Feed RSS: Molecularlab.it NewsiCalendar file
Categorie

Sangue artificiale da cordone ombelicale

sangue


Sviluppato da scienziati americani, potrebbe essere usato per curare i soldati feriti in battaglia

Un gruppo di scienziati americani ha sviluppato sangue artificiale che potrebbe presto essere utilizzato per curare i soldati feriti in battaglia. Secondo quanto riportato dalla rivista Wired, il sangue è stato sviluppato partendo da cellule del cordone ombelicale e utilizzando una macchina in grado di 'imitare' il modo in cui funziona il midollo osseo per produrre globuli rossi.
Conosciuto come 'blood pharming', il programma è stato lanciato nel 2008 dal braccio sperimentale del Pentagono, la Darpa, con lo scopo di creare sangue per curare i soldati in battaglia in luoghi lontani. La società Arteriocyte, che ha ricevuto 1,95 milioni di dollari per il progetto, ha ora spedito il suo primo carico di sangue 0-negativo alla Food and Drug Administration (FDA), l'agenzia americana pe il controllo sul cibo e i farmaci.
Il sangue viene fatto usando le cellule ematopoietiche prelevati dal cordone ombelicale in un processo chiamato 'pharming', utilizzando piante e animali ingegnerizzati per creare grandi quantità di sostanze utili.
Un cordone ombelicale può essere trasformato in 20 unità di sangue utilizzabile. Un soldato ferito avrebbe bisogna in media di sei unità durante il trattamento. Le cellule prodotte con questo metodo sono "funzionalmente indistinguibili dai globuli rossi sani in circolazione", ha detto la società. "Stiamo fondamentalmente imitando il midollo osseo in laboratorio", ha spiegato Don Brown alla guida di Arteriocyte. "Il nostro modello funziona - ha continuato - ma abbiamo bisogno di estendere le nostre capacità produttive su larga scala". Se questo sangue artificiale venisse approvato, potrebbe avvenire una vera e propria rivoluzione nei campi di battaglia, dove vi è una scarsità di donatori di sangue che ostacola di fatto il trattamento dei soldati feriti. Il trasporto di sangue nelle zone di guerra è molto difficile se deve avvenire su lunghe distanze, soprattutto se si tratta di aiutare pazienti n situazioni di urgenza. A volte occorrono più di 20 giorni prima che il sangue arrivi a destinazione. C'è poi il rischio che il sangue vada a male. La sperimentazione umana del nuovo sangue artificiale dovrebbe partire non prima del 2013, ma la Arteriocyte prevede che le forze armate possano disporre del nuovo sangue tra cinque anni al massimo se il Pentagono decidesse di affrettare i tempi.

Fonte: Aduc (20/07/2010)
Pubblicato in Biotecnologie
Tag: sangue, cordone, Darpa, soldati
Vota: Condividi: Inoltra via mail

Per poter commentare e' necessario essere iscritti al sito.

Registrati per avere:
un tuo profilo con curriculum vitae, foto, avatar
messaggi privati e una miglior gestione delle notifiche di risposta,
la possibilità di pubblicare tuoi lavori o segnalare notizie ed eventi
ed entrare a far parte della community del sito.

Che aspetti, Registrati subito
o effettua il Login per venir riconosciuto.

 
Leggi i commenti
Notizie
  • Ultime.
  • Rilievo.
  • Più lette.

Evento: Congresso Nazionale della SocietÓ Italiana di Farmacologia
Evento: Synthetic and Systems Biology Summer School
Evento: Allosteric Pharmacology
Evento: Conference on Recombinant Protein Production
Evento: Informazione e teletrasporto quantistico
Evento: Into the Wild
Evento: Astronave Terra
Evento: Advances in Business-Related Scientific Research
Evento: Conferenza sulle prospettive nell'istruzione scientifica
Evento: New Perspectives in Science Education


Correlati

 
Disclaimer & Privacy Policy