Feed RSS: Molecularlab.it NewsiCalendar file
Categorie

Evitare ricadute del tumore alla prostata con un vaccino

Prostata


Anticipazioni di uno studio dell'universitÓ di Torino

Prevenire le ricadute nei pazienti gia' curati per un tumore alla prostata: l'equipe di Alessandro Tizzani, direttore della clinica urologica all'Universita' di Torino, sta cercando di realizzarlo attraverso un vaccino.
Tizzani ha spiegato i principi alla presentazione del Meeting Internazionale sul cancro prostatico, a Milano, che ha comunque mantenuto un certo riserbo sui dettagli del vaccino, ne ha spiegato il principio di base oggi a Milano, nell'ambito della presentazione del Meeting Internazionale sul cancro prostatico che si svolgera' a Torino il 24 e il 25 marzo prossimi.
In Italia il tumore alla prostata colpisce il 30% degli uomini con piu' di 50 anni; e' il tumore piu' diagnosticato nei maschi occidentali (secondo per incidenza solo a quello del polmone), tanto che si verificano circa 21.000 nuovi casi e 7.000 morti ogni anno.
''Le tecniche attualmente impiegate nella terapia del cancro alla prostata e che costituiscono gli interventi ottimali per il malato - hanno spiegato gli esperti - sono l' asportazione chirurgica e la radioterapia .
A volte pero' e' possibile che dopo l'intervento ci sia una ricaduta, e che il tumore ricompaia. Per capire se c'e' un rischio di ricadute, e' sufficiente controllare con un esame del sangue la quantita' di una proteina nota come PSA: la ricomparsa del tumore infatti e' associata a livelli di PSA piu' alti del normale''.
Ed e' proprio nella fase successiva all'intervento, ma precedente alla eventuale ricaduta, che i ricercatori di Torino vogliono intervenire con il loro vaccino: ''Lo scopo sarebbe quello di utilizzare un particolare antigene per bloccare il tumore e con esso l'aumento dei marcatori come il PSA - ha spiegato Tizzani -, che indicano che la malattia sta progredendo''.
Ma come puo' avvenire il blocco della progressione tumorale? Questo vaccino - ha continuato Tizzani - consiste nel prelevare dal sangue del paziente alcune cellule staminali, che verranno 'addestrate' in laboratorio a riconoscere particolari proteine tipiche del tumore. Le cellule cosi' modificate verrebbero re-iniettate nel paziente, dove dovrebbero essere in grado di uccidere le cellule tumorali residue e prevenire cosi' il rischio di ricadute.
L'uso del condizionale pero' e' d'obbligo, visto che per ora i test relativi a questo vaccino sono stati effettuati solo su cellule tumorali coltivate in laboratorio. E ci vorra' ancora del tempo prima che inizi la sperimentazione di questo vaccino sull'uomo. Anche se, per il professor Tizzani, questo passaggio avverra' ''presto''.

Redazione MolecularLab.it (23/03/2006)
Pubblicato in Cancro & tumori
Tag: prostata
Vota: Condividi: Inoltra via mail

Per poter commentare e' necessario essere iscritti al sito.

Registrati per avere:
un tuo profilo con curriculum vitae, foto, avatar
messaggi privati e una miglior gestione delle notifiche di risposta,
la possibilità di pubblicare tuoi lavori o segnalare notizie ed eventi
ed entrare a far parte della community del sito.

Che aspetti, Registrati subito
o effettua il Login per venir riconosciuto.

 
Leggi i commenti
Notizie
  • Ultime.
  • Rilievo.
  • Più lette.

Evento: Congresso Nazionale della SocietÓ Italiana di Farmacologia
Evento: Synthetic and Systems Biology Summer School
Evento: Allosteric Pharmacology
Evento: Conference on Recombinant Protein Production
Evento: Informazione e teletrasporto quantistico
Evento: Into the Wild
Evento: Astronave Terra
Evento: Advances in Business-Related Scientific Research
Evento: Conferenza sulle prospettive nell'istruzione scientifica
Evento: New Perspectives in Science Education


Correlati

 
Disclaimer & Privacy Policy