Feed RSS: Molecularlab.it NewsiCalendar file
Categorie

Scoperto doppio effetto positivo farmaci anti-hiv


Sono molteplici gli effetti degli inibitori della proteasi osservati in colture di cellule prelevate dal midollo di pazienti sieropositivi e almeno tre sono i piu importanti, descritti dai ricercator

Sono molteplici gli effetti degli inibitori della proteasi osservati in colture di cellule prelevate dal midollo di pazienti sieropositivi e almeno tre sono i piu' importanti, descritti dai ricercatori italiani.
Innanzitutto i farmaci agiscono sulla membrana cellulare e la stabilizzano: un effetto, questo, particolarmente evidente sulle cellule stromali. Nei pazienti colpiti dall'infezione, infatti, queste cellule perdono la caratteristica forma affusolata per diventare tondeggianti, ma sotto l'azione dei farmaci riprendono la forma originaria.
In secondo luogo riducono la mortalita' cellulare. ''I farmaci che abbiamo considerato nella ricerca - ha osservato Cossarizza, bloccano una serie di vie metaboliche che facilitano la morte cellulare e facilitano la proliferazione''. C'e' ancora molta strada da fare, secondo il ricercatore, prima di arrivare a comprendere il meccanismo d'azione complesso di queste sostanze.
In terzo luogo i farmaci hanno un'azione diretta anche su sostanze che stimolano il sistema immunitario e che nei pazienti colpiti dal virus Hiv sono alterate, come le citochine e il Tns-alfa.
Nella ricerca si e' visto che i farmaci attivano citochine importanti per il controllo dell'infezione, come l'interleuchina-2 e l'interferone, mentre riducono l'attivita' di citochine dannose, come l'interleuchina-4.
La ricerca e' stata condotta utilizzando i primissimi inibitori delle proteasi utilizzati nella terapia, chiamati ritonavir e indinavir. ''Non abbiamo studiato tutti gli inibitori - ha detto Aiuti - e non possiamo quindi affermare che i risultati osservati in questo studio possono estendersi a tutti gli inibitori della proteasi.
La ricerca adesso proseguira' per studiare l'effetto dei farmaci nei pazienti che cominciano la terapia, confrontando la situazione iniziale del midollo con quella che compare a sei mesi dalla cura. Questo studio permettera' anche di verificare l'eventuale azione di farmaci diversi dagli inibitori della proteasi.
Un altro filone di studi riguardera' invece i pazienti diventati resistenti ai farmaci anti-retrovirali ma che continuano la cura. ''In questi pazienti - ha osservato l'immunologo - si e' osservato in passato un miglioramento nella capacita' di crescita dei linfociti nonostante l'assenza di risposta alla terapia. Qualche altro fattore, percio', deve spiegare il miglioramento''.
Secondo Aiuti comprendere gli effetti degli inibitori della proteasi sul midollo apre anche ''interessanti prospettive sull'impiego di alcuni inibitori delle proteasi in altre patologie, come le immunodeficienze primitive, alcuni tumori, oltre che in alcune malattie infettive ed autoimmuni''.

Fonte: Ansa (04/02/2005)
Pubblicato in Medicina e Salute
Tag: Hiv, immunitario, ritonavir, indinavir, proteasi
Vota: Condividi: Inoltra via mail

Per poter commentare e' necessario essere iscritti al sito.

Registrati per avere:
un tuo profilo con curriculum vitae, foto, avatar
messaggi privati e una miglior gestione delle notifiche di risposta,
la possibilità di pubblicare tuoi lavori o segnalare notizie ed eventi
ed entrare a far parte della community del sito.

Che aspetti, Registrati subito
o effettua il Login per venir riconosciuto.

 
Leggi i commenti
Dossier Aiuta la RicercaWorld Community Grid per aiutare la ricerca scientifica
Aiuta la ricerca scientifica!
Cancro, AIDS, SARS, malaria:
Il modo diretto e facile per lo sviluppo di nuove cure.
Notizie
  • Ultime.
  • Rilievo.
  • Più lette.

Evento: Congresso Nazionale della Societą Italiana di Farmacologia
Evento: Synthetic and Systems Biology Summer School
Evento: Allosteric Pharmacology
Evento: Conference on Recombinant Protein Production
Evento: Informazione e teletrasporto quantistico
Evento: Into the Wild
Evento: Astronave Terra
Evento: Advances in Business-Related Scientific Research
Evento: Conferenza sulle prospettive nell'istruzione scientifica
Evento: New Perspectives in Science Education


Correlati

 
Disclaimer & Privacy Policy