Feed RSS: Molecularlab.it NewsiCalendar file
Categorie

Prima diabetica italiana curata con staminali

Struttura insulina


Per la prima volta al mondo Ŕ stato effettuato con successo un trapianto combinato di cellule staminali prelevate dal midollo osseo insieme a cellule del pancreas, su una donna affetta da diabete insu

Per la prima volta al mondo Ŕ stato effettuato con successo un trapianto combinato di cellule staminali prelevate dal midollo osseo insieme a cellule del pancreas, su una donna affetta da diabete insulino dipendente. L'intervento e' stato effettuato da un team di clinici italiani all'universita' di Miami, coordinati dal dottor Camillo Ricordi, in una donna italiana di 44 anni.
A due mesi dal trapianto i parametri biologici della donna sono stati definiti ottimi: la glicemia, ha spiegato Ricordi, si e' normalizzata e stabilizzata. ''E' la prima volta - ha detto Ricordi - che abbiamo ottenuto l'indipendenza dall'insulina dopo una singola infusione di cellule che producono insulina e due infusioni di cellule staminali purificate dal midollo osseo di uno stesso donatore''.
Il dottor Ricordi ha spiegato che l'intervento effettuato sulla donna e' il primo di sei autorizzati dalla Food and Drug Administration.
''La nostra idea - ha aggiunto da Miami - e' quella di purificare cellule staminali dal midollo osseo e far coesistere il sistema immunitario del donatore con quello del ricevente e far accettare meglio le cellule delle isole pancreatiche che normalmente producono insulina.
Se questa strategia sara' vincente - ha aggiunto - pensiamo di poter in futuro diminuire i farmaci immunoppressori. Quello effettuato fino ad ora e' il primo trapianto combinato del genere - ha sottolineato - e l'obiettivo e' di trasferire le tecniche dello studio nei centri italiani dove si effettuano trapianti di isole pancreatiche''.
''Da quando abbiamo effettuato il primo trapianto di isole pancreatiche nel 1990 - ha detto Ricordi - ci siamo concentrati sullo sviluppo di strategie per ridurre o eliminare nel tempo i farmaci antirigetto. E' presto per dire se questo studio ci permettera' di raggiungere questo obiettivo ma siamo davvero entusiasti di questo iniziale successo''.
Le procedure della ricerca condotta negli Stati Uniti richiedono l'uso di donatori multipli; quando un donatore e' disponibile i medici prelevano anche il midollo osseo dal quale estraggono le cellule staminali.
I ricercatori sperano che con questa strategia combinata si possa creare il cosiddetto 'chimerismo', cioe' una condizione nella quale le staminali del donatore potranno coesistere con il sistema immunitario del ricevente.
Il primo paziente trapiantato, una donna italiana, grazie all'innovativo ma ancora sperimentale intervento, non ha bisogno da due mesi di insulina mentre continua ad assumere farmaci antirigetto. Se i parametri rimarranno positivi, in futuro si valutera' la possibile sospensione anche di questi medicinali.

Fonte: Ansa (22/09/2005)
Pubblicato in Biotecnologie
Tag: diabete, staminali
Vota: Condividi: Inoltra via mail

Per poter commentare e' necessario essere iscritti al sito.

Registrati per avere:
un tuo profilo con curriculum vitae, foto, avatar
messaggi privati e una miglior gestione delle notifiche di risposta,
la possibilità di pubblicare tuoi lavori o segnalare notizie ed eventi
ed entrare a far parte della community del sito.

Che aspetti, Registrati subito
o effettua il Login per venir riconosciuto.

 
Leggi i commenti
Notizie
  • Ultime.
  • Rilievo.
  • Più lette.

Evento: Congresso Nazionale della SocietÓ Italiana di Farmacologia
Evento: Synthetic and Systems Biology Summer School
Evento: Allosteric Pharmacology
Evento: Conference on Recombinant Protein Production
Evento: Informazione e teletrasporto quantistico
Evento: Into the Wild
Evento: Astronave Terra
Evento: Advances in Business-Related Scientific Research
Evento: Conferenza sulle prospettive nell'istruzione scientifica
Evento: New Perspectives in Science Education


Correlati

 
Disclaimer & Privacy Policy