick Cusworth dell'organizzazione contro l'aborto 'Life'. ''Cosi' non solo si priva un bambino del diritto alla vita, ma inoltre lo si sfrutta come fonte di fornitura di parti del corpo'', ha sottolineato.
Secondo il professor Robert Aramant pero', che ha sviluppato la tecnica, le potenzialita' di questo tipo d'intervento sono troppo grandi per non essere approfondite ulteriormente. Il metodo oltre ad aiutare chi soffre di forme ereditarie di cecita', puo' anche giovare a pazienti affetti da degenerazione maculare legata all'eta', che compromette la visione centrale e diminuisce l'acutezza visiva.
Il disturbo, connesso all'invecchiamento, si verifica quando le cellule al centro della retina si deteriorano fino a cessare di funzionare. Dei sei pazienti operati dall'equipe di Louisville, alcuni soffrivano di questa maculopatia, mentre altri di retinite pigmentosa avanzata, una forma di degenerazione progressiva della retina, generalmente ereditaria, che colpisce una persona su 3.500.
Nel rapporto pubblicato oggi su 'New Scientist' emerge che cinque dei sei interventi di trapianto effettuati dal team del professor Aramant hanno avuto esito positivo e quello di maggior successo e' stato appunto quello sulla signora Bryan. Sull'onda di questi risultati, l'equipe Usa ha chiesto l'autorizzazione ad eseguire trapianti analoghi anche su pazienti affetti da forme meno gravi della malattia.

Fonte: Ansa (29/10/2004)
Pubblicato in Biotecnologie
Tag: occhio, cecita, feto
Vota: Condividi: Inoltra via mail

Per poter commentare e' necessario essere iscritti al sito.

Registrati per avere:
un tuo profilo con curriculum vitae, foto, avatar
messaggi privati e una miglior gestione delle notifiche di risposta,
la possibilità di pubblicare tuoi lavori o segnalare notizie ed eventi
ed entrare a far parte della community del sito.

Che aspetti, Registrati subito
o effettua il Login per venir riconosciuto.

 
Leggi i commenti
Notizie
  • Ultime.
  • Rilievo.
  • Più lette.

Evento: Congresso Nazionale della SocietÓ Italiana di Farmacologia
Evento: Synthetic and Systems Biology Summer School
Evento: Allosteric Pharmacology
Evento: Conference on Recombinant Protein Production
Evento: Informazione e teletrasporto quantistico
Evento: Into the Wild
Evento: Astronave Terra
Evento: Advances in Business-Related Scientific Research
Evento: Conferenza sulle prospettive nell'istruzione scientifica
Evento: New Perspectives in Science Education


Correlati

 
Disclaimer & Privacy Policy