Feed RSS: Molecularlab.it NewsiCalendar file
Categorie

Resi noti i vincitori del concorso dell'Unione europea per giovani scienziati

Europa


Premio a giovani scienziati di età compresa tra i 14 e i 20 anni per le loro ricerche di biologia, astronomia, scienze della terra e altre discipline

Goccioline di acqua scintillanti, piante profumate e dati criptati sono i temi dei progetti che si sono aggiudicati il 19esimo concorso dell'Unione europea per giovani scienziati. Ciascuna delle tre équipe vincitrici ha ricevuto un premio di 5 000 EUR da José Manuel Silva Rodriguez, direttore generale per la Ricerca della Commissione europea.

Il concorso fa parte del programma «Scienza e società» dell'Unione europea, ed è stato istituito al fine di incoraggiare i giovani a perseguire il loro interesse nella scienza e intraprendere carriere scientifiche. La competizione di quest'anno, tenutasi a Valencia (Spagna), ha richiamato 81 partecipanti di 30 paesi europei, nonché Cina e Stati Uniti. Tutte le équipe che hanno preso parte al concorso avevano già vinto una gara scientifica nazionale.

I giovani scienziati, di età compresa tra i 14 e i 20 anni, hanno trattato una vasta gamma di discipline, tra cui l'astronomia, le scienze della terra, la biologia e le scienze sociali. Le presentazioni sono state valutate da una giuria internazionale composta da 15 esperti.

«Se esistono due elementi fondamentali del futuro dell'Europa, sono i nostri giovani e la nostra capacità di ricerca», ha dichiarato Janez Potocnik, commissario europeo per la Scienza e la ricerca. «È pertanto molto incoraggiante osservare l'interesse di tutto il mondo in questo concorso per giovani scienziati, nonché le tante idee innovative in mostra. Mi auguro che il vostro in questa competizione vi sia da incentivo al fine di proseguire il viaggio di invenzione e scoperta che avete intrapreso.»

I vincitori tedeschi Florian Ostermaier (19) e Henrike Wilms (20) si sono interessati per la prima volta alle proprietà delle gocce d'acqua nel corso di una gita in una grotta.
Hanno notato che ogni volta che una goccia cadeva da una stalattite, sembrava brillare a una certa altezza. Esperimenti effettuati con un rubinetto gocciolante hanno rivelato le condizioni in cui le gocce scintillano.

«Inoltre, siamo riusciti a descrivere il fenomeno matematicamente e ora sappiamo che i riflessi di luce in una goccia che cade cambiano poiché la goccia stessa oscilla», hanno scritto nella loro presentazione. I fisici in erba hanno rilevato che il fenomeno può essere osservato ogniqualvolta una goccia si stacca da una superficie, persino da una doccia o da una grondaia.

Márton Spohn diciottenne ungherese, è un altro vincitore. Ha studiato le piante che si difendono dai parassiti emanando un profumo che attrae i predatori naturali del parassita. «Tale fenomeno è stato studiato da biologi e chimici, tuttavia una contraddizione è passata inosservata: [le] sostanze chimiche ritenute direttamente responsabili degli effetti non possono evaporare», scrive Márton Spohn nella sua presentazione.

Gli esperimenti con gli estratti di pianta hanno rivelato il modo in cui tali sostanze chimiche si trasformano in composti che possono evaporare e diffondersi nell'aria al fine di attrarre i predatori dei parassiti. Márton Spohn auspica che il proprio lavoro conduca allo sviluppo di un maggior numero di pesticidi ecocompatibili.

Il terzo vincitore di uno dei primi premi è un irlandese di 16 anni, Abdusalam Abubakar. Il suo progetto si è occupato della codifica RSA, che utilizza codici pubblici e privati per cifrare dati inviati per esempio via internet. Abdusalam Abubakar si è basato su un precedente studio di altri scienziati al fine di dimostrare quando un messaggio in codice potrebbe, in teoria, essere attaccato.

Oltre al primo premio della competizione generale, il vincitore tedeschi e quello ungherese sono stati insigniti del premio onorario «Stockholm International Youth Science Seminar», che include un viaggio a Stoccolma per assistere alle cerimonie di premiazione dei Nobel e un incontro con Premi Nobel. Abdusalam Abubakar ha affiancato al suo primo premio uno del «London International Youth Science Forum», che gli darà l'opportunità di partecipare a un festival estivo delle scienze della durata di due settimane e di incontrare altri giovani scienziati provenienti da tutto il mondo.

Secondo la Commissione, la prospettiva per le tre équipe vincitrici è positiva. I partecipanti delle scorse edizioni hanno proseguito nella realizzazione di importanti ricerche scientifiche e molti hanno commercializzato con successo le idee sviluppate per il concorso.



Fonte: Cordis (24/09/2007)
Pubblicato in Analisi e Commenti
Tag: Europa, premio, ricerca
Vota: Condividi: Inoltra via mail

Per poter commentare e' necessario essere iscritti al sito.

Registrati per avere:
un tuo profilo con curriculum vitae, foto, avatar
messaggi privati e una miglior gestione delle notifiche di risposta,
la possibilità di pubblicare tuoi lavori o segnalare notizie ed eventi
ed entrare a far parte della community del sito.

Che aspetti, Registrati subito
o effettua il Login per venir riconosciuto.

 
Leggi i commenti
Notizie
  • Ultime.
  • Rilievo.
  • Più lette.

Evento: Congresso Nazionale della SocietÓ Italiana di Farmacologia
Evento: Synthetic and Systems Biology Summer School
Evento: Allosteric Pharmacology
Evento: Conference on Recombinant Protein Production
Evento: Informazione e teletrasporto quantistico
Evento: Into the Wild
Evento: Astronave Terra
Evento: Advances in Business-Related Scientific Research
Evento: Conferenza sulle prospettive nell'istruzione scientifica
Evento: New Perspectives in Science Education


Correlati

 
Disclaimer & Privacy Policy