Feed RSS: Molecularlab.it NewsiCalendar file
Categorie

Idrogel per stampare tessuti vascolari

Staminali


Le frontiere della ricerca tecnologica, Ŕ ben noto, a volte si spingono fino a terre lontanissime, esplorate soltanto dalla fantascienza popolare: questo il caso della carta organica da utilizzare per

Le frontiere della ricerca tecnologica, Ŕ ben noto, a volte si spingono fino a terre lontanissime, esplorate soltanto dalla fantascienza popolare: questo il caso della carta organica da utilizzare per assemblare, da semplici progetti al computer, intere trame di tessuti vascolari come capillari e vasi sanguigni. Presto vedremo stampanti capaci di assemblare organi funzionanti?
L'idrogel, il materiale organico sviluppato dall'equipe del Prof. Glenn Prestwich, pu˛ essere utilizzato come "base" per stampare serie ben precise di aggregati cellulari. Realizzato da alcuni scienziati del Dipartimento Farmaceutico dell'UniversitÓ dello Utah, negli Stati Uniti, questo ritrovato Ŕ ancora in fase protosperimentale ma promette una cambio paradigmatico nel settore biomedico, pari soltanto all'impatto che si prevede avranno le nanotecnologie sul prossimo futuro.
Il progetto Ŕ finanziato dal governo statunitense con un budget pari a cinque milioni di dollari e le speranze della comunitÓ scientifica d'oltreoceano sono tutte indirizzate alla fabbricazione di organi.
"Poco per volta, dopo numerosi passaggi", dichiara Prestwich in una intervista rilasciata alla stampa locale, "possiamo stampare tanti fogli di idrogel che, una volta uniti, serviranno per ricostruire strutture organiche solide e tridimensionali".
Per il momento si parla di ricostruzione di tessuti danneggiati grazie alla sovrapposizione di "sfoglie" d'idrogel, a base di zuccheri, uniti a cellule vive, inserite all'interno del materiale connettivo. "Entro un po' di tempo riusciremo a fondere varie cellule all'interno dell'idrogel", spiega Prestwich, "ed entro breve potremmo costruire parti funzionali per l'apparato circolatorio e renale".
Le stime degli esperti parlano di almeno cinque anni necessari prima di ottenere risultati apprezzabili con l'applicazione pratica di questa nuova tecnologia. "Non stiamo giocando ad essere Dio", conclude il chimico, "ma vogliamo semplicemente organizzare ci˛ che la biologia offre, in modo da poter riparare pi¨ facilmente le parti del corpo danneggiate".

Fonte: Punto-Informatico (09/11/2005)
Pubblicato in Medicina e Salute
Tag: idrogel, ricostruzione, organi, trapianto
Vota: Condividi: Inoltra via mail

Per poter commentare e' necessario essere iscritti al sito.

Registrati per avere:
un tuo profilo con curriculum vitae, foto, avatar
messaggi privati e una miglior gestione delle notifiche di risposta,
la possibilità di pubblicare tuoi lavori o segnalare notizie ed eventi
ed entrare a far parte della community del sito.

Che aspetti, Registrati subito
o effettua il Login per venir riconosciuto.

 
Leggi i commenti
Notizie
  • Ultime.
  • Rilievo.
  • Più lette.

Evento: Congresso Nazionale della SocietÓ Italiana di Farmacologia
Evento: Synthetic and Systems Biology Summer School
Evento: Allosteric Pharmacology
Evento: Conference on Recombinant Protein Production
Evento: Informazione e teletrasporto quantistico
Evento: Into the Wild
Evento: Astronave Terra
Evento: Advances in Business-Related Scientific Research
Evento: Conferenza sulle prospettive nell'istruzione scientifica
Evento: New Perspectives in Science Education


Correlati

 
Disclaimer & Privacy Policy