Feed RSS: Molecularlab.it NewsiCalendar file
Categorie

Primo via libera per il decreto legge sulla protezione giuridica delle invenzioni biotecnologiche

Biblioteca


Si' dell'Aula della Camera al decreto legge sulla protezione giuridica delle invenzioni biotecnologiche. I si' sono stati 201, 11 i no, 124 gli astenuti il 26 gennaio. Convinto il sostegno

Si' dell'Aula della Camera al decreto legge sulla protezione giuridica delle invenzioni biotecnologiche. I si' sono stati 201, 11 i no, 124 gli astenuti il 26 gennaio. Convinto il sostegno al provvedimento del centrodestra, mentre Ds e Dl si sono astenuti e Verdi e Prc hanno votato contro. Il testo ora passa al Senato.
Il decreto esclude dalla brevettabilita', fra l'altro, il corpo umano "dal momento del concepimento e nei vari stadi del suo sviluppo", i metodi per il trattamento terapeutico del corpo umano o animale, le invenzioni "il cui sfruttamento commerciale e' contrario alla dignita' umana", la clonazione umana fatta con qualsiasi tecnica ed ogni procedimento tecnico che utilizzi cellule embrionali umane. Sono invece brevettabili, fra l'altro, purche' abbiano i requisiti di novita' e originalita' e siano suscettibili di applicazione industriale: i materiali biologici isolati dal loro ambiente naturale o prodotti tramite un procedimento tecnico, anche se preesistenti allo stato naturale; un procedimento tecnico attraverso il quale viene prodotto, lavorato o impiegato materiale biologico, anche se preesistente allo stato naturale; qualsiasi applicazione nuova di un materiale biologico o di un procedimento tecnico gia' brevettato; un'invenzione riguardante piante o animali ovvero un insieme vegetale, caratterizzato dall'espressione di un determinato gene e non dal suo intero genoma.
Domenico Di Virgilio, responsabile nazionale del dipartimento di bioetica di Forza Italia e Sottosegretario alla Salute, esprime "viva soddisfazione" per l'approvazione del decreto, "che disciplina in modo puntuale e preciso gli aspetti giuridici, tecnici ed etici delle invenzioni biotecnologiche e in particolare pone un punto fermo sulla esclusione dalla brevettabilita' di ogni procedimento tecnologico teso alla clonazione umana".
"Merita inoltre sottolineare la esclusione di ogni tipo di utilizzazione di embrioni umani, incluse le linee di cellule staminali embrionali umane. Non secondaria poi e' la esclusione dalla brevettabilita' delle invenzioni riguardanti protocolli di screening genetici il cui sfruttamento condurrebbe ad una discriminazione o catalogazione di soggetti umani su base genetica e quindi ad una riduzione del valore della vita umana". "Con questo provvedimento c'e' il divieto di brevettabilita' di procedimenti di modificazione dell'identita' genetica dell'essere umano, compresa la mercificazione del Dna perche' la ricerca scientifica in ambito genetico deve comunque ponderare e riflettere su ogni intervento sul materiale umano anche se finalizzato alla promozione del bene della persona. Il valore della vita umana, fonte dell'uguaglianza tra gli uomini, rende illegittimo un uso puramente strumentale dell'esistenza di un nostro simile, chiamato alla vita per essere usato soltanto come materiale biologico".
"Un altro provvedimento conto la liberta' di ricerca scientifica; un altro conato di vomito contro il progresso": commenta cosi' Rita Bernardini, tesoriera di Radicali Italiani e membro della Direzione Nazionale della Rosa nel pugno. "Il governo Berlusconi in questi ultimi giorni della legislatura sta vomitando addosso agli italiani il peggio del peggio in termini di norme antiscientifiche, anti-progresso, anti-ricerca". "Gia' nel 2003 l'Associazione Luca Coscioni riusci', con un appello che aveva registrato l'adesione di oltre 2000 scienziati, a bloccare la normativa proposta dal Governo che i radicali erano riusciti a far conoscere sia in Europa che presso le Nazioni Unite. Ma la furia antiscientifica di questo Governo, inginocchiato alla volonta' e ai diktat del Vaticano, e' tornata a manifestarsi con prepotenza in queste ore approfittando della distrazione dei mezzi di informazione su mille altri fronti". "Escludendo dalla brevettabilita' delle invenzioni biotecnologiche qualsiasi procedimento e tecnica riguardante le cellule staminali embrionali, anche quelle ottenute con la tecnica del TNSA (Trasferimento Nucleare di Cellule Staminali Autologhe) il Governo toglie qualsiasi speranza alla nostra ricerca di poter competere in un campo fra i piu' promettenti del futuro per la scoperta di concrete possibilita' di cura di malattie che oggi non lasciano alcuna speranza di guarigione a milioni di persone".

Fonte: Aduc (15/02/2006)
Pubblicato in Analisi e Commenti
Tag: brevetti, legislazione
Vota: Condividi: Inoltra via mail

Per poter commentare e' necessario essere iscritti al sito.

Registrati per avere:
un tuo profilo con curriculum vitae, foto, avatar
messaggi privati e una miglior gestione delle notifiche di risposta,
la possibilità di pubblicare tuoi lavori o segnalare notizie ed eventi
ed entrare a far parte della community del sito.

Che aspetti, Registrati subito
o effettua il Login per venir riconosciuto.

 
Leggi i commenti
Notizie
  • Ultime.
  • Rilievo.
  • Più lette.

Evento: Congresso Nazionale della SocietÓ Italiana di Farmacologia
Evento: Synthetic and Systems Biology Summer School
Evento: Allosteric Pharmacology
Evento: Conference on Recombinant Protein Production
Evento: Informazione e teletrasporto quantistico
Evento: Into the Wild
Evento: Astronave Terra
Evento: Advances in Business-Related Scientific Research
Evento: Conferenza sulle prospettive nell'istruzione scientifica
Evento: New Perspectives in Science Education


Correlati

 
Disclaimer & Privacy Policy