Feed RSS: Molecularlab.it NewsiCalendar file
Categorie

Nasce in Italia la prima prolunga molecolare

Photo courtesy Sandia Labs


Un cavo ultra-miniaturizzato fatto di molecole e spesso meno di mezzo milionesimo di millimetro, e quando viene esposto alla luce solare genera e conduce elettroni proprio come un qualsiasi cavo elett

Un cavo ultra-miniaturizzato fatto di molecole e spesso meno di mezzo milionesimo di millimetro, e quando viene esposto alla luce solare genera e conduce elettroni proprio come un qualsiasi cavo elettrico: Ŕ nata in Italia la prolunga elettrica pi¨ piccola del mondo, descritta questa settimana sulla rivista dell Accademia delle Scienze degli Stati Uniti, PNAS. La ricerca Ŕ stata condotta dall universitÓ di Bologna in collaborazione con l UniversitÓ della California a Los Angeles. La prolunga molecolare Ŕ spessa 0,3 milionesimi di millimetro (nanometri) e lunga 2, Ŕ, come ogni altra prolunga, alle sue estremitÓ ha una presa e spina che possono essere collegate e scollegate a piacimento. Ottenuta dal gruppo di ricerca dell universitÓ di Bologna coordinato dal chimico Vincenzo Balzani. Lo stesso gruppo di ricerca anni fa ha ottenuto la macchina molecolare pi¨ forte del mondo, e il pi¨ veloce motore molecolare a energia solare. In un futuro ancora lontano nanoprolunghe come queste potrebbero essere utilizzate per controllare processi interni alle cellule attraverso impulsi elettrici inviati dall esterno, oppure come componente di circuiti molecolari di computer chimici.
Lo studio delle possibili future applicazioni hi-tech sarÓ affidato alla Rete dell Alta Tecnologia dell Emilia Romagna, coordinata dal consorzio Aster. La prolunga molecolare, chiamata Promes, Ŕ formata da tre molecole: una presa iniziale alimentata da una fonte di elettroni, un cavo di collegamento intermedio e una spina terminale. Quando le tre componenti sono collegate tra loro, e la prolunga molecolare, immersa in un liquido di soluzione, viene illuminata dal sole, si produce un flusso di elettroni dalla presa iniziale alla spina terminale attraverso il cavo intermedio."Costituisce il risultato di un lavoro di ricerca durato quattro anni", ha osservato Balzani. "Abbiamo dapprima progettato la prolunga a tavolino, qui in Italia. Poi - ha proseguito - Ŕ stato il turno dei nostri colleghi americani che hanno costruito i componenti e ce li hanno spediti a Bologna. Infine noi li abbiamo assemblati ed abbiamo dimostrato che la prolunga molecolare funziona come previsto". Secondo Alberto Credi, uno degli autori della ricerca, la nanoprolunga potrebbe essere utilizzata per controllare i processi interni di una cellula, inviando segnali elettrici fra i due lati di una membrana cellulare. Le applicazioni pi¨ affascinanti sono probabilmente legate alla costruzione di circuiti molecolari nei quali le informazioni possono essere codificate, oltre che con segnali elettrici, anche con segnali luminosi o chimici. L obiettivo a lungo termine Ŕ la costruzione di computer chimici basati su principi simili a quelli del cervello e molto pi¨ piccoli e potenti degli attuali calcolatori basati su semiconduttori.

Redazione MolecularLab.it (27/11/2006)
Pubblicato in Genetica, Biologia Molecolare e Microbiologia
Tag: nano
Vota: Condividi: Inoltra via mail

Per poter commentare e' necessario essere iscritti al sito.

Registrati per avere:
un tuo profilo con curriculum vitae, foto, avatar
messaggi privati e una miglior gestione delle notifiche di risposta,
la possibilità di pubblicare tuoi lavori o segnalare notizie ed eventi
ed entrare a far parte della community del sito.

Che aspetti, Registrati subito
o effettua il Login per venir riconosciuto.

 
Leggi i commenti
Notizie
  • Ultime.
  • Rilievo.
  • Più lette.

Evento: Congresso Nazionale della SocietÓ Italiana di Farmacologia
Evento: Synthetic and Systems Biology Summer School
Evento: Allosteric Pharmacology
Evento: Conference on Recombinant Protein Production
Evento: Informazione e teletrasporto quantistico
Evento: Into the Wild
Evento: Astronave Terra
Evento: Advances in Business-Related Scientific Research
Evento: Conferenza sulle prospettive nell'istruzione scientifica
Evento: New Perspectives in Science Education


Correlati

 
Disclaimer & Privacy Policy