Feed RSS: Molecularlab.it NewsiCalendar file
Categorie

Coldiretti soddisfatta per lo stop alla sperimentazione biotech in campi italiani

Legumi


I prodotti tipici della dieta mediterranea saranno Ogm-free, questo eviterà crollo dei consumi e delle esportazioni

Il Ministro dell'Ambiente Alfonso Pecoraro Scanio, ha annunciato il ritiro dei protocolli di sperimentazione biotech nei campi italiani che riguardano interventi di ingegneria genetica su alcune specie caratteristiche come vite, ulivi, pomodoro, melanzane, ciliege, agrumi, kiwi, fragole e mais. Coldiretti ha commentato positivamente l'iniziativa: "Con lo stop ai protocolli per la sperimentazione all'aperto di Organismi Geneticamente Modificati (Ogm) per prodotti come vino, olio, agrumi e pomodoro, sono salvi dai rischi di contaminazione i prodotti base della dieta mediterranea". Oltre alle preoccupazioni per la salute dell'ambiente che sono state confermate da un recente studio svolto dall'Università di Exter, in Gran Bretagna, le preoccupazioni di Coldiretti riguardano anche il danno all'immagine del Made in Italy alimentare.
La presenza di contaminazioni Ogm in prodotti fondamentali del Paese quali vino, olio e conserva di pomodoro causerebbe dei gravi danni economici: il 55% dei consumatori stranieri eviterebbe di acquistare gli alimenti interessati e il 15% rifiuterebbe addirittura tutti i cibi nazionali. Il danno stimato si aggirerebbe intorno ai 5,4 miliardi di euro solo per quanto riguarda il calo delle esportazioni, questi i dati elaborati dai risultati della ricerca Inran sull'impatto degli organismi geneticamente modificati sui consumatori stranieri di alimenti Made in Italy. Secondo Coldiretti, il 60% degli stranieri ritiene che l'introduzione di Ogm nelle produzioni agroalimentari italiane causerebbe un peggioramento della sicurezza dei prodotti alimentari italiani e questo causerebbe anche un danno sulla percezione della qualità e sull'immagine degli alimenti del Paese. "Un atteggiamento che rischia di frenare la crescita record in valore delle esportazioni del 6,5% nel vino, del 10% nell'olio di oliva e del 3,6% nei pomodori conservati che - conclude la Coldiretti - è stata ottenuta grazie alle garanzie di qualità e di legame con il territorio che gli Ogm rischiano di compromettere". Inoltre, anche i consumatori italiani che nel 62% dei casi hanno un'opinione sfavorevole verso l'utilizzo di Ogm nel settore alimentare.

Redazione MolecularLab.it (13/06/2007)
Pubblicato in Biotecnologie
Tag: ogm, Coldiretti, alimentazione
Vota: Condividi: Inoltra via mail

Per poter commentare e' necessario essere iscritti al sito.

Registrati per avere:
un tuo profilo con curriculum vitae, foto, avatar
messaggi privati e una miglior gestione delle notifiche di risposta,
la possibilità di pubblicare tuoi lavori o segnalare notizie ed eventi
ed entrare a far parte della community del sito.

Che aspetti, Registrati subito
o effettua il Login per venir riconosciuto.

 
Leggi i commenti
Notizie
  • Ultime.
  • Rilievo.
  • Più lette.

Evento: Congresso Nazionale della SocietÓ Italiana di Farmacologia
Evento: Synthetic and Systems Biology Summer School
Evento: Allosteric Pharmacology
Evento: Conference on Recombinant Protein Production
Evento: Informazione e teletrasporto quantistico
Evento: Into the Wild
Evento: Astronave Terra
Evento: Advances in Business-Related Scientific Research
Evento: Conferenza sulle prospettive nell'istruzione scientifica
Evento: New Perspectives in Science Education


Correlati

 
Disclaimer & Privacy Policy