Feed RSS: Molecularlab.it NewsiCalendar file
Categorie

Un recettore del fegato si lega al glucosio e induce sintesi acidi grassi

Cellue adipose


La scoperta potrebbe aprire la strada a nuovi trattamenti per obesità e diabete

In un articolo apparso su "Nature" un gruppo di ricercatori dello Scripps Research Institute ha spiegato che il recettore X del fegato ha un ruolo molto importante sia nel metabolismo del glucosio che nella sintesi dei grassi. Nel corso della ricerca è stato osservato come il glucosio stimoli l'attività dei recettori X del fegato (Liver X Receptors o LXR) a e b. Questi recettori hanno il ruolo di "sensori" nei confronti dei nutrienti assunti con la dieta, di controllo dell’espressione dei geni collegata al colesterolo e al metabolismo dei grassi, e di gestione della risposta dell’organismo a sostanze come l’ossisterolo che è un derivato a vita breve del colesterolo.
Enrique Saez, ricercatore dello Scripps Research a capo della ricerca, ha spiegato: "Quando mangiamo, LXR riconosce il glucosio e attiva l’espressione degli enzimi che lo trasformano in trigliceridi, i quali vengono poi immagazzinati come grassi.
Il nostro studio dimostra che l’LXR si lega al glucosio e induce la sintesi degli acidi grassi e questo potrebbe aprire la strada a nuovi trattamenti per l’obesità e il diabete."
Il team di Saez ha iniziato a studiare l'LXR come bersaglio per farmaci per l’aterosclerosi ma, dopo aver somministrato ligandi dell’LXR ai topi di laboratorio per indurne l’attivazione, hanno scoperto che gli animali, successivamente, erano capaci di metabolizzare il glucosio più efficacemente e che l’attivazione bloccava la produzione di glucosio nel fegato.
Quindi i ricercatori hanno approfondito lo studio in questa direzione e hanno osservato con sorpresa che il glucosio si lega direttamente all’LXR.
Questo fenomeno non era previsto dal momento che tale molecola non era considerata come un ligando tipico in grado di attivare i recettori nucleari, cioè i fattori di trascrizione che coordinano l’espressione genica in risposta a segnali ormonali e ambientali. Questa scoperta, secondo Saez, rappresenta il primo passo di una via di segnalazione di cui i dettagli sono ancora sconosciuti.

Approfondimenti: LXR

Redazione MolecularLab.it (04/01/2007)
Pubblicato in Biochimica e Biologia Cellulare
Tag: diabete, obesita, fegato, glucosio, acidi grassi
Vota: Condividi: Inoltra via mail

Per poter commentare e' necessario essere iscritti al sito.

Registrati per avere:
un tuo profilo con curriculum vitae, foto, avatar
messaggi privati e una miglior gestione delle notifiche di risposta,
la possibilità di pubblicare tuoi lavori o segnalare notizie ed eventi
ed entrare a far parte della community del sito.

Che aspetti, Registrati subito
o effettua il Login per venir riconosciuto.

 
Leggi i commenti
Notizie
  • Ultime.
  • Rilievo.
  • Più lette.

Evento: Congresso Nazionale della Società Italiana di Farmacologia
Evento: Synthetic and Systems Biology Summer School
Evento: Neuroni Specchio
Evento: Science & You
Evento: Allosteric Pharmacology
Evento: Conference on Recombinant Protein Production
Evento: Informazione e teletrasporto quantistico
Evento: Into the Wild
Evento: Astronave Terra
Evento: Advances in Business-Related Scientific Research


Correlati

 
Disclaimer & Privacy Policy