Feed RSS: Molecularlab.it NewsiCalendar file
Categorie

Evoluzione genetica condizionata dai fattori ambientali

Rappresentazione Cromosoma X


Nella ricerca si osserva che i terremoti hanno causato un'impronta genetica nella popolazione dello Stretto di Messina

Uno studio condotto da due ricercatori italiani (un ematologo e una biologa) che lavorano nei laboratori della Banca del cordone ombelicale a Sciacca (Ag), sembra dimostrare che l'evoluzione del DNA Ŕ influenzata dai fattori ambientali. Lillo Ciaccio e Michela Ges¨ i ricercatori italiani che si sono occupati di questo studio, analizzando negli ultimi 4 anni le caratteristiche genetiche di circa 6000 campioni di sangue placentare e di circa 4000 donatori di midollo osseo (provenienti da Calabria e Sicilia), hanno scoperto che una certa modificazione del DNA ha una distribuzione regolare e ordinata in base alla zona di provenienza.
"Questo tipo di distribuzione del Dr11 non pu˛ essere attribuita a fluttuazioni casuali o a deriva genetica. Sembra piuttosto che la graduale e ordinata riduzione di frequenza del Dr11 possa dipendere dalla distanza dallo Stretto di Messina", sottolineano i due ricercatori.
Hanno inoltre precisato che questo fenomeno osservato non Ŕ spiegabile con le invasioni di diversi popoli che hanno caratterizzato la storia della Calabria e della Sicilia (Normanni, Arabi, Bizantini...).
I due scienziati ipotizzano che siano i terremoti ad influire sulla distribuzione del Dr11.
Questa ipotesi confermerebbe la teoria evoluzionistica enunciata, nell'800, dal naturalista e biologo francese Jean Baptiste Lamarck, secondo cui l'influenza dei fattori ambientali determinerebbe il ramificarsi dell'evoluzione del patrimonio genetico, teoria opposta a quella del "differenziamento casuale" del DNA proposta da Darwin.
Questa scoperta potrebbe contribuire a spiegare le modalitÓ e le dinamiche dell'evoluzione, materia che tuttora causa perplessitÓ e dibattito nella comunitÓ scientifica.
L'area dello Stretto di Messina Ŕ stata colpita da diversi terremoti tra la fine dell'800 e i primi del '900 e a causa di questi sismi si diffuse nell'aria il radon, gas nocivo all'uomo (fuoriuscito dalle fenditure nel terreno aperte dal sisma). I risultati dello studio mostrano che la presenza di Dr11 sia accentuata con una certa intensitÓ nei soggetti che vivono nell'area dello Stretto di Messina e secondo le ipotesi di Ciaccio e Ges¨ questa mutazione sarebbe aumentata per difendere l'organismo dagli effetti nocivi del gas.
Nello zona dello Stretto di Messina il radon Ŕ molto presente ma allontanadosi da questa area, la presenza del gas va diminuendo sensibilmente. A Trapani ad esempio la presenza di radon Ŕ 70 volte inferiore a quella presente a Messina e Reggio Calabria.
I risultati di questa ricerca saranno pubblicati dalla rivista "Nature Genetics"



Redazione MolecularLab.it (15/02/2007)
Pubblicato in Genetica, Biologia Molecolare e Microbiologia
Tag: genetica, ambiente
Vota: Condividi: Inoltra via mail

Per poter commentare e' necessario essere iscritti al sito.

Registrati per avere:
un tuo profilo con curriculum vitae, foto, avatar
messaggi privati e una miglior gestione delle notifiche di risposta,
la possibilità di pubblicare tuoi lavori o segnalare notizie ed eventi
ed entrare a far parte della community del sito.

Che aspetti, Registrati subito
o effettua il Login per venir riconosciuto.

 
Leggi i commenti
Notizie
  • Ultime.
  • Rilievo.
  • Più lette.

Evento: Congresso Nazionale della SocietÓ Italiana di Farmacologia
Evento: Synthetic and Systems Biology Summer School
Evento: Allosteric Pharmacology
Evento: Conference on Recombinant Protein Production
Evento: Informazione e teletrasporto quantistico
Evento: Into the Wild
Evento: Astronave Terra
Evento: Advances in Business-Related Scientific Research
Evento: Conferenza sulle prospettive nell'istruzione scientifica
Evento: New Perspectives in Science Education


Correlati

 
Disclaimer & Privacy Policy