Feed RSS: Molecularlab.it NewsiCalendar file
Categorie

Stimolare l'interesse dei ricercatori nei confronti della Germania

Bioinformatica


La Germania potrebbe trasformarsi in una meta più invitante per gli scienziati internazionali, offrendo percorsi di carriera più chiari e migliori retribuzioni, nonché promuovendo la ri

La Germania potrebbe trasformarsi in una meta più invitante per gli scienziati internazionali, offrendo percorsi di carriera più chiari e migliori retribuzioni, nonché promuovendo la ricerca indipendente in fase iniziale. Sono solo alcune delle raccomandazioni formulate in un piano suddiviso in 10 punti pubblicato dalla fondazione Alexander von Humboldt.

Ripristinata dal governo federale tedesco nel 1953 dopo la fine della seconda guerra mondiale, la fondazione promuove la cooperazione internazionale in materia di ricerca e ogni anno gestisce circa 1 800 visite di ricerca di scienziati esperti ed emergenti.

Il piano in 10 punti, basato sui feedback della rete della fondazione, illustra le misure che le autorità pubbliche e le università tedesche dovrebbero adottare al fine di garantire che il paese continui ad attrarre ricercatori dall'estero.

Una raccomandazione fondamentale riguarda l'assunzione di un maggior numero di ricercatori. La fondazione sottolinea che ogni docente tedesco ha la responsabilità di supervisionare circa 63 studenti, un numero pari al doppio di quelli controllati in media nelle università internazionali.

Si stima che la Germania dovrebbe creare 70 000 nuovi posti di lavoro nel campo della ricerca, al fine di conseguire gli obiettivi di Lisbona dell'Unione europea tesi a fare dell'Europa l'economia più competitiva del mondo entro il 2010.
Il patto per l'istruzione superiore e il patto per la ricerca e l'innovazione del governo prevedono il finanziamento e l'assunzione di giovani studiosi, tuttavia, secondo la fondazione, «le misure non sono sufficienti e devono essere incrementate nel medio periodo».

La fondazione raccomanda inoltre di introdurre percorsi di carriera più chiari, in particolar modo tra le fasi di conseguimento di un dottorato e di assegnazione di una cattedra, e renderli compatibili a livello internazionale. Un suggerimento è quello di adottare il modello di titolarizzazione anglosassone, che definisce e qualifica chiaramente le fasi in cui sono adottate le decisioni in merito alla possibilità di permanenza di un ricercatore presso un istituto.

Un altro fattore che determina il trasferimento di un ricercatore in un altro paese è la retribuzione offerta. In Germania, gli scienziati che lavorano presso le università e i centri di ricerca pubblici vengono retribuiti in base alle tabelle salariali stabilite da un contratto collettivo riguardante il settore pubblico. Tuttavia, la fondazione afferma che questi compensi non sono competitivi, se paragonati a quelli di qualsiasi altro paese, e che il contratto non prende in considerazione le peculiarità della vita accademica. Al fine di rimanere competitivi a livello internazionale, la fondazione chiede una più attenta valutazione della tabella salariale «per stabilire se sia realmente proporzionata ai requisiti imposti oggi dalla scienza competitiva a livello internazionale».

Un altro modo di attirare ricercatori, in particolare i più giovani, è rafforzare i programmi di finanziamento per la ricerca indipendente in fase iniziale. Ma anche in questo caso la fondazione ha rilevato che, rispetto agli altri paesi, in Germania i giovani ricercatori hanno meno possibilità di prendere decisioni riguardo alla ricerca che svolgono. Viene proposto quindi di introdurre procedure che favoriscano l'assunzione di rischi tra i ricercatori in una fase iniziale della propria carriera.

Tra le misure aggiuntive che potrebbero contribuire ad attirare un maggior numero di ricercatori figurano l'istituzione a livello europeo di un sistema di trasferimento dei vantaggi di sicurezza sociale di base, un programma di investimento per gli alloggi e i punti di incontro per i ricercatori, dei migliori pacchetti di delocalizzazione, una consulenza professionale per i ricercatori e i loro partner e delle strutture per l'infanzia.



Fonte: Cordis (25/06/2007)
Pubblicato in Analisi e Commenti
Tag: Germania, universita, ricerca
Vota: Condividi: Inoltra via mail

Per poter commentare e' necessario essere iscritti al sito.

Registrati per avere:
un tuo profilo con curriculum vitae, foto, avatar
messaggi privati e una miglior gestione delle notifiche di risposta,
la possibilità di pubblicare tuoi lavori o segnalare notizie ed eventi
ed entrare a far parte della community del sito.

Che aspetti, Registrati subito
o effettua il Login per venir riconosciuto.

 
Leggi i commenti
Notizie
  • Ultime.
  • Rilievo.
  • Più lette.

Evento: Congresso Nazionale della SocietÓ Italiana di Farmacologia
Evento: Synthetic and Systems Biology Summer School
Evento: Allosteric Pharmacology
Evento: Conference on Recombinant Protein Production
Evento: Informazione e teletrasporto quantistico
Evento: Into the Wild
Evento: Astronave Terra
Evento: Advances in Business-Related Scientific Research
Evento: Conferenza sulle prospettive nell'istruzione scientifica
Evento: New Perspectives in Science Education


Correlati

 
Disclaimer & Privacy Policy