Feed RSS: Molecularlab.it NewsiCalendar file
Categorie

Scoperta popolazione staminali in sangue circolante di adulti


Cureranno ischemie

Una nuova popolazione di cellule staminali totipotenti che, in condizioni appropriate possono differenziarsi in molteplici tipi cellulari quali endotelio, adipociti, osteoblasti e cellule neuronali, e' stata rinvenuta nel sangue circolante periferico di soggetti adulti.
La scoperta, pubblicata lo scorso 14 luglio su ''Circulation research'', uno dei piu' importanti giornali scientifici a livello mondiale, e' stata effettuata dall'equipe coordinata da Sergio Romagnani, immunoallergologo e ordinario di medicina interna all'Universita' di Firenze, nell'ambito di un progetto di ricerca finanziato dalla Regione Toscana e realizzato con la collaborazione dell'Universita' e dell'Azienda sanitaria Careggi.
''La scoperta - spiega Romagnani - permette di ricavare staminali con un semplice prelievo di sangue, senza ricorrere alla tecnica invasiva finora usata del prelievo midollare, e se la sua validita' applicativa sara' provata potra' essere usata in malattie quali l' ischemia degli arti inferiori ma anche l'infarto del miocardio e l'ischemia cardiaca cronica''.

Scoperte nel sangue, cureranno ischemie
Ricavare cellule staminali dal sangue circolante di un soggetto adulto, senza piu' ricorrere al prelievo, piu' invasivo e piu' costoso, del midollo osseo, e da queste studiare applicazioni terapeutiche in malattie quali ischemia e infarto.
E' la scoperta, presentata stamani, dell' equipe di ricercatori coordinati dal professor Sergio Romagnani, immunoallergologo e ordinario di medicina interna all'Universita' di Firenze.
L'identificazione di questa nuova popolazione di cellule staminali arriva nell'ambito di una ricerca triennale finanziata per 5 milioni di euro dalla Regione Toscana e avviata in collaborazione con l'Universita' di Firenze e l'Azienda ospedaliera di Careggi. Nei prossimi mesi ci sara' il passaggio alla fase applicativa, con un ''trial'' clinico che trattera' pazienti affetti da ischemia critica agli arti inferiori, patologia che non di rado comporta l'amputazione paziale delle gambe.
''Si trattera' - ha spiegato Romagnani - di due trattamenti paralleli: alcuni pazienti saranno curati con le staminali ottenute con il nuovo sistema, altri con le staminali ottenute con il classico prelievo di midollo, di cui gia' si conoscono i risultati positivi. Se la sperimentazione avra' effetto, sara' la prova della validita' della scoperta, che potra' essere estesa anche all' infarto acuto del miocardio e all' ischemia cardiaca cronica''.
''La nuova popolazione di staminali e' stata trovata grazie al ''marcatore di staminalita'' denominato ''nanog'' - ha aggiunto Romagnani - il termine deriva da un gioco di parole: Tir nan og era un dio della mitologia celtica che aveva la capacita' di restare eternamente giovane. Il nanog e' appunto un fattore che riesce a trovare dentro al corpo umano, in questo caso nel sangue, le cellule staminali, base della cosiddetta medicina rigenerativa''.
L'equipe di Romagnani ha trovato nel sangue adulto cellule che esprimono nanog e anche la molecola CD34 delle cellule staminali emopoietiche. ''In condizione appropriate - ha specificato il professore - queste staminali possono differenziarsi in vari tipi cellulari ovvero endotelio, adipociti, osteoblasti e cellule neuronali''.
I vantaggi di usare staminali dal sangue di una persona adulta sono molteplici: minori costi, minori tecniche invasive, disponibilita' di un elevato numero di cellule facilmente accessibili, minore incidenza di infezioni. ''Senza dimenticare - e' stato precisato - che nel caso di staminali adulte non si hanno quegli svantaggi derivanti dall'uso di staminali embrionali, che sono piu' potenti e proliferanti ma provengono da un altro individuo e, come nel caso di trapianto, possono dar luogo a rigetto''.
La scoperta e' stata appena pubblicata su ''Circulation research'', uno dei piu' importanti giornali scientifici a livello mondiale e organo ufficiale della ''American heart association''. Il brevetto, depositato a novembre scorso, e' di proprieta' dell'azienda Careggi ma ne godranno a costo zero tutte le altre aziende toscane.


Fonte: Ansa (20/07/2005)
Pubblicato in Medicina e Salute
Tag: ischemie, sangue
Vota: Condividi: Inoltra via mail

Per poter commentare e' necessario essere iscritti al sito.

Registrati per avere:
un tuo profilo con curriculum vitae, foto, avatar
messaggi privati e una miglior gestione delle notifiche di risposta,
la possibilità di pubblicare tuoi lavori o segnalare notizie ed eventi
ed entrare a far parte della community del sito.

Che aspetti, Registrati subito
o effettua il Login per venir riconosciuto.

 
Leggi i commenti
Notizie
  • Ultime.
  • Rilievo.
  • Più lette.

Evento: Congresso Nazionale della SocietÓ Italiana di Farmacologia
Evento: Synthetic and Systems Biology Summer School
Evento: Allosteric Pharmacology
Evento: Conference on Recombinant Protein Production
Evento: Informazione e teletrasporto quantistico
Evento: Into the Wild
Evento: Astronave Terra
Evento: Advances in Business-Related Scientific Research
Evento: Conferenza sulle prospettive nell'istruzione scientifica
Evento: New Perspectives in Science Education


Correlati

 
Disclaimer & Privacy Policy