Feed RSS: Molecularlab.it NewsiCalendar file
Categorie

Dubbi sulla normativa in materia di OGM


Causa il rifiuto del Consiglio Europeo alla revoca di restrizioni nazionali

Il Consiglio 'Ambiente' ha votato contro un pacchetto di proposte della Commissione europea volte a chiedere la revoca di divieti e restrizioni su otto organismi geneticamente modificati autorizzati (OGM) in Austria, Francia, Germania, Grecia e Lussemburgo.
Questa è la prima volta che il Consiglio si è espresso a maggioranza qualificata contro proposte avanzate dalla Commissione sugli OGM, e l'Esecutivo ha dichiarato che dovrà 'esaminare con attenzione' le basi giuridiche e scientifiche a sostegno di eventuali proposte future.
Il Commissario per l'Ambiente, Stavros Dimas, ha affermato: 'La Commissione ha il dovere giuridico di vegliare sulla corretta applicazione da parte degli Stati membri del quadro normativo in vigore in materia di rilascio di OGM. Ecco perché abbiamo proposto di revocare i divieti e le restrizioni attuali su determinati OGM in Austria, Francia, Germania, Grecia e Lussemburgo'.
'Il fatto che il Consiglio abbia respinto tutte e otto le richieste solleva una serie di interrogativi.
Quel che è certo è che il segnale politico inviato dal voto odierno è che probabilmente gli Stati membri intendono rivedere alcuni aspetti del sistema in vigore', ha suggerito il Commissario.
Le proposte avevano l'obiettivo di revocare le cosiddette misure di salvaguardia nazionali su alcune varietà di mais, ravizzone e colza geneticamente modificati, nonché le restrizioni alla coltivazione, importazione e utilizzo di tali organismi negli alimenti e nei mangimi. La Commissione è stata costretta a intervenire quando i pertinenti comitati scientifici hanno ritenuto che le informazioni presentate da questi paesi a giustificazione dei divieti non modificassero le valutazioni dei rischi originariamente svolte nell'ambito della procedura di autorizzazione.
La Commissione dispone ora di tre possibilità: ripresentare le proposte esistenti al Consiglio, modificare le proposte prima di ripresentarle o avanzare una nuova proposta legislativa sulla base del Trattato. Il Commissario Dimas ha confermato che la Commissione esaminerà tutte le questioni giuridiche e scientifiche inerenti alle decisioni prima di individuare il modo migliore di procedere.
Sempre nella riunione del 24 giugno, il Consiglio 'Ambiente' non è riuscito a pronunciarsi né a favore né contro l'autorizzazione all'importazione, alla trasformazione e all'uso del mais geneticamente modificato MON863 nell'alimentazione animale. Il caso sarà ora deferito alla Commissione europea per la decisione definitiva.

Fonte: Cordis (29/06/2005)
Pubblicato in Ecologia e Ambiente
Tag: MON863, OGM, mais
Vota: Condividi: Inoltra via mail

Per poter commentare e' necessario essere iscritti al sito.

Registrati per avere:
un tuo profilo con curriculum vitae, foto, avatar
messaggi privati e una miglior gestione delle notifiche di risposta,
la possibilità di pubblicare tuoi lavori o segnalare notizie ed eventi
ed entrare a far parte della community del sito.

Che aspetti, Registrati subito
o effettua il Login per venir riconosciuto.

 
Leggi i commenti
Notizie
  • Ultime.
  • Rilievo.
  • Più lette.

Evento: Congresso Nazionale della Società Italiana di Farmacologia
Evento: Synthetic and Systems Biology Summer School
Evento: Neuroni Specchio
Evento: Science & You
Evento: Allosteric Pharmacology
Evento: Conference on Recombinant Protein Production
Evento: Informazione e teletrasporto quantistico
Evento: Into the Wild
Evento: Astronave Terra
Evento: Advances in Business-Related Scientific Research


Correlati

 
Disclaimer & Privacy Policy