Feed RSS: Molecularlab.it NewsiCalendar file
Categorie

La depressione si curera' ricostruendo nuove reti neuroni


I farmaci del futuro contro la depressione? Molecole che, ricostruendo nel cervello del paziente nuove reti neuronali, gli re-insegneranno a vivere e pensare senza la malattia.
E la promessa c

I farmaci del futuro contro la depressione? Molecole che, ricostruendo nel cervello del paziente nuove reti neuronali, gli 're-insegneranno' a vivere e pensare senza la malattia.
E' la promessa che arriva da nuovi studi su animali e che mette in campo contro la malattia un'impostazione terapeutica del tutto nuova, ha riferito Luca Pani dell'Istituto di neurogenetica e neurofarmacologia del CNR di Cagliari che ha spiegato le sue ricerche in una conferenza stampa a Roma.
Le molecole alla base dei farmaci di nuova generazione, i primi, ha sottolineato l'esperto, potrebbero arrivare gia' nel giro di cinque anni, agiranno sui fattori trofici, ovvero stimoleranno la produzione di fattori di crescita che a loro volta stimoleranno la formazione di nuove connessioni tra neuroni, formando nuovi circuiti che il paziente iniziera' ad usare abbandonandone altri, quelli malati.
A questa 'rieducazione' del cervello del paziente, ha spiegato Pani, si contribuira' anche dall'esterno con interventi di psicoterapia ad hoc, di tipo cognitivo-comportamentale, nonche' di supporto interpersonale. Queste terapie, se ben condotte, possono infatti essere efficaci sui nuovi circuiti ed agire in sinergia con il farmaco.
L'idea di curare la depressione con molecole che stimolino i fattori di crescita neurali, ha spiegato Pani, viene dal modalita' innovative di osservazione dei modelli animali di laboratori. Gli scienziati si sono accorti che in risposta a stimoli stressanti o a condizioni che inducono la paura, nel cervello degli animali decresce la produzione di fattori di crescita. Questo puo' creare modificazioni dei circuiti che, se lo stimolo negativo perdura, portano alla malattia.
I farmaci oggi in uso, molti dei quali peraltro hanno ancora meccanismo d'azione da scoprire e forse funzionano proprio attivando i fattori di crescita, agiscono per lo piu' sulle terminazioni nervose eccitando o inibendo l'attivita' dei neuroni. Quindi, per quanto efficaci, possono produrre sbalzi d'umore. Viceversa le nuove molecole saranno degli stabilizzatori dell'umore, ha concluso Pani, perche' indurranno modifiche permanenti nei circuiti nervosi sia ripristinando quelli malati sia creandone di nuovi che poi saranno istruiti a funzionare in modo non patologico.

Fonte: Ansa (13/01/2005)
Pubblicato in Medicina e Salute
Tag: depressione, reti neuronali
Vota: Condividi: Inoltra via mail

Per poter commentare e' necessario essere iscritti al sito.

Registrati per avere:
un tuo profilo con curriculum vitae, foto, avatar
messaggi privati e una miglior gestione delle notifiche di risposta,
la possibilità di pubblicare tuoi lavori o segnalare notizie ed eventi
ed entrare a far parte della community del sito.

Che aspetti, Registrati subito
o effettua il Login per venir riconosciuto.

 
Leggi i commenti
Notizie
  • Ultime.
  • Rilievo.
  • Più lette.

Evento: Congresso Nazionale della SocietÓ Italiana di Farmacologia
Evento: Synthetic and Systems Biology Summer School
Evento: Allosteric Pharmacology
Evento: Conference on Recombinant Protein Production
Evento: Informazione e teletrasporto quantistico
Evento: Into the Wild
Evento: Astronave Terra
Evento: Advances in Business-Related Scientific Research
Evento: Conferenza sulle prospettive nell'istruzione scientifica
Evento: New Perspectives in Science Education


Correlati

 
Disclaimer & Privacy Policy