Feed RSS: Molecularlab.it NewsiCalendar file
Categorie

Staminali neurali adulte e la sclerosi, uno studio sui topi


Ricercatori italiani hanno dimostrato che iniezioni di staminali neurali adulte in animali con una malattia del tutto simile alla sclerosi multipla umana curano i danni neuronali nel loro cervello mig

Ricercatori italiani hanno dimostrato che iniezioni di staminali neurali adulte in animali con una malattia del tutto simile alla sclerosi multipla umana curano i danni neuronali nel loro cervello migliorando le loro condizioni. E' quanto riferito in occasione del meeting annuale della Radiological Society of North America (RSNA) da Giuseppe Scotti del Dipartimento di Neuroradiologia dell'Ospedale San Raffaele di Milano e preside della Universita' Vita-Salute San Raffaele di Milano.
La sclerosi multipla e' una malattia neurodegenerativa con aggravamento progressivo della prognosi, dovuta alla distruzione della 'guaina' isolante delle fibre nervose, la mielina, senza la quale il segnale elettrico alla base della comunicazione tra neuroni si disperde lungo la via.
Man mano che la mielina e' persa i sintomi della malattia, che nel mondo colpisce 2.5 milioni di persone, per lo piu' donne tra i of 20 e i 50 anni e con 10 mila nuovi casi ogni anno, si aggravano e i pazienti perdono progressivamente le capacita' motorie.
I topolini usati negli esperimenti, ha spiegato Scotti, soffrono di una malattia del tutto sovrapponibile alla sclerosi umana per sintomi e decorso, dunque questi risultati ottenuti con le staminali sono molto promettenti per l'uomo.
I ricercatori italiani hanno preso cellule staminali neurali di topi e le hanno 'etichettate' con micro-palline di ferro per poterle seguire con la risonanza magnetica durante tutto il loro percorso dal sito di iniezione, nella vena della coda, alle regioni cerebrali lesionate. Le staminali giungono a destinazione gia' a 24 ore dall'iniezione.
Gli scienziati hanno dimostrato che queste cellule, raggiunte autonomamente le zone lesionate, sono capaci di trasformarsi in cellule 'gliali', ovvero quelle che producono la guaina mielinica. Non appena la mielina e' ricostituita, ha spiegato Scotti, la 'prognosi' dei topolini migliora.
Ma prima di pensare a una simile applicazione all'uomo, ha avvertito Scotti con estrema cautela, bisogna compiere ancora molti studi. "Sappiamo la potenziale azione terapeutica delle staminali e abbiamo grosse speranze ma non conosciamo ancora i possibili effetti collaterali".

Fonte: Aduc (17/12/2004)
Pubblicato in Biotecnologie
Tag: sclerosi, Staminali, Italia, San Raffaele
Vota: Condividi: Inoltra via mail

Per poter commentare e' necessario essere iscritti al sito.

Registrati per avere:
un tuo profilo con curriculum vitae, foto, avatar
messaggi privati e una miglior gestione delle notifiche di risposta,
la possibilità di pubblicare tuoi lavori o segnalare notizie ed eventi
ed entrare a far parte della community del sito.

Che aspetti, Registrati subito
o effettua il Login per venir riconosciuto.

 
Leggi i commenti
Notizie
  • Ultime.
  • Rilievo.
  • Più lette.

Evento: Congresso Nazionale della SocietÓ Italiana di Farmacologia
Evento: Synthetic and Systems Biology Summer School
Evento: Allosteric Pharmacology
Evento: Conference on Recombinant Protein Production
Evento: Informazione e teletrasporto quantistico
Evento: Into the Wild
Evento: Astronave Terra
Evento: Advances in Business-Related Scientific Research
Evento: Conferenza sulle prospettive nell'istruzione scientifica
Evento: New Perspectives in Science Education


Correlati

 
Disclaimer & Privacy Policy