Feed RSS: Molecularlab.it NewsiCalendar file
Categorie

Il migliore strumento per unire l'Europa Ŕ la ricerca


Il futuro economico, sociale e, in certa misura, politico dellEuropa Ŕ nelle mani della comunitÓ scientifica europea, sostiene Franšois dAubert, ministro francese della Ricerca.
Il ministro dAu

Il futuro economico, sociale e, in certa misura, politico dell'Europa Ŕ nelle mani della comunitÓ scientifica europea, sostiene Franšois d'Aubert, ministro francese della Ricerca.
Il ministro dAubert Ŕ intervenuto alla prima riunione congiunta tra l'Accademia francese delle scienze e i suoi omologhi nei dieci nuovi Stati membri, e ha inoltre accolto con favore la promessa dell'istituzione di un Consiglio europeo della ricerca (CER) che, a suo avviso, costituirÓ la base di una nuova forma di solidarietÓ internazionale.
"Nellambito delle modifiche strutturali che stanno scuotendo i nostri sistemi di ricerca e innovazione, Ŕ assolutamente necessario evitare che l'Europa si trasformi in una vasta area di subduzione", ha dichiarato ai presenti il ministro d'Aubert. "Ad esempio, secondo uno studio condotto da MIT, l'Europa rappresenta solo il sei per cento della ricerca mondiale totale nei tre settori chiave dei semiconduttori, delle TI e delle biotecnologie. La Cina, industria del mondo di ieri, investe giÓ il doppio della Francia in ricerca e sviluppo (R&S). Quando la Cina diventerÓ il laboratorio del mondo?", chiede il ministro.
Secondo il ministro, ricerca e innovazione in settori quali salute, fisica, chimica, matematica e tecnologie dell'informazione rappresentano l'ultimo baluardo per proteggere le economie avanzate dell'Europa dall'impoverimento generalizzato.
"Senza ricerca e innovazione, la globalizzazione Ŕ solo un'ampia ridistribuzione di carte geografiche su scala internazionale", ha dichiarato Franšois d'Aubert, chiedendo agli Stati membri europei di promuovere la scienza e aumentare il bilancio nazionale per la ricerca, in linea con la strategia di Lisbona.
La ricerca Ŕ uno dei settori che pu˛ davvero unire l'Europa, ha affermato il ministro dAubert, poichÚ un lavoro comune accompagnato da risultati concreti sarÓ motivo di indiscussa credibilitÓ per le Istituzioni europee e le legittimerÓ agli occhi dei cittadini europei dei 25 Stati membri.
"Sono convinto che, per i nostri cittadini, importanti programmi comuni in campi quali salute, spazio e ambiente faranno sý che il desiderio di Europa si rafforzi", ha affermato il ministro d'Aubert.
"Ritengo che oggi la situazione ci permetta di affrontare il futuro con ottimismo: la costruzione dell'Europa della scienza Ŕ pi¨ avanti rispetto al resto della costruzione europea", ha aggiunto.
Come osservato dal ministro d'Aubert, in Europa abbondano esempi di successo in campo industriale sostenuti da progressi scientifici sia nel quadro di iniziative comunitarie che nell'ambito di strutture europee ad hoc, ad esempio Ariane, Airbus, Galileo, e presto forse ITER.
"La ricerca europea non ha cessato di progredire sin dai primi trattati europei del 1957, e soprattutto a partire dallintroduzione dei programmi quadro" ha dichiarato il ministro d'Aubert. "Analogamente, grandi infrastrutture, come il CERN a Ginevra, il laboratorio internazionale Desy ad Amburgo, l'Istituto Laue-Langevin di Grenoble costituiscono molte "conquiste concrete" in grado di creare una vera solidarietÓ europea grazie alla scienza e di contribuire alla coesione europea. Con il trattato costituzionale, si compirÓ un altro passo avanti, istituendo una vera e propria politica europea per i settori della ricerca e dello spazio. In questo scenario, l'Europa della ricerca diventerÓ finalmente una delle realtÓ europee pi¨ forti, qualcosa di tangibile che i cittadini potranno toccare con mano nella realtÓ quotidiana", ha affermato.
Tornando alla questione del CER, il ministro ha spiegato che la Francia intende aumentare i fondi da destinare alla ricerca di base finanziata nell'ambito dei programmi quadro, un desiderio, questo, condiviso dai dieci nuovi Stati membri, ha fatto presente. Il ministro accoglie pertanto con favore i costruttivi dibattiti sull'argomento che si sono tenuti a Bruxelles e a Lussemburgo.
"La ricerca di base rivestirÓ un ruolo di primaria importanza nella politica scientifica europea", ha affermato il ministro d'Aubert. "In effetti, una scoperta nel campo della ricerca di base rappresenta un potenziale beneficio per ogni paese, ricercatore e cittadino del mondo, senza alcuna distinzione di sorta. ╚ un bene pubblico di tutti che Francia ed Europa, per generositÓ, nonchÚ per necessitÓ, hanno la responsabilitÓ di promuovere. [...] Questa sfida scientifica non Ŕ puramente simbolica; l'Unione, l'Unione europea, riguardo alla scienza, Ŕ al di sopra di qualsiasi altra cosa", ha concluso.

Fonte: Cordis (12/05/2005)
Pubblicato in Analisi e Commenti
Tag: ricerca
Vota: Condividi: Inoltra via mail

Per poter commentare e' necessario essere iscritti al sito.

Registrati per avere:
un tuo profilo con curriculum vitae, foto, avatar
messaggi privati e una miglior gestione delle notifiche di risposta,
la possibilità di pubblicare tuoi lavori o segnalare notizie ed eventi
ed entrare a far parte della community del sito.

Che aspetti, Registrati subito
o effettua il Login per venir riconosciuto.

 
Leggi i commenti
Notizie
  • Ultime.
  • Rilievo.
  • Più lette.

Evento: Congresso Nazionale della SocietÓ Italiana di Farmacologia
Evento: Synthetic and Systems Biology Summer School
Evento: Allosteric Pharmacology
Evento: Conference on Recombinant Protein Production
Evento: Informazione e teletrasporto quantistico
Evento: Into the Wild
Evento: Astronave Terra
Evento: Advances in Business-Related Scientific Research
Evento: Conferenza sulle prospettive nell'istruzione scientifica
Evento: New Perspectives in Science Education


Correlati

 
Disclaimer & Privacy Policy