Feed RSS: Molecularlab.it NewsiCalendar file
Categorie

Allo studio una nuova strategia per combattere il virus dell'HIV

HIV


Inattivando la proteina ITK espressa da cellule del sistema immunitario si riesce a rallentare o bloccare l'infezione del virus

Da National Institutes of Health (NIH) arriva una nuova strategia per combattere il virus HIV. I ricercatori sono riusciti a bloccare l'infezione del virus inattivando una proteina espressa dalle cellule del sistema immunitario: l'interleukin-2-inducible T cell kinase (ITK). L'ITK è una proteina segnale che attiva i linfociti T e interferendo con essa si riesce a bloccare l'infezione delle cellule T. Spiega Pamela Schwartzberg, a capo del team di ricerca del NIH: “La soppressione della proteina ITK rende molto meno efficaci molte delle strade che il virus HIV utilizza per infettare le cellule, rallentando o inibendo l'infezione”. In laboratorio, per bloccare la proteina ITK nei linfociti T umani, i ricercatori hanno utilizzato sia inibitori chimici sia uno genetico (sfruttando l'interferenza a RNA).
In seguito hanno osservato che in tal modo la capacità del virus di penetrare nelle cellule e di replicarsi era decisamente ridotta. Inoltre l'inibizione di questa proteina non interferisce con la sopravvivenza e la funzionalità dei linfociti T.
Attualmente, la maggior parte dei farmaci utilizzati contro l'HIV agiscono sulle proteine virali, tuttavia a causa dell'alto tasso di mutazioni genetiche del virus, i bersagli dei farmaci si modificano molto rapidamente, causando il fenomeno della farmaco-resistenza. Per evitare questo problema viene somministrato un cocktail di farmaci con bersagli diversi, oppure vengono sostituiti i farmaci. Questa strategia però non sempre funziona e può anche avere effetti tossici.
Questa nuova strategia studiata, però, dà nuove speranze e i ricercatori credono nella possibilità di mettere a punto farmaci anti-HIV basati sull'inibizione della proteina ITK. La speranza risiede anche nel fatto che inibitori della ITK sono già allo studio come possibili farmaci contro l'asma e altre patologie del sistema immunitario. Schwartzberg ha concluso: “Già diverse compagnie farmaceutiche hanno pubblicato ricerche sugli inibitori della ITK nel quadro dei loro programmi. Noi speriamo che altre ricerche estendano i nostri risultati e che gli inibitori ITK possano trovare uno sbocco terapeutico contro l'HIV”.
Lo studio è stato descritto in un articolo pubblicato su “Proceedings of the National Academy of Sciences” (PNAS).

Redazione MolecularLab.it (06/05/2008)
Pubblicato in Genetica, Biologia Molecolare e Microbiologia
Tag: ITK, interleuchina, linfociti, HIV, AIDS
Vota: Condividi: Inoltra via mail

Per poter commentare e' necessario essere iscritti al sito.

Registrati per avere:
un tuo profilo con curriculum vitae, foto, avatar
messaggi privati e una miglior gestione delle notifiche di risposta,
la possibilità di pubblicare tuoi lavori o segnalare notizie ed eventi
ed entrare a far parte della community del sito.

Che aspetti, Registrati subito
o effettua il Login per venir riconosciuto.

 
Leggi i commenti
Dossier Aiuta la RicercaWorld Community Grid per aiutare la ricerca scientifica
Aiuta la ricerca scientifica!
Cancro, AIDS, SARS, malaria:
Il modo diretto e facile per lo sviluppo di nuove cure.
Notizie
  • Ultime.
  • Rilievo.
  • Più lette.

Evento: Congresso Nazionale della SocietÓ Italiana di Farmacologia
Evento: Synthetic and Systems Biology Summer School
Evento: Allosteric Pharmacology
Evento: Conference on Recombinant Protein Production
Evento: Informazione e teletrasporto quantistico
Evento: Into the Wild
Evento: Astronave Terra
Evento: Advances in Business-Related Scientific Research
Evento: Conferenza sulle prospettive nell'istruzione scientifica
Evento: New Perspectives in Science Education


Correlati

 
Disclaimer & Privacy Policy