Feed RSS: Molecularlab.it NewsiCalendar file
Categorie

Come la diversità batterica influenza l'obesità

Batterio


Un nuovo studio esplora il ruolo che i batteri intestinali possono avere nello sviluppo dell'obesità nei cani

L'incidenza dell'obesità è triplicata in molti paesi della Regione europea dell'OMS dagli anni ottanta e il numero delle persone che ne sono colpite continua a salire a un ritmo allarmante. L'obesità è già responsabile del 2-8 % dei costi sanitari e del 10-13 % dei decessi in diverse parti della Regione.

L'obesità non è però limitata agli esseri umani, anche i nostri amici cani sono a rischio. Infatti, due terzi dei veterinari professionisti credono che l'obesità degli animali domestici sia il primo problema sanitario per quanto riguarda gli animali domestici in tutta Europa, con la morte prematura che ne è la triste e più grave conseguenza.

Un nuovo studio ha riscontrato che l'obesità umana e quella canina si assomigliano. Come riferisce la rivista Science, "Le persone obese hanno una gamma di batteri meno diversificata nell'intestino rispetto alle persone magre, e lo stesso vale per i cani."

Nell'abstract dello studio, che è stato pubblicato questo mese sul Journal of Veterinary Internal Medicine, si legge che a sette cani Beagle sono stati dati cibi commerciali per un periodo di sei mesi, per farli aumentare di peso, mentre a sette altri cani sono state date quantità minori degli stessi alimenti, in modo da mantenere una condizione fisica ottimale per lo stesso periodo di sei mesi.
I ricercatori hanno riscontrato che i sette Beagle del primo gruppo sono ingrassati in media di 4,93 chilogrammi – circa il 67 % del loro peso medio iniziale.

La rivista Science spiega: "Quando i ricercatori hanno esaminato i campioni di feci raccolti da entrambi i gruppi dopo sei mesi, hanno trovato che l'intestino dei Beagle obesi conteneva una diversità più limitata di batteri rispetto a quello degli altri cani. Per di più, i microbi del phylum dei Firmicutes costituivano il gruppo predominante nei cani magri, mentre i batteri Gram-negativi chiamati Proteobacteria erano prevalenti nel gruppo obeso."

Come spiega Science, "I ricercatori pensano che un'abbondanza di Proteobacteria potrebbe portare a un aumento di lipopolisaccaride, uno dei principali componenti delle pareti cellulari dei batteri Gram-negativi, che è collegato all'aumento di peso nei topi."

Lo studio conclude che i ridotti livelli di serotonina nel gruppo obeso potrebbero far salire il rischio di obesità a causa dell'aumento dell'appetito e che la microflora arricchita da gram-negativi potrebbe essere collegata con uno stato di infiammazione cronica nei cani obesi. Secondo gli autori però, è necessario continuare la ricerca per esaminare quale ruolo hanno i batteri dell'intestino nello sviluppo dell'obesità, ci hanno detto gli autori.

Leggi l'articolo scientifico
"Association of Obesity with Serum Leptin, Adiponectin, and Serotonin and Gut Microflora in Beagle Dogs". Journal of Veterinary Internal Medicine (2014). DOI: 10.1111/jvim.12455

Redazione MolecularLab.it (02/12/2014 14:30:44)
Pubblicato in Genetica, Biologia Molecolare e Microbiologia
Tag: obesita, microbioma, flora batterica
Vota: Condividi: Inoltra via mail

Per poter commentare e' necessario essere iscritti al sito.

Registrati per avere:
un tuo profilo con curriculum vitae, foto, avatar
messaggi privati e una miglior gestione delle notifiche di risposta,
la possibilità di pubblicare tuoi lavori o segnalare notizie ed eventi
ed entrare a far parte della community del sito.

Che aspetti, Registrati subito
o effettua il Login per venir riconosciuto.

 
Leggi i commenti
Notizie
  • Ultime.
  • Rilievo.
  • Più lette.

Evento: Congresso Nazionale della Società Italiana di Farmacologia
Evento: Synthetic and Systems Biology Summer School
Evento: Neuroni Specchio
Evento: Science & You
Evento: Allosteric Pharmacology
Evento: Conference on Recombinant Protein Production
Evento: Informazione e teletrasporto quantistico
Evento: Into the Wild
Evento: Astronave Terra
Evento: Advances in Business-Related Scientific Research


Correlati

 
Disclaimer & Privacy Policy