Feed RSS: Molecularlab.it NewsiCalendar file
Categorie

Italiani e biotecnologie: luoghi comuni da rivedere?


Sondaggi smentiscono le chiusure dellopinione pubblica nei confronti delle biotecnologie

L'atteggiamento critico degli Italiani nei confronti delle biotecnologie è spesso ritenuto frutto di un'ostilità pregiudiziale nei confronti della scienza, alimentata da un elevato livello di disinformazione e di 'analfabetismo scientifico'. I più recenti dati sugli orientamenti dell'opinione pubblica in Italia, tuttavia, frutto dell'indagine condotta con cadenza annuale dal centro ricerche Observa - Science in Society, ci restituiscono un quadro ben più articolato. In primo luogo, la tesi di un'opinione pubblica antiscientifica tout court appare difficilmente sostenibile alla luce delle valutazioni assai diverse che i cittadini danno delle biotecnologie in campo alimentare rispetto a quelle dell'ambito medico. Su queste ultime, infatti (dagli xenotrapianti all'utilizzo di cellule staminali di embrioni per la ricerca di nuove terapie - fa eccezione la clonazione a scopo riproduttivo) vi è un'apertura assai ampia che raggiunge in alcuni casi i tre quarti degli intervistati.
Nei confronti delle applicazioni biotecnologiche alimentari permane, indubbiamente, un certo scetticismo (due italiani su tre considerano gli OGM 'rischiosi') che tuttavia non si traduce automaticamente in una chiusura di fronte ai potenziali sviluppi futuri della ricerca: oltre uno su due (59%) è comunque favorevole a continuare le ricerche biotecnologiche in campo agroalimentare (sull'opportunità di proseguire quelle in campo medico concordano praticamente tutti - 92%). Un ultimo luogo comune da sfatare riguarda il tema dell'informazione. Se infatti in materia di biotecnologie resta innegabile una certa carenza di conoscenze da parte degli italiani (ma si tratta di carenze riscontrabili in buona misura anche a livello europeo, e su numerosi temi, non solo di carattere scientifico, al centro dell'agenda pubblica), l'indagine fa emergere una significativa domanda di maggiore informazione - il 70% ritiene che si parli troppo poco di biotecnologie nei media - e soprattutto di un'informazione più adeguata al proprio livello di competenze - il 47% considera la propria preparazione scolastica inadeguata per seguire l'attuale offerta informativa - e più direttamente orientata al cittadino: il 55% invece che attraverso trasmissioni televisive e quotidiani preferirebbe essere informato con opuscoli dedicati o con incontri tra scienziati e cittadini, individuando come proprio referente informativo privilegiato il Ministero della Salute.
La quarta indagine 'Biotecnologie e opinione pubblica in Italia' è stata realizzata da Observa-Science in Society in collaborazione con il Comitato Nazionale per la Biosicurezza e le Biotecnologie. L'indagine completa e' disponibile in formato pdf sul sito http://www.observanet.it

Fonte: Tempo Medico (27/06/2005)
Pubblicato in Percezione e problemi biotech
Tag: opinione, biotecnologie
Vota: Condividi: Inoltra via mail

Per poter commentare e' necessario essere iscritti al sito.

Registrati per avere:
un tuo profilo con curriculum vitae, foto, avatar
messaggi privati e una miglior gestione delle notifiche di risposta,
la possibilità di pubblicare tuoi lavori o segnalare notizie ed eventi
ed entrare a far parte della community del sito.

Che aspetti, Registrati subito
o effettua il Login per venir riconosciuto.

 
Leggi i commenti
Notizie
  • Ultime.
  • Rilievo.
  • Più lette.

Evento: Congresso Nazionale della Società Italiana di Farmacologia
Evento: Synthetic and Systems Biology Summer School
Evento: Neuroni Specchio
Evento: Science & You
Evento: Allosteric Pharmacology
Evento: Conference on Recombinant Protein Production
Evento: Informazione e teletrasporto quantistico
Evento: Into the Wild
Evento: Astronave Terra
Evento: Advances in Business-Related Scientific Research


Correlati

 
Disclaimer & Privacy Policy