Feed RSS: Molecularlab.it NewsiCalendar file
Categorie

L'alternativa ad antibiotici anti-streptococco

Staphylococcus aureus


Trovata una possibile alternativa agli antibiotici contro gli streptococchi del gruppo A, batteri causa di banali ma anche gravissime infezioni.
Si tratta, come spiegato sulla rivista Current Bio

Trovata una possibile alternativa agli antibiotici contro gli streptococchi del gruppo A, batteri causa di banali ma anche gravissime infezioni.
Si tratta, come spiegato sulla rivista Current Biology, di una molecola che mette KO un enzima con cui questi batteri evadono il sistema immunitario.
L'enzima batterico e la molecola che lo inibisce sono stati scoperti dall'equipe di Victor Nizet del Children's Hospital di San Diego . L'enzima neutralizza le armi dei neutrofili, la prima linea di difesa del nostro corpo.
Gli streptococchi del gruppo A sono batteri che causano infezioni tra le piu' svariate, dal mal di gola alla fascite necrotizzante, un'infezione dei tessuti interni, che puo' essere mortale. Queste infezioni si curano di solito con antibiotici ma l'emergere di resistenze batteriche agli antibiotici rende sempre piu' pressante la necessita' di nuove strategie terapeutiche.
Di recente e' stato scoperto che i neutrofili, cellule immunitarie che rappresentano la prima linea difensiva del corpo umano, producono una 'rete' di Dna e sostanze tossiche con cui intrappolano e uccidono i batteri.
Adesso i ricercatori hanno scoperto in ceppi patogeni di streptococco l'enzima che neutralizza questa rete lanciata dai neutrofili.
Infatti eliminando il gene per questo enzima dal Dna di uno streptococco isolato da pazienti con fascite necrotizzante, un'infezione rara e sovente fatale dei tessuti molli che interessa gli strati fasciali superficiali delle estremita', dell'addome e del perineo, gli esperti hanno reso innocuo questo patogeno.
Viceversa, inserendo il gene per l'enzima in un ceppo di streptococco non patogeno, gli esperti lo hanno reso aggressivo come quello che causa la fascite.
Infine somministrando un inibitore dell'enzima a topolini infettati con ceppi aggressivi di streptococco, gli scienziati sono riusciti a ridurre la carica infettiva e la malattia negli animali.
Con una molecola di questo tipo, hanno concluso i ricercatori, si potrebbe dunque adottare una strategia terapeutica del tutto innovativa: non piu' un farmaco che, come gli antibiotici, miri a uccidere il batterio, ma una molecola che aiuti il nostro sistema immunitario a difendersi da lui.

Fonte: Ansa (22/02/2006)
Pubblicato in Medicina e Salute
Tag: antibiotico, streptococco
Vota: Condividi: Inoltra via mail

Per poter commentare e' necessario essere iscritti al sito.

Registrati per avere:
un tuo profilo con curriculum vitae, foto, avatar
messaggi privati e una miglior gestione delle notifiche di risposta,
la possibilità di pubblicare tuoi lavori o segnalare notizie ed eventi
ed entrare a far parte della community del sito.

Che aspetti, Registrati subito
o effettua il Login per venir riconosciuto.

 
Leggi i commenti
Notizie
  • Ultime.
  • Rilievo.
  • Più lette.

Evento: Congresso Nazionale della SocietÓ Italiana di Farmacologia
Evento: Synthetic and Systems Biology Summer School
Evento: Allosteric Pharmacology
Evento: Conference on Recombinant Protein Production
Evento: Informazione e teletrasporto quantistico
Evento: Into the Wild
Evento: Astronave Terra
Evento: Advances in Business-Related Scientific Research
Evento: Conferenza sulle prospettive nell'istruzione scientifica
Evento: New Perspectives in Science Education


Correlati

 
Disclaimer & Privacy Policy