Forum

Nome Utente:
Password:
Riconoscimi automaticamente
 Tutti i Forum
 Varie
 Università, Orientamento, Lavoro
 aggiornamento lavorativo
 Nuova Discussione  Nuovo Sondaggio Nuovo Sondaggio
 Rispondi Aggiungi ai Preferiti Aggiungi ai Preferiti
Cerca nelle discussioni
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Risorse di Università e Lavoro: Siti di Università - enti di ricerca e Lavoro Ultime notizie
Pagina Successiva

Aggiungi Tag Aggiungi i tag

Quanto è utile/interessante questa discussione:

Autore Discussione
Pagina: di 3

puccio
Utente Junior

Prov.: Piacenza
Città: cortemaggiore


238 Messaggi

Inserito il - 01 luglio 2008 : 13:05:05  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di puccio Invia a puccio un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Sondaggio:
salve a tutti,
faccio una domanda che sono solito fare ogni 6 mesi;
QUANTI E CHI LAVORA COME BIOTECNOLOGO?(IN ITALIA)
anche perche'da quanto emerso la scorsa volta e risultato zero.
IO lo propongo.. Ma non e ora di chiudere questo corso di laurea???
aspetto commenti...
ciao

Scelte:

Si, bisognerebbe chiudere biotecnologie
No, non vedo perchè bisognerebbe chiudere biotecnologie

(Voto Anonimo)

Verina
Utente Junior

Città: Milano


285 Messaggi

Inserito il - 01 luglio 2008 : 13:07:29  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Verina Invia a Verina un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
io forse nn c'ero l'altra volta!

Biotecnologa,
Patent specialist junior & scientific assistent R&D in azienda farmaceutica


Torna all'inizio della Pagina

frau_frosch
Utente Junior

Mourn

Città: Boston


225 Messaggi

Inserito il - 01 luglio 2008 : 13:08:08  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di frau_frosch Invia a frau_frosch un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Premetto che sono ancora studentessa ma...le opzioni "a" e "b" per cosa stanno? "b" = biotecnologo; "a"=altro? Cmq bel sondaggio. son curiosa anche io!
Torna all'inizio della Pagina

valia
Moderatore


Prov.: UK


1001 Messaggi

Inserito il - 01 luglio 2008 : 13:17:58  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di valia  Clicca per vedere l'indirizzo MSN di valia Invia a valia un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Citazione:
Messaggio inserito da frau_frosch

le opzioni "a" e "b" per cosa stanno? "b" = biotecnologo; "a"=altro? Cmq bel sondaggio.


Ho modificato il sondaggio.. Spero di aver interpretato bene quello che Puccio voleva dire!

Torna all'inizio della Pagina

Ayla
Utente Junior

guardiano

Città: Wageningen


573 Messaggi

Inserito il - 01 luglio 2008 : 14:42:36  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Ayla Invia a Ayla un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
hm, ora non so se "dare la colpa" a valia o a puccio, ma mi sembrano un po' estreme come risposte...
come dire, secondo me un paese che nemmeno prevede l'educazione delle biotecnologie (o biologia in senso piú lato) é perduto in partenza. É vero peró che ci dovrebbe essere maggiore selettivitá, e magari lasciare il corso in soli 3 o 4 atenei... Se se ne sfornano 30 di biotech all'anno, trovano tutti lavoro! Cmq, credo che le risposte sarebbero dovute essere "si, lavoro come bio(tecno)logo" e "no, nonostante la laurea in materia faccio altro"...
in tal caso rispondo A.
Magari le risposte potrebbero essere piú di una, indicando il tipo di contratto (indet, det, phd, borsa, tecnico, privato, pubblico, italia, estero, e le possibili combinazioni...)
Torna all'inizio della Pagina

Iside
Utente Attivo

Iside_paradise

Città: Napoli


1375 Messaggi

Inserito il - 01 luglio 2008 : 14:59:22  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Iside  Invia a Iside un messaggio Yahoo! Invia a Iside un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
si infatti concordo con ayla, la domanda nel corpo del messaggio non è proprio in linea con le risposte che si possono dare. o meglio...puccio fa due domande: una è quanta gente lavora nel campo delle biotecnologie (e qui come è stao giustamente detto bisognerebbe fare tutta la distinzione tra i vari tipi di lavoro) e l'altra riguarda la chiusura delle facoltà

secondo me sarebbe carino ed interessante aprire (o ampliare) il sondaggio per capire la % di laureati che lavorano nel campo biotech e le specifiche del contratto.


...we're just two lost souls swimming in a fishbawl...year after year...
Torna all'inizio della Pagina

valia
Moderatore


Prov.: UK


1001 Messaggi

Inserito il - 01 luglio 2008 : 15:03:33  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di valia  Clicca per vedere l'indirizzo MSN di valia Invia a valia un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Aspettiamo le delucidazioni di puccio sul significato del sondaggio allora... Anche se, appunto, si tratta di una domanda già affrontata più di una volta in questa sede!
Io l'ho intesa nella sua accezione più estremista e (credo) provocatoria semplicemente perchè non mi andava un'altra discussione su "Chi lavora come biotecnologo in Italia?".

Torna all'inizio della Pagina

AleXo
Moderatore

OrniAle

Prov.: Estero
Città: San Francisco, California


1550 Messaggi

Inserito il - 01 luglio 2008 : 16:17:23  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di AleXo  Invia a AleXo un messaggio AOL Invia a AleXo un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
io lavoro come biotech ma all'estero... non vedo perche' dovrei voler chiudere i corsi in Italia, quando sono fiero e soddisfatto della mia formazione*. Inoltre in questo lavoro tutti si muovono, il 47% dei dottorandi nel posto dove lavoro sono stranieri...



*nel mio istituto gli Italiani sono praticamente tutti Biotech!

Torna all'inizio della Pagina

fpotpot
Utente

Città: middleofnowhere


1056 Messaggi

Inserito il - 01 luglio 2008 : 17:15:02  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di fpotpot Invia a fpotpot un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
personalmente se tornassi indietro cambierei facoltà.
Ma si tratta di una scelta di attitudini personali,nn per partito preso.
Dubito che il corso venga chiuso perchè come in tutte le cose ci sta dietro il business...la mia facoltà a bologna all'epoca era la più costosa di tutti i corsi di laurea bolognesi.Bel primato soprattutto vista poi la difficoltà di trovare impiego.Dopo un corso così impegnativo in termini mentali,psicologici,di tempo e di soldi!,il nulla più completo fuori dall'aula dove ho discusso la mia tesi.Primo ed ultimo giorno di gloria del mio percorso acciaccato ed un pò sfigato.
Però nn scoraggerei chi vuole farlo,in fondo se ad uno piace e vuole fare della scienza la sua vita,nn ha senso scoraggiare.
Più che altro cambierei la testa dei politici e farei far pagare meno tasse alle aziende biotec che investono in ricerca in italia.Invece di farli chiudere e fuggire lasciando solo la parte commerciale e di distribuzione in italia (v.glaxo e tante altre) promuoverei ed incentiverei le multinazionali a far piovere proprio nel nostro paesucolo corrotto le loro iniziative di investimento.
Per loro costa troppo stare qui,e di conseguenza per mangiare uno scienziato deve andarsene.Io tra gli italiani al'estero che ho conosciuto,ho conosciuto delle persone brillanti dal punto di vista scientifico,molto più di alcuni colleghi stranieri.Che spreco!
Torna all'inizio della Pagina

puccio
Utente Junior

Prov.: Piacenza
Città: cortemaggiore


238 Messaggi

Inserito il - 01 luglio 2008 : 23:01:41  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di puccio Invia a puccio un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
salve ancora a tutti,
innanzitutto grazie Valia per L aiuto(lo dico sempre che le donne hanno una marcia in piu)
cmq quello che volevo sapere era solo ed esclusivamente avere qualche testimonianza di qualcuno che valorasse nel settore biotecnologico..senza dottorati o borse di studio..tutto qua..
diciamo che come dice giustamente Valia e una specie di provocazione ma anche capire praticamente cosa succede dopo l universita'..
se vale la pena avere ancora questo corso di laurea attivo..cerco solo di essere pratico..
Abbiamo capito che Alexo lavora all estero e si sta meglio..grazie per la testimonianza, ma non tutti possono andare all estero.. deve essere una scelta NON un imposizione sociale.
Torna all'inizio della Pagina

chick80
Moderatore

DNA

Città: Edinburgh


11491 Messaggi

Inserito il - 01 luglio 2008 : 23:42:30  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di chick80 Invia a chick80 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Non vedo perchè chiuderlo. Lavoro all'estero forse non strettamente nel campo delle biotecnologie (e ci sarebbe da chiarire cosa si intende per biotecnologie), ma il corso mi ha dato un'ottima formazione.

Se si dovesse chiudere un corso perchè non c'è gente che lavora in quel settore in Italia rimarremmo con ben poche università...

Sei un nuovo arrivato?
Leggi il regolamento del forum e presentati qui

My photo portfolio (now on G+!)
Torna all'inizio della Pagina

AleXo
Moderatore

OrniAle

Prov.: Estero
Città: San Francisco, California


1550 Messaggi

Inserito il - 02 luglio 2008 : 00:00:45  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di AleXo  Invia a AleXo un messaggio AOL Invia a AleXo un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
non capisco perche' il dottorato non venga considerato un lavoro.

e lavorare come borsita non e' lavoro? e che e'?

che poi avere un contratto da trainee in azienda e' molto diverso?

Le biotecnologie si fanno solo con contratti a tempo indeterminato?

Cmq della mia classe di laurea sono praticamente tutti con un occupazione (ma meno della meta' all'estero)

Torna all'inizio della Pagina

Verina
Utente Junior

Città: Milano


285 Messaggi

Inserito il - 02 luglio 2008 : 09:50:39  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Verina Invia a Verina un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
mi sembra un discorso alquanto inutile, impostato male peraltro.

anyway,

Puccio che cosa volevi sapere? quanti biotec lavorano con un contratto, che però non sia dottorato, non sia borsa, non sia assegno? o vuoi sapere REALMENTE quanti di noi hanno trovato un'occupazione?

andare all'estero è una scelta, a me sembra che gran parte delle persone finisca per piangersi addosso, solo perchè non è immediatamente il Direttore di una company dopo 5 anni di studio o perchè prende SOLO 1100 euro al mese come il farmacista dell'altro post.

Torna all'inizio della Pagina

Iside
Utente Attivo

Iside_paradise

Città: Napoli


1375 Messaggi

Inserito il - 02 luglio 2008 : 10:14:14  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Iside  Invia a Iside un messaggio Yahoo! Invia a Iside un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Citazione:
Messaggio inserito da puccio


non tutti possono andare all estero.. deve essere una scelta NON un imposizione sociale.




io l'ho sempre detto questo...sante parole!

...we're just two lost souls swimming in a fishbawl...year after year...
Torna all'inizio della Pagina

RiboElisoma
Nuovo Arrivato



51 Messaggi

Inserito il - 02 luglio 2008 : 10:19:27  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di RiboElisoma Invia a RiboElisoma un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
io sto ancora studiando, ma sono felice della mia scelta! ho sempre voluto fare biologia perchè mi ha sempre appassionato, adesso faccio biotech e mi piace. non vedo perchè si dovrebbe chiudere il corso e poi andare o non andare all'estero è una scelta personale, ci sono tanti che ci vanno perchè loro vogliono andarci. Sento altre compagne di corso ke non si preoccupano nemmeno di cercare in italia perchè per loro aspirazione personale vogliono lavorare all'estero.

Se cominciamo con questi ragionamenti non andremo mai da nessuna parte! allora perchè esistono le università? abboliamo anche lettere e filosofia perchè solo la nostra? loro pensi che abbiano più lavoro di noi? io non credo visto quant'è difficile entrare nelle scuole ad insegnare...
Questo è un settore molto importante in via di sviluppo e per questo si sa che l'italia è lenta a capire e a realizzare la cosa, ma chiudere un corso di laurea come questo sarebbe un bel passo indietro secondo me!
Torna all'inizio della Pagina

puccio
Utente Junior

Prov.: Piacenza
Città: cortemaggiore


238 Messaggi

Inserito il - 03 luglio 2008 : 17:32:46  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di puccio Invia a puccio un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
ciao Verina,
per rispondere alla tua domanda;intendo persone che lavorano nel campo biotecnologico che non siano soggette a i dottorati di turno
(sinceramente io un dottorato in ITALIA non lo ritengo un lavoro, perche NON lo considero il tipico sbocco lavorativo.. mi spiego meglio;su 100 biotecn neolaureati tutti devano fare il dott.. cosi come andare su 100 biotecn neola, 98 debbano andare all estero)
persone che lavorino con il DNA, persone che lavorino con gli anticorpi mono/poli clonali,persone che si occupano di trovare nuovi geni ,farmaci biotecnologic,OGM, ecc..in quanto penso che a prescindere dalla facolta' generalmente siano queste le impostazioni di base per un potenziale biotecnologo.. e tutto questo RETRIBUITO..
chi lavora si faccia sentire..

PS:esclusi i soliti noti(Alexo,chick80ecc)lo sappiamo che siete all estero e state benissimo, ma il sondaggio e rivolto a chi vuole lavorare in Italia..
Torna all'inizio della Pagina

chick80
Moderatore

DNA

Città: Edinburgh


11491 Messaggi

Inserito il - 03 luglio 2008 : 17:51:49  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di chick80 Invia a chick80 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Sinceramente non capisco il punto del sondaggio. Ok, bisogna andare all'estero e a qualcuno può non piacere. Sono d'accordissimo con te che non dovrebbe essere una cosa obbligata ma una scelta ma.... detto tutto questo, in che modo chiudere la facoltà di biotech aiuterebbe la situazione? Facendo riversare tutti gli iscritti a biologia? Non troverebbero comunque lavoro in Italia... o mi sono perso qualcosa?

Sei un nuovo arrivato?
Leggi il regolamento del forum e presentati qui

My photo portfolio (now on G+!)
Torna all'inizio della Pagina

puccio
Utente Junior

Prov.: Piacenza
Città: cortemaggiore


238 Messaggi

Inserito il - 03 luglio 2008 : 20:23:22  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di puccio Invia a puccio un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
ok,
CHI LAVORA? E QUANTI LAVORANO NEL SETTORE BIOTECNOLOGICO/BIOFARMACEUTICO/BIOINDUSTRIALE in ITALIA???
CON LA LAUREA IN BIOTECNOLOGIE..
non siate timidi..
Torna all'inizio della Pagina

Crono
Nuovo Arrivato

Prov.: Padova


117 Messaggi

Inserito il - 04 luglio 2008 : 09:40:08  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Crono Invia a Crono un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Io lavoro nel settore R&D di una aziendina di Limena a 950 euro /mese. Mi rendo conto che la situazione non è per nulla rosea e in effetti sono l'unico del mio corso che sia riuscito a trovare un lavoro nel privato (e sono passati 2 anni dalla laurea...). Continuo a meravigliarmi della continua affluenza di neolaureati nei corsi di biotecnologie con questo tasso di disoccupazione.
Personalmente io mi sento truffato dall'università, perchè attivare/pubblicizzare corsi che non hanno prospettive lavorative? Non credete che questa sia alla fine una truffa?
Concordo per la chiusura di tutti questi corsi di biotecnologie, semmai si potrebbero tenere aperti in 2-3 atenei (Nord, Centro e Sud) ma a numero chiuso (max 100 neo laureati/ anno in totale).
Per il lavoro all'estero: deve essere una opportunità non un obbligo.
Torna all'inizio della Pagina

Verina
Utente Junior

Città: Milano


285 Messaggi

Inserito il - 04 luglio 2008 : 10:38:16  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Verina Invia a Verina un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
ok, allora ti ho già risposto per quello che mi riguarda.

il discorso sul dottorato in Italia io non lo condivido affatto, per cui resta che il sondaggio per me è incompleto alla base.

Torna all'inizio della Pagina

puccio
Utente Junior

Prov.: Piacenza
Città: cortemaggiore


238 Messaggi

Inserito il - 04 luglio 2008 : 21:35:42  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di puccio Invia a puccio un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
ok,
andiamo avanti...
per adesso siamo a 2 (valia e Crono)...andiamo bene..
fatevi sentire..
Torna all'inizio della Pagina

valia
Moderatore


Prov.: UK


1001 Messaggi

Inserito il - 05 luglio 2008 : 11:55:56  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di valia  Clicca per vedere l'indirizzo MSN di valia Invia a valia un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Citazione:
Messaggio inserito da puccio
per adesso siamo a 2 (valia e Crono)...




Io faccio un dottorato all'estero!
Torna all'inizio della Pagina

canary 86
Utente Junior



241 Messaggi

Inserito il - 05 luglio 2008 : 12:07:22  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di canary 86 Invia a canary 86 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
permettetemi un piccolo off topic
per quello che riguarda il problema degli sbocchi di lavoro,forse dovremmo dire un'altra cosa oltre a reclamizzare il numero chiuso

forse sarebbe ora di dire: e' il settore industriale italiano ad essere troppo limitato e poco produttivo

sapete com'e',aumenta il numero chiuso,ma vedo che i posti di lavoro quelli non aumentano per niente

e ci ritroviamo ad essere uno dei paesi con il minor numero di laureati e con i maggiori tassi di disoccupazione

il numero chiuso,nn rappresenta uno stimolo per lo sviluppo ecomico per il pigro settore economico italiano che nn appena entra in crisi,invece di uscirne si rintana nel suo rifugio dicendo: diminuiamo il numero dei laureati,anziche uscire dalle crisi e svilupparci
il numero chiuso sembra la soluzione numero 1 per la disoccupazione.e' una falsa soluzione.perche' lo stato cmq deve adoperarsi per far in modo che quelli che non entrano nelle universita' si trovino nelle condizioni di trovare un lavoro in proporzione ai propri meriti e capacita'

questo nn avviene.non dico che il numero chiuso e' sbagliato in assoluto perche' in alcune facolta' e' davvero necessario.

pero' si dovrebbe cercare di capire davvero cosa si vuole da questo istituto,perche' se crediamo di risolvere il problema disoccupazione cosi,mi sa che ci siamo persi qualcosa

ciau
Torna all'inizio della Pagina

Crono
Nuovo Arrivato

Prov.: Padova


117 Messaggi

Inserito il - 05 luglio 2008 : 12:41:44  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Crono Invia a Crono un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
X Canary 86
Io credo che il numero di neo laureati deve assolutamente essere correlato al numero di aziende attive in quel settore, altrimenti si continua a sfornare disoccupati e la situazione nel nostro settore attualmente è così.
C'è una situazione generale di grande crisi, quindi è inutile illudersi che le cose possano migliorare nel breve-medio termine.
Il numero di neo laureati deve essere ridotto e, appunto correlato con il numero delle aziende.
Mi dispiace essere così duro, ma ho troppi ex-compagni dell'università (molti usciti con la lode) che attualmente fanno i magazzinieri, centralinisti o peggio disoccupati.
Buon fine settimana a tutti !
Torna all'inizio della Pagina

canary 86
Utente Junior



241 Messaggi

Inserito il - 05 luglio 2008 : 12:56:40  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di canary 86 Invia a canary 86 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
nessuno si illude che le cose cambino nel breve tempo

sto solo dicendo che credere che col numero chiuso si risolvano tutti i mali lavorativi dell'italia,nn e' una cosa molto corretta

solo questo
Torna all'inizio della Pagina

Verdelacca
Nuovo Arrivato




5 Messaggi

Inserito il - 07 luglio 2008 : 12:10:35  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Verdelacca Invia a Verdelacca un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Ciao
io lavoro in Italia in un laboratorio universitario ma sotto contratto con una ditta farmaceutica tedesca. Mi occupo di cellule staminali.
Vale lo stesso??
Torna all'inizio della Pagina
Pagina: di 3 Discussione  

Quanto è utile/interessante questa discussione:

Pagina Successiva
 Nuova Discussione  Nuovo Sondaggio Nuovo Sondaggio
 Rispondi Aggiungi ai Preferiti Aggiungi ai Preferiti
Cerca nelle discussioni
Vai a:
MolecularLab.it © 2003-18 MolecularLab.it Torna all'inizio della Pagina