Feed RSS: Molecularlab.it NewsiCalendar file
Categorie

Ottenuto topo che mangia e non ingrassa


Un farmaco garantito contro lobesita potrebbe raggiungere il mercato fra pochi anni, grazie ala scoperta di scienziati australiani, che affermano di aver identificato nel topo un gene responsabile d

Un farmaco garantito contro l'obesita' potrebbe raggiungere il mercato fra pochi anni, grazie ala scoperta di scienziati australiani, che affermano di aver identificato nel topo un gene responsabile dell'accumulo del grasso corporeo. Gli studiosi dell'Istituto Garvan di Sydney hanno ottenuto un topo che mangia a piacimento ma non ingrassa.
Il topo, geneticamente modificato per bruciare piu' energia e soprannominato 'hot mouse', manca di un gene specifico detto 'c-Cbl'. L'animale ha peso corporeo simile alla norma ma ha meno grasso nonostante consumi l'equivalente di un pasto in piu' al giorno.
La scoperta, sostengono gli scienziati potrebbe consentire un giorno alle persone di mangiare quanto vogliono senza mettere su peso.
''Il modello offerto dall''hot mouse' apre nuove possibilita' di sviluppare farmaci che consentano alle persone di mangiare di piu' senza aumentare di peso, convertendo il cibo in calore invece di immagazzinarlo come grasso'', spiega il direttore dell'istituto, prof.
David James. L'obiettivo e' ora quello di creare una farmaco che imiti la funzione, cioe' l'assenza del gene c-Cbl.
Il gene contiene infatti il modello di una proteina che rallenta la conversione di grasso in energia. Normalmente il gene rallenta il processo cosi' che quando questo manca, e quindi anche la proteina, il processo si accelera.
Il diabete e l obesita sono il risultato di una combinazione di stile di vita e di geni spiega lo scienziato. ''La dieta e l'esercizio sono molto importanti, ma funzionano solo sullo sfondo della nostra composizione genetica. Questa scoperta ci consentira' di sviluppare nuovi approcci per trattare il fattori genetici di rischio, oltre che quelli ambientali piu' noti'', aggiunge.
I topi mancanti del gene c-Cbl sembrano godere della stessa longevita dei topi normali e si riproducono normalmente. A parte l abilita di mangiare di piu senza aumentare di peso, gli unici mutamenti fisici osservabili portati sono un aumento della temperatura corporea e dei livelli di energia.
Un farmaco che blocchi il funzionamento della proteina sull uomo avrebbe lo stesso effetto, sostengono gli scienziati.
Un tale farmaco, che dovrebbe essere disponibile entro cinque anni, sarebbe particolarmente adatto per le persone obese con disposizione genetica al diabete di tipo due. E i livelli accresciuti di energia avrebbero un benefico effetto collaterale, poiche' motiverebbero le persone a fare piu esercizio.

Fonte: Ansa (03/11/2004)
Pubblicato in Genetica, Biologia Molecolare e Microbiologia
Tag: obesita, grass , c-Cbl, diabete
Vota: Condividi: Inoltra via mail

Per poter commentare e' necessario essere iscritti al sito.

Registrati per avere:
un tuo profilo con curriculum vitae, foto, avatar
messaggi privati e una miglior gestione delle notifiche di risposta,
la possibilità di pubblicare tuoi lavori o segnalare notizie ed eventi
ed entrare a far parte della community del sito.

Che aspetti, Registrati subito
o effettua il Login per venir riconosciuto.

 
Leggi i commenti
Notizie
  • Ultime.
  • Rilievo.
  • Più lette.

Evento: Congresso Nazionale della SocietÓ Italiana di Farmacologia
Evento: Synthetic and Systems Biology Summer School
Evento: Neuroni Specchio
Evento: Science & You
Evento: Allosteric Pharmacology
Evento: Conference on Recombinant Protein Production
Evento: Informazione e teletrasporto quantistico
Evento: Into the Wild
Evento: Astronave Terra
Evento: Advances in Business-Related Scientific Research


Correlati

 
Disclaimer & Privacy Policy