Feed RSS: Molecularlab.it NewsiCalendar file
Categorie

Prostata, il doppio ruolo del testosterone


╚ stato scoperto uno dei meccanismi che ostacola la formazione delle metastasi nel tumore prostatico. Limportante notizia Ŕ stata pubblicata su Cancer Reserch da ricercatori dellUniversitÓ di Milano

╚ stato scoperto uno dei meccanismi che ostacola la formazione delle metastasi nel tumore prostatico. L'importante notizia Ŕ stata pubblicata su Cancer Reserch da ricercatori dell'UniversitÓ di Milano, coordinati dall'endocrinologo Angelo Poletti. Ma i risultati dello studio sperimentale, oltre a chiarire i meccanismi di inibizione tumorale, potrebbero aprire la strada a pi¨ importanti novitÓ terapeutiche e mettere ordine in quelle esistenti.
Sembra, infatti, che la proteina in grado di ostacolare la diffusione delle cellule tumorali sia prodotta proprio dal nemico numero uno del tumore, il testosterone, ormone maschile che, negli stadi precoci, favorisce lo sviluppo dello stesso tumore. In particolare sarebbe il diidrotestosterone, parte attiva del testosterone, a essere trasformato in 3beta-diolo; questo, andando a occupare un recettore degli estrogeni, determinerebbe la produzione di una potente proteina, la E-caderina che, come nel carcinoma della mammella, impedirebbe la migrazione delle cellule neoplastiche e le metastasi.
Dunque, almeno in particolari momenti, guai ad inibire la formazione del testosterone.
"Infatti" spiega Poletti, "abbiamo potuto accertare che l'azione endogena del 3beta-diolo, diversamente dai suoi precursori, testosterone e diidrotestostrone, non possiede pi¨ attivitÓ androgenica e quindi non sembra in grado di modificare la crescita del tumore. Al contrario, la sostanza ha stimolato la formazione di E-caderina, una proteina in grado di impedire o rallentare la diffusione delle cellule tumorali all'interno o all'esterno della prostata".
A oggi la terapia del tumore della prostata androgeno-dipendente si basa essenzialmente sulla somministrazione di due classi di farmaci: gli antiandrogeni, che inibiscono l'attivazione del recettore degli androgeni (antagonisti recettoriali), ma non la formazione del testosterone, e gli antagonisti del GnRH, che aboliscono invece la produzione del testosterone; entrambi sono molto efficaci nel contrastare la crescita tumorale. Ma a seconda dello stadio che si considera, alla luce di queste nuove scoperte, si potrebbe imporre un distinguo importante.
"Nel caso di un tumore ancora localizzato", precisa Poletti, "gli antagonisti recettoriali (antiandrogeni) che mantengono inalterata la produzione di testosterone, potrebbero avere il vantaggio di sostenere la produzione intra-prostatica di 3beta-diolo, rallentando cosý la migrazione del tumore. In presenza invece di metastasi, quando l'effetto protettivo anti-migratorio del 3beta-diolo viene a mancare, la terapia combinata tra antiandrogeni ed analoghi offre maggiori vantaggi contro la proliferazione del tumore". Osservazioni di laboratorio, da validare clinicamente, prima di dar luogo a nuove terapie.

Fonte: LaRepubblica (05/07/2005)
Pubblicato in Medicina e Salute
Tag: Prostata, testosterone
Vota: Condividi: Inoltra via mail

Per poter commentare e' necessario essere iscritti al sito.

Registrati per avere:
un tuo profilo con curriculum vitae, foto, avatar
messaggi privati e una miglior gestione delle notifiche di risposta,
la possibilità di pubblicare tuoi lavori o segnalare notizie ed eventi
ed entrare a far parte della community del sito.

Che aspetti, Registrati subito
o effettua il Login per venir riconosciuto.

 
Leggi i commenti
Notizie
  • Ultime.
  • Rilievo.
  • Più lette.

Evento: Congresso Nazionale della SocietÓ Italiana di Farmacologia
Evento: Synthetic and Systems Biology Summer School
Evento: Allosteric Pharmacology
Evento: Conference on Recombinant Protein Production
Evento: Informazione e teletrasporto quantistico
Evento: Into the Wild
Evento: Astronave Terra
Evento: Advances in Business-Related Scientific Research
Evento: Conferenza sulle prospettive nell'istruzione scientifica
Evento: New Perspectives in Science Education


Correlati

 
Disclaimer & Privacy Policy