Feed RSS: Molecularlab.it NewsiCalendar file
Categorie

Le conseguenze di Chernobyl sono più gravi del previsto

Centrale Nucleare


Chernobyl rappresenta ormai qualcosa che va al di là del semplice nome del più grande disastro nucleare della storia e del mondo. Chernobyl è divenuto sinonimo del lato oscuro della vita moderna, di c

Chernobyl rappresenta ormai qualcosa che va al di là del semplice nome del più grande disastro nucleare della storia e del mondo. Chernobyl è divenuto sinonimo del lato oscuro della vita moderna, di come la tecnologia può fallire e di quanto possono essere terribili le conseguenze. Gli agenti della malattia erano insapori, incolori, inodori ma letali: assassini invisibili creati dall'imperfezione della tecnologia e dall'errore umano. A 20 anni di distanza dal disastro originario, Greenpeace ha pubblicato una relazione sui suoi effetti, che sono ritenuti più vasti di quanto precedentemente stimato.

Poiché gli agenti della malattia sono persistenti, gli effetti di Chernobyl vengono trasmessi di generazione in generazione. La contaminazione di Chernobyl corrisponde a circa 100 volte l'effetto contaminante combinato delle bombe di Hiroshima e Nagasaki. Le ripercussioni di Hiroshima e Nagasaki sono ben documentate, a differenza degli effetti di Chernobyl, che continuano a essere ipotetici.

"Il numero esatto delle vittime potrebbe restare per sempre sconosciuto, tuttavia 3 milioni di bambini sono bisognosi di cure", ha dichiarato il segretario generale dell'ONU Kofi Annan. "Il numero esatto di coloro che rischiano di sviluppare condizioni mediche gravi non sarà noto fino al 2016, se non dopo".

Il disastro non è naturalmente rimasto confinato all'area evacuata al momento della tragedia. Le nubi di materiale radioattivo sono state trasportate dai fenomeni meteorologici su metà del pianeta, ma soprattutto in Europa settentrionale. Il cesio-137 rappresenta l'agente radioattivo principale di Chernobyl, e ha una semivita di oltre 30 anni. "Le conseguenze radiologiche (e quindi sulla salute) di tale incidente nucleare continueranno a farsi sentire per i secoli a venire", si legge nella relazione di Greenpeace.

Il documento prosegue: "Più della metà del cesio-137 emesso in seguito all'esplosione è stato trasportato nell'atmosfera e ha raggiunto altri paesi europei. Almeno altri 14 paesi europei [oltre a Ucraina, Bielorussia e Russia] (Austria, Svezia, Finlandia, Norvegia, Slovenia, Polonia, Romania, Ungheria, Svizzera, Repubblica ceca, Italia, Bulgaria, Repubblica di Moldova e Grecia) sono stati contaminati da livelli di radiazione superiori al limite di 1 Ci/m quadrato utilizzato per definire le aree 'contaminate'".

Quantità più ridotte di radiazioni sono state registrate in tutta Europa, e hanno addirittura raggiunto il Mediterraneo e l'Asia. Per quanto riguarda l'area nelle immediate vicinanze del sito di Chernobyl, la relazione ha rilevato: "Solo in Bielorussia, Russia e Ucraina l'incidente ha provocato un numero stimato di 200.000 decessi aggiuntivi tra il 1990 e il 2004".

Le principali vittime del disastro sono state: i "liquidatori" o addetti alla bonifica, ingaggiati in generale per gestire il disastro, gli evacuati provenienti dalle immediate vicinanze dell'area interessata, nei 30 km circostanti il sito, i residenti delle zone ubicate in prossimità dell'area di evacuazione, e i bambini di tali gruppi.

Nelle aree contaminate circostanti il sito, i tassi di incidenza del cancro sono aumentati del 40 per cento nella Bielorussia nel suo complesso, di percentuali più elevate nelle aree più vicine a Chernobyl, di 2,7 volte nelle aree contaminate della Russia, e di quasi tre volte nelle aree colpite dell'Ucraina.
Nel caso del cancro alla tiroide, un tumore che rappresenta una sorta di "marchio di fabbrica" del disastro di Chernobyl, i tassi sono ancora in ascesa. Nel periodo tra il 1988 e il 1998, i tassi relativi al cancro alla tiroide sono raddoppiati, mentre nel 2004 nelle aree contaminate della Russia sono triplicati.

Gli effetti non si esauriscono tuttavia con il cancro alla tiroide. Altre malattie della tiroide hanno dato luogo a una varietà di patologie endocrine. I tassi di incidenza di leucemia, di altre forme di cancro, di malattie respiratorie, digestive, cardiovascolari e immunitarie sono aumentati tutti dalle due alle quattro volte. La compromissione delle risposte immunitarie, il cosiddetto AIDS di Chernobyl, miete molte vittime, e i neonati tendono a contrarre un numero di infezioni di 2,9 volte maggiore rispetto ai bambini "normali".

Gli effetti della contaminazione sui sistemi riproduttivi e urogenitali hanno moltiplicato l'incidenza delle nascite sottopeso e della natimortalità nell'Europa centrale e settentrionale. Per di più, in queste stesse regioni, dal disastro di Chernobyl sono aumentati i casi di sindrome di Down e di altre malformazioni congenite, tra cui anencefalia, spina bifida, malformazioni cardiache, malformazioni del sistema nervoso centrale, palatoschisi e labioschisi.

"è ragionevole concludere che l'incidente di Chernobyl ha causato e continuerà a causare un livello elevato di morbilità e mortalità in tutta Europa, dalla Scandinavia all'Europa occidentale, a sud, dove Europa e Asia si incontrano in Turchia, e oltre", si legge nella relazione.

"Sarà impossibile calcolare retrospettivamente l'esposizione a cui sono state soggette le popolazioni [...]. Andrebbero condotti studi allo scopo di chiarire, per quanto possibile, la portata della morbilità e mortalità derivanti dall'incidente di Chernobyl".

I resti del sito di Chernobyl sono situati a 100 km a nord dell'attuale capitale ucraina, Kiev, lungo il confine tra Ucraina e Bielorussia. La centrale era dotata di quattro reattori raffreddati ad acqua e moderati a grafite. Ciò significa che venivano utilizzate barre di grafite per tenere sotto controllo la reazione fissile dell'uranio-235.

Nella notte tra il 25 e il 26 aprile 1986, la centrale fu sottoposta a un test. La direzione voleva verificare se, nel caso di calo di potenza, le turbine dell'impianto fossero in grado di subentrare nella gestione del funzionamento delle pompe raffreddanti. Ai fini dello svolgimento del test, la potenza del reattore venne ridotta di un quarto della propria capacità operative, e i sistemi di sicurezza vennero deliberatamente disattivati.

Il test non andò secondo i piani. La potenza della centrale diminuì di una percentuale eccessiva (99 per cento), pertanto per garantire il corretto svolgimento del test fu necessario incrementare lentamente la potenza. Mentre la potenza saliva, si verificò un'impennata di potenza inattesa. La chiusura di emergenza non si attivò e il reattore esplose. Le ragioni precise di tale picco di potenza e della successiva esplosione sono ancora ignote, tuttavia l'opinione attuale chiama in causa un difetto di progettazione cruciale: le barre di grafite utilizzate per controllare la reazione.

Il ruolo delle barre di grafite consiste nel moderare e controllare la reazione di fissione - quando vengono calate nel reattore, la velocità della reazione diminuisce. Quando le barre vengono tolte, la velocità di reazione aumenta. Tuttavia, i ricercatori ritengono che se tali barre vengono inserite rapidamente nel reattore, la velocità di reazione potrebbe effettivamente aumentare all'improvviso. Inoltre la grafite, una forma di carbonio, è infiammabile.

Il coperchio ermetico del reattore di 1000 tonnellate venne distrutto dall'esplosione e la grafite si infiammò, provocando un incendio enorme. Il contenuto del reattore si disperse nell'atmosfera. L'incendio proseguì per i dieci giorni successivi continuando a liberare materiale radioattivo nell'atmosfera. Dal 1986 al 1989 erano già state coinvolte nelle operazioni di risanamento dell'area vicina a Chernobyl oltre 800.000 persone, 300.000 delle quali hanno assorbito dosi di radiazioni pari a 0,5 sievert (Sv) o più. 0,5 Sv è una dose di 500 volte superiore alla dose massima annua raccomandata dall'UE.

I decessi riconducibili al disastro, e in particolare al successivo risanamento, sono difficilissimi da quantificare. L'allora Unione Sovietica non fornì cifre precise e diramò le informazioni sul disastro solamente il 28 aprile, circa tre giorni dopo il fatto, e lo descrisse semplicemente come un "incidente". Quando tale notizia venne diffusa, i ricercatori di Danimarca e Germania riuscirono a ricostruire l'accaduto grazie alle loro ricerche, e conclusero che a Chernobyl aveva avuto luogo il "massimo incidente credibile".

Solo il 23 maggio, quattro settimane dopo l'incidente iniziale, vennero distribuite le compresse di iodio. Le compresse avrebbero potuto impedire allo iodio radioattivo di penetrare nelle ghiandole tiroidee dei cittadini della regione. Quattro settimane dopo, l'effetto delle compresse di iodio sui 130.000 evacuati non poté che essere trascurabile.

La cosa incredibile è che l'impianto a reattori di Chernobyl è stato dismesso solamente nel 2000, e malgrado l'area contaminata nelle immediate vicinanze di Chernobyl non sia aperta al pubblico, molte persone si sono ritrasferite nella zona. Circa 1500 persone si sono ristabilite in un'area a 15 km da Chernobyl, 50 sono tornate a Chernobyl città o nella vicina Pripyat, che attualmente è una città fantasma e che era stata originariamente edificata per ospitare i 45.000 operai di Chernobyl e le loro famiglie.

Fonte: Cordis (21/04/2006)
Pubblicato in Ecologia e Ambiente
Tag: Chernobyl, nucleare
Vota: Condividi: Inoltra via mail

Per poter commentare e' necessario essere iscritti al sito.

Registrati per avere:
un tuo profilo con curriculum vitae, foto, avatar
messaggi privati e una miglior gestione delle notifiche di risposta,
la possibilità di pubblicare tuoi lavori o segnalare notizie ed eventi
ed entrare a far parte della community del sito.

Che aspetti, Registrati subito
o effettua il Login per venir riconosciuto.

 
Leggi i commenti
Notizie
  • Ultime.
  • Rilievo.
  • Più lette.

Evento: Congresso Nazionale della Società Italiana di Farmacologia
Evento: Synthetic and Systems Biology Summer School
Evento: Neuroni Specchio
Evento: Science & You
Evento: Allosteric Pharmacology
Evento: Conference on Recombinant Protein Production
Evento: Informazione e teletrasporto quantistico
Evento: Into the Wild
Evento: Astronave Terra
Evento: Advances in Business-Related Scientific Research


Correlati

 
Disclaimer & Privacy Policy