Feed RSS: Molecularlab.it NewsiCalendar file
Categorie

Smog: Uccide 2 Mila Italiani l'Anno, 300 Solo a Milano


Di smog ci si ammala. E si puo anche morire. Linquinamento uccide circa 2 mila italiani lanno, fino a 300 solo a Milano. Ma non solo. Parola di esperto: respirare ogni giorno per almeno 10 anni le

Di smog ci si ammala. E si puo' anche morire. L'inquinamento uccide circa 2 mila italiani l'anno, fino a 300 solo a Milano. Ma non solo. Parola di esperto: respirare ogni giorno per almeno 10 anni le polveri sottili e i gas velenosi che ammorbano l'aria di citta' puo' 'rubare' ''fino a due anni di vita''. E i piu' a rischio, insieme agli anziani, sono i bambini: ''I piccoli che vivono vicino a una strada continuamente percorsa da auto e camion hanno il 60% di probabilita' in piu' di ammalarsi, con bronchiti, tosse e catarro''. I dati sono stati riferiti oggi nel capoluogo lombardo da Luigi Bisanti, direttore del Servizio di epidemiologia dell'Asl Citta' di Milano, sulla base di due studi presentati presso la sede dell'azienda sanitaria di corso Italia. Il primo studio e' il 'MISA-2', condotto in base alle rilevazioni dei livelli di particolato sottile Pm10, monossido di carbonio (CO), biossido di azoto (NO2), biossido di zolfo (SO2) e ozono registrati nel periodo 1996-2002 in 15 grandi citta' italiane di altrettante regioni, per un totale di 9 milioni di abitanti. La ricerca - coordinata da Annibale Biggeri dell'universita' di Firenze, Pierantonio Bellini dell'universita' di Padova e Benedetto Terracini dell'universita' di Torino - rivela che il Pm10 provoca circa 900 decessi in piu' ogni anno, mentre gli inquinanti gassosi NO2 e CO rispettivamente 2 mila e 1.900 morti in piu'. Un 'bollettino di guerra' che si ferma al 2002, ma i cui dati ''restano comunque attuali anche ai giorni nosti'', a patto pero' di leggerli nel modo piu' corretto, ha sottolineato Bisanti. Per calcolare il numero complessivo di morti da smog nella penisola, ha infatti spiegato l'epidemiologo ai giornalisti, ''non si possono sommare le varie cifre, perche' queste sostanze sono presenti nell'aria contemporanemante. L'indicatore piu' significativo puo' essere considerato il biossido di azoto, per cui possiamo stimare un totale di 2 mila decessi evitabili l'anno''.
Quanto alla sola Milano, si calcolano 170 morti in piu' legati alle polveri sottili, 250 in piu' da NO2 e 120 in piu' da CO, ''per un numero complessivo di decessi evitabili pari a 200-300''. In generale, ha ricordato Bisanti, si deve considerare che ''per ogni incremento di 10 microgrammi/metro cubo di ciascun inquinante atmosferico, il numero di morti aumenta dello 0,5-2%''. Si tratta per lo piu' di decessi legati a malattie cardiovascolari o respiratorie e registrabili a breve termine, entro un periodo che va da quattro a 10 giorni dopo il picco. Ma il rischio di morire di smog rimane anche a lungo termine: ''Non abbiamo dati italiani - ha puntualizzato lo specialista - Tuttavia, studi condotti in Usa e in altri Paesi europei, hanno dimostrato che respirare inquinanti per 10, 20, 30 o 40 anni accorcia l'aspettativa di vita di un paio d'anni''. Senza contare le corse in ospedale. Soltanto a Milano, l'impennata dei livelli di ozono in estate produce un +1,9% di ricoveri per cause respiratorie, l'aumento di NO2 un +1,1% di ricoveri per cause cardiache e l'aumento di CO un +1,8%. Le possibili soluzioni? ''Lo studio MISA-2 traccia due scenari: per azzerare le morti da CO basterebbe ridurre le concentrazioni atmosferiche di questo inquinanente di un solo milligrammo - ha riassunto Bisanti - mentre per abbattere i decessi da Pm10 sarebbe sufficiente che la soglia ammessa per queste polveri scendesse a 20 microgrammi/metro cubo, cosi' come prevedono le norme Ue in vigore dal 2010''. L'invito degli esperti alle istituzioni e' di darsi da fare con provvedimenti che vadano al di la' delle semplici misure 'tampone' come blocchi del traffico o circolazione a targhe alterne. Soprattutto per salvare i polmoni dei bambini. La seconda ricerca - battezzata 'SIDRIA' (Studi italiani sui disturbi respiratori nell'infanzia e l'ambiente), condotta nel 2002 in 13 localita' su 20 mila bimbi di 6-7 anni e 16 mila di 13-14, e in pubblicazione su 'Epidemiologia e prevenzione' (maggio 2005) - ha infatti confermato che ''se gli anziani sono quelli che per lo smog rischiano piu' spesso la vita, i piccoli sono quelli piu' vulnerabili alle malattie da inquinamento: appunto il 60% in piu'''.

Nuoce a Bebe' Gia Nel Pancione, Danni a Dna
Lo smog fa male al bebe' giÓ nel pancione di mamma. Si rischiano, infatti, danni al Dna del feto se la donna in gravidanza respira aria troppo inquinata. E questo rende piu' vulnerabili al cancro. Lo dimostra uno studio del Center for Children's Enviromental Health della Columbia University a New York. Il primo studio a provare che l'esposizione a particolari inquinanti puo' causare anomalie nei cromosomi, sottolinea Kenneth Olden, direttore del National Institute of Enviromental Health Sciences, che ha finanziato la ricerca. L'equipe ha studiato 60 neonati, arruolati in un piu' ampio progetto, valutando l'esposizione agli idrocarboni aromatici policiclici, sostanze sprigionate dalla combustione. La ricerca e' stata condotta nei dintorni di Manhattan, ma gli inquinanti prodotti dagli scarichi della auto sono un problema per tutte le grandi citta' e non solo. Precedentemente alle future mamme e' stato chiesto di compilare un questionario e di portare con se' una macchinetta per misurare la qualita' dell'aria negli ultimi tre mesi di gravidanza. Le donne sono state divise in gruppi a seconda dell'esposizione a diversi livelli d'inquinamento. I ricercatori hanno poi analizzato il cordone ombelicale dei bebe', alla ricerca di eventuali danni ai cromosomi: ne sono stati trovati 7,2 ogni 1.000 globuli bianchi nei figli delle donne piu' esposte all'inquinamento, rispetto a 4,7 nei bimbi che avevano 'respirato' meno polveri sottili nel pancione. I danni al Dna possono causare leucemia o altri tipi di tumore.

Fonte: AdnKronos (17/02/2005)
Pubblicato in Medicina e Salute
Tag: smog, inquinamento
Vota: Condividi: Inoltra via mail

Per poter commentare e' necessario essere iscritti al sito.

Registrati per avere:
un tuo profilo con curriculum vitae, foto, avatar
messaggi privati e una miglior gestione delle notifiche di risposta,
la possibilità di pubblicare tuoi lavori o segnalare notizie ed eventi
ed entrare a far parte della community del sito.

Che aspetti, Registrati subito
o effettua il Login per venir riconosciuto.

 
Leggi i commenti
Notizie
  • Ultime.
  • Rilievo.
  • Più lette.

Evento: Congresso Nazionale della SocietÓ Italiana di Farmacologia
Evento: Synthetic and Systems Biology Summer School
Evento: Allosteric Pharmacology
Evento: Conference on Recombinant Protein Production
Evento: Informazione e teletrasporto quantistico
Evento: Into the Wild
Evento: Astronave Terra
Evento: Advances in Business-Related Scientific Research
Evento: Conferenza sulle prospettive nell'istruzione scientifica
Evento: New Perspectives in Science Education


Correlati

 
Disclaimer & Privacy Policy