Feed RSS: Molecularlab.it NewsiCalendar file
Categorie

Scoperto un pianeta extrasolare abitabile

Una sonda analizza atmosfera di un pianeta


Orbita intorno ad una nana rossa, è più grande della Terra e secondo le stime potrebbe esserci acqua allo stato liquido

E' stato scoperto un pianeta extrasolare con caratteristiche abitabili e sembra che la sua superficie possa contenere acqua allo stato liquido. Si tratta del pianeta più simile alla Terra mai scoperto ed è un esopianeta cioè un pianeta situato al di fuori del Sistema Solare (orbita cioè intorno ad una stella che non è il Sole). Il suo raggio è del 50% più grande di quello terrestre. La scoperta è stata fatta dagli astrofisici dell'osservatorio dell'ESO a La Silla (in Cile). Il pianeta è stato individuato dalla squadra di astronomi svizzeri, francesi e portoghesi, grazie ad un telescopio di 3,6 metri. Il pianeta, circa 5 volte più massiccio della Terra, orbita intorno ad una nana rossa (Gliese 581) già conosciuta perchè ospita un pianeta della massa di Nettuno. Molte prove fanno pensare che esista anche un terzo pianeta, circa 8 volte più massiccio del nostro pianeta.
La distanza del pianeta dalla sua stella è circa di 14 volte inferiore di quella tra la Terra e il Sole, ma la nana rossa è ben più piccola e più fredda del Sole.
Questo fa sì che sia possibile la presenza di acqua allo stato liquido. Stéphane Udry dell'Osservatorio di Ginevra ha spiegato che la stima della temperatura media su questo pianeta varia tra 0°C e 40°C e per questo l'acqua esisterebbe in forma liquida. "Tanto più che - prosegue Udry - il raggio del pianeta dovrebbe essere solo 1,5 volte quello della Terra e i modelli prevedono che esso sia o roccioso, come la Terra, o coperto da oceani."
Xavier Delfosse, dell'Università di Grenoble e membro del gruppo di ricerca dell'ESO, aggiunge: "L'acqua liquida è un elemento critico per la vita. Considerata la sua temperatura e la relativa vicinanza, questo pianeta sarà un obiettivo importante nel quadro delle future missioni spaziali dedicate alla ricerca di forme di vita extraterrestre. Sulla mappa del tesoro dell'Universo, si sarebbe tentati di segnare questo pianeta con una X." Infatti la nana rossa Gliese 581 ha una massa di un terzo di quella del Sole ed è distante solo 20,5 anni luce nella direzione della costellazione Libra, cioè è fra le 100 stelle più vicine alla Terra. Le nane rosse sono le stelle più comuni nella nostra galassia e sono i target ideali per la ricerca di pianeti abitabili - spiega Xavier Bonfils dell'Università di Lisbona - perchè emettono meno radiazioni ed è molto più vicina ad esse di quanto non avvenga per il Sole. Inoltre i pianeti che si trovano in questa zona sono più facilmente rilevabili attraverso il metodo della velocità radiale, cioè quello maggiormente utilizzato per la scoperta degli esopianeti.
I risultati di questa scoperta saranno pubblicati sulla rivista "Astronomy and Astrophysics".

Redazione MolecularLab.it (22/05/2007)
Pubblicato in Analisi e Commenti
Tag: pianeta, extrasolare, astronomia
Vota: Condividi: Inoltra via mail

Per poter commentare e' necessario essere iscritti al sito.

Registrati per avere:
un tuo profilo con curriculum vitae, foto, avatar
messaggi privati e una miglior gestione delle notifiche di risposta,
la possibilità di pubblicare tuoi lavori o segnalare notizie ed eventi
ed entrare a far parte della community del sito.

Che aspetti, Registrati subito
o effettua il Login per venir riconosciuto.

 
Leggi i commenti
Notizie
  • Ultime.
  • Rilievo.
  • Più lette.

Evento: Congresso Nazionale della Società Italiana di Farmacologia
Evento: Synthetic and Systems Biology Summer School
Evento: Neuroni Specchio
Evento: Science & You
Evento: Allosteric Pharmacology
Evento: Conference on Recombinant Protein Production
Evento: Informazione e teletrasporto quantistico
Evento: Into the Wild
Evento: Astronave Terra
Evento: Advances in Business-Related Scientific Research


Correlati

 
Disclaimer & Privacy Policy