Feed RSS: Molecularlab.it NewsiCalendar file
Categorie

Chiarite le origini dei MRSA


Alcuni batteri MRSA sono levoluzione di una varietÓ virulenta degli anni cinquanta

MRSAUno studio pubblicato sulla rivista "The Lancet" chiarisce una volta per tutte le origini di una varietÓ di Staphylococcus aureus resistente alla meticillina (MRSA), suggerendo che il batterio possa essere anche pi¨ pericoloso di quanto si ritenesse finora.
Negli anni cinquanta, una nuova varietÓ di S. aureus estremamente virulenta, nota come "tipo 80/81", si diffuse in tutto il mondo, provocando sepsi, lesioni della pelle e polmonite. Nonostante l'insetto fosse resistente alla penicillina, negli anni sessanta gli scienziati riuscirono infine a reprimerlo con una nuova classe di antibiotici, compresa la meticillina.
Negli anni novanta sono per˛ emerse varietÓ di S. aureus resistenti alla meticillina, lasciando un solo antibiotico, la vancomicina, come ultima linea di difesa.
Inizialmente gli MRSA erano diffusi soprattutto negli ospedali, ma alla fine degli anni novanta le epidemie si estesero anche alle comunitÓ esterne. I ricercatori pensavano che queste varietÓ provenissero tutte dagli ospedali, ma un'analisi genetica ha mostrato che hanno origini distinte dalle varietÓ ospedaliere.
Alcuni ricercatori hanno ora scoperto che una delle varietÓ di MRSA esterne pi¨ comuni, la SWP (varietÓ del Pacifico sud-occidentale), Ŕ una nuova versione della 80/81. Il microbiologo Mark Enright dell'UniversitÓ di Bath, in Inghilterra, e colleghi hanno esaminato campioni di 80/81 raccolti in tutto il mondo negli anni cinquanta e sessanta e hanno sequenziato 15 geni essenziali per i processi all'interno dell'organismo. Da un confronto con la SWP, spiega Enright, "l'unica differenza risulta essere il gene della resistenza alla meticillina".
Secondo i ricercatori, dunque, inizialmente S. aureus si sarebbe trasformato nella varietÓ virulenta 80/81. Poi, qualche tempo dopo l'introduzione di antibiotici quali la meticillina, avrebbe acquisito i geni per resistere anche a questi farmaci, trasformandosi nella varietÓ SWP.

Fonte: Le Scienze (06/04/2005)
Pubblicato in Genetica, Biologia Molecolare e Microbiologia
Tag: MRSA, SWP, aureus
Vota: Condividi: Inoltra via mail

Per poter commentare e' necessario essere iscritti al sito.

Registrati per avere:
un tuo profilo con curriculum vitae, foto, avatar
messaggi privati e una miglior gestione delle notifiche di risposta,
la possibilità di pubblicare tuoi lavori o segnalare notizie ed eventi
ed entrare a far parte della community del sito.

Che aspetti, Registrati subito
o effettua il Login per venir riconosciuto.

 
Leggi i commenti
Notizie
  • Ultime.
  • Rilievo.
  • Più lette.

Evento: Congresso Nazionale della SocietÓ Italiana di Farmacologia
Evento: Synthetic and Systems Biology Summer School
Evento: Allosteric Pharmacology
Evento: Conference on Recombinant Protein Production
Evento: Informazione e teletrasporto quantistico
Evento: Into the Wild
Evento: Astronave Terra
Evento: Advances in Business-Related Scientific Research
Evento: Conferenza sulle prospettive nell'istruzione scientifica
Evento: New Perspectives in Science Education


Correlati

 
Disclaimer & Privacy Policy