Feed RSS: Molecularlab.it NewsiCalendar file
Categorie

Funghi transgenici contro la malaria

Zanzara


Un fungo modificato geneticamente e portatore dei geni per un anticorpo anti-malaria umano o una tossina dello scorpione anti-malaria potrebbe essere usato per combattere questa malattia

I virologi di tutto il mondo continuano a studiare metodi per combattere la malaria, una malattia infettiva degli esseri umani trasmessa dalla zanzara e causata dal parassita Plasmodium. Adesso alcuni ricercatori provenienti da Regno Unito e Stati Uniti e coordinati dall'Università del Maryland hanno scoperto che un fungo modificato geneticamente e portatore dei geni per un anticorpo anti-malaria umano o una tossina dello scorpione anti-malaria potrebbe essere usato per combattere questa malattia. Il risultato sarebbe efficace e non dannoso per l'ambiente. Secondo gli esperti è una buona notizia, in particolare visto che i pesticidi esistenti contro le zanzare della malaria stanno perdendo la loro utilità.

Presentati sulla rivista Science, i risultati dello studio mettono in luce il fatto che questo approccio generale potrebbe essere usato per controllare altre terribili malattie trasmesse da insetti e da zecche, come la dengue.

"Sebbene sia stato applicato qui per combattere la malaria, il nostro approccio basato sul fungo transgenico è molto flessibile e permette la creazione e la trasmissione di prodotti genetici mirati per quasi tutti gli artropodi portatori di malattie," spiega il professor Raymond St. Leger del Dipartimento di entomologia dell'Università del Maryland, uno degli autori dello studio.

"In questo studio dimostriamo che vaporizzando le zanzare portatrici di malaria con un fungo modificato geneticamente per produrre molecole indirizzate agli sporozoiti che causano la malaria si potrebbe ridurre la trasmissione della malattia agli umani di almeno cinque volte rispetto all'uso di un fungo non modificato."

I ricercatori del Maryland, insieme ai loro colleghi presso la Johns Hopkins School of Public Health negli Stati Uniti e dell'Università di Westminster nel Regno Unito, hanno creato i funghi transgenici anti malaria usando il fungo che attacca le zanzare, chiamato Metarhizium anisopliae, e inserendo al suo interno geni di un anticorpo umano o di una tossina di scorpione.

Secondo loro, sia l'anticorpo che la tossina hanno come obiettivo specifico il parassita che causa la malaria, il Plasmodium falciparum (P.
falciparum), un parassita dei protozoi e della specie del Plasmodium. In seguito hanno confrontato tre gruppi di zanzare gravemente infette dal parassita della malaria. Le zanzare del Gruppo 1 sono state vaporizzate con il fungo transgenico, mentre gli insetti del Gruppo 2 sono stati vaporizzati con un ceppo non modificato o naturale del fungo e il Gruppo 3 non è stato vaporizzato con alcun fungo.

I dati hanno mostrato un calo significativo del numero di parassiti sviluppati nel Gruppo 1 rispetto agli altri due gruppi. Il team dice che il parassita che provoca la malaria, P. falciparum, è stato trovato nelle ghiandole salivare di appena il 25% delle zanzare vaporizzate con il fungo transgenico, contro l'87% di quelle del Gruppo 2 e il 94% di quelle del Gruppo 3. Hanno sottolineato che anche nel 25% delle zanzare che avevano ancora il parassita dopo essere state irrorate con il fungo transgenico, hanno visto un calo di oltre il 95% nel numero di parassiti rispetto alle zanzare irrorate con il tipo selvatico del fungo.

"Adesso che abbiamo dimostrato l'efficacia di questo approccio e che abbiamo superato diversi ostacoli normativi statunitensi riguardo i prodotti transgenici del Metarhizium, il nostro obiettivo principale è portare questa tecnologia per essere testata sul campo in Africa il prima possibile," dice il professor St. Leger. "Vogliamo però testare anche alcune ulteriori combinazioni per assicurarci di aver ottimizzato il patogeno che blocca la malaria."

In uno sviluppo collegato, i ricercatori del Maryland stanno usando geni che codificano tossine molto specifiche per creare patogeni supervirulenti in grado di controllare vari parassiti come i pentatomoidea e le cimici. "Gli insetti sono una parte importante della diversità naturale e della salute dell'ambiente, ma le nostre interazioni con essi non sempre sono a nostro beneficio," spiega il professor St. Leger.

I parassiti che causano la malaria sono responsabili di infettare circa 240 milioni di persone in tutto il mondo ogni anno. Secondo l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS), la malaria provoca oltre 850.000 morti ogni anno e la gran parte delle vittime sono bambini. La maggior parte dei casi si verifica nell'Africa sub-sahariana, ma la malattia è presente in 108 paesi del mondo. Trattare le zanzariere e i muri interni con insetticidi sta diventando un metodo sempre più futile per la prevenzione della malattia perché le zanzare stanno lentamente diventando resistenti agli insetticidi.

Come spiegano gli esperti, "Le strategie di prevenzione della malaria possono ridurre grandemente il fardello mondiale di questa malattia ma, man mano che le zanzare continuano ad acquisire resistenza ai metodi attualmente usati, si rendono necessari metodi nuovi e innovativi per prevenire la malaria."

Fonte: Cordis (08/03/2011)
Pubblicato in Biotecnologie
Tag: pentatomoidea, Metarhizium, Plasmodium, malaria
Vota: Condividi: Inoltra via mail

Per poter commentare e' necessario essere iscritti al sito.

Registrati per avere:
un tuo profilo con curriculum vitae, foto, avatar
messaggi privati e una miglior gestione delle notifiche di risposta,
la possibilità di pubblicare tuoi lavori o segnalare notizie ed eventi
ed entrare a far parte della community del sito.

Che aspetti, Registrati subito
o effettua il Login per venir riconosciuto.

 
Leggi i commenti
Dossier Aiuta la RicercaWorld Community Grid per aiutare la ricerca scientifica
Aiuta la ricerca scientifica!
Cancro, AIDS, SARS, malaria:
Il modo diretto e facile per lo sviluppo di nuove cure.
Notizie
  • Ultime.
  • Rilievo.
  • Più lette.

Evento: Congresso Nazionale della SocietÓ Italiana di Farmacologia
Evento: Synthetic and Systems Biology Summer School
Evento: Allosteric Pharmacology
Evento: Conference on Recombinant Protein Production
Evento: Informazione e teletrasporto quantistico
Evento: Into the Wild
Evento: Astronave Terra
Evento: Advances in Business-Related Scientific Research
Evento: Conferenza sulle prospettive nell'istruzione scientifica
Evento: New Perspectives in Science Education


Correlati

 
Disclaimer & Privacy Policy