Feed RSS: Molecularlab.it NewsiCalendar file
Categorie

Gruppo etico adotta parere sull'impiego di staminali embrionali umane in progetti del 7PQ

Blastocista


Il gruppo europeo etico illustra le linee guida per la revisione etica dei progetti finanziati dall'Ue che utilizzano staminali embrionali

Il Gruppo europeo sull'etica nelle scienze e nelle nuove tecnologie (GEE) ha formulato un parere che illustra le linee guida da utilizzare nel corso della revisione etica dei progetti di ricerca finanziati dall'UE che prevedono l'impiego di cellule staminali embrionali umane (hESC). La relazione è stata prodotta in seguito a una richiesta avanzata dal Presidente della Commissione europea José Manuel Barroso nel novembre 2006.

L'accordo finale che istituisce il Settimo programma quadro (7°PQ) assoggetta la ricerca che si basa sulle hESC ai medesimi requisiti validi per il Sesto programma quadro. Secondo tali norme, i richiedenti devono dimostrare che sono conformi ai criteri normativi e che le hESC provengono da embrioni non impiantati nel corso della fecondazione in vitro (IVF). Devono inoltre chiarire in che modo tuteleranno i dati personali e le informazioni sulle condizioni di donazione degli embrioni.

Nella loro relazione, gli esperti del GEE raccomandano di tener conto non solo delle norme etiche adottate dal Parlamento europeo e dal Consiglio, ma anche di alcune considerazioni supplementari.

La prima riguarda lo sviluppo di alternative alle hESC. «Se in futuro verranno individuate alternative alle hESC con il medesimo potenziale scientifico delle cellule staminali ottenute dagli embrioni, il loro impiego dovrebbe essere sfruttato al massimo», si legge nel parere.


Anche i diritti delle donatrici sono oggetto di interesse da parte del gruppo. Ad esempio, chi fa domanda di finanziamento dovrebbe poter confermare che le donatrici non sono mai state soggette a pressioni, che la salute delle stesse non è mai stata messa a rischio da una stimolazione ovarica eccessiva, che le donatrici sono consapevoli del fatto che il loro consenso può essere ritirato fino alla fase di creazione delle cellule staminali, e che non sono stati offerti incentivi finanziari per la donazione degli embrioni ai fini della ricerca. Di preferenza andrebbero utilizzate le linee di hESC conservate nel nuovo registro europeo delle cellule staminali.

Oltre alla revisione etica, le proposte di progetti correlati alle hESC devono essere anche sottoposte a un esame scientifico. In tal caso il GEE afferma che l'esame dovrebbe affrontare aspetti precisi, valutando ad esempio se gli obiettivi di ricerca possono essere conseguiti con soluzioni alternative alle hESC e se i richiedenti possono dimostrare che la loro ricerca è volta a migliorare la salute umana o a promuovere la conoscenza biomedica.

Inoltre, il gruppo di esperti scientifici dovrebbe «garantire che i ricercatori dei progetti del 7°PQ sulle hESC collaborino a livello nazionale e internazionale per ridurre al minimo l'impiego delle hESC nei progetti finanziati dal 7°PQ e per raggiungere sinergie complementari anziché per competere».

Infine, gli esperti hanno esaminato gli aspetti etici più generali della ricerca che ricorre a cellule staminali embrionali umane. «Poiché i conflitti etici concernenti le hESC non sono stati risolti né accademicamente né politicamente, il GEE raccomanda che nell'ambito del 7°PQ vengano erogati finanziamenti per promuovere ulteriori lavori internazionali di ricerca collaborativa e multidisciplinare sulle implicazioni etiche della ricerca con le hESC e sulle questioni pertinenti ad essa connesse, nonché per incoraggiare un dibattito pubblico informato», hanno scritto. I ricercatori destinatari dei finanziamenti per la ricerca con le hESC a titolo del 7°PQ dovrebbero venir inoltre incoraggiati a impegnarsi nel dibattito sociale, politico ed etico, ha dichiarato il GEE.

Secondo il gruppo, tra le altre questioni meritevoli di attenzione figurano il brevetto dei materiali derivati dalle hESC e la tensione suscitata da una politica che incoraggia sia la donazione gratuita che l'impiego commerciale dei derivati di sostanze di origine umana.



Fonte: Cordis (18/09/2007)
Pubblicato in Biotecnologie
Tag: GEE, 7PQ, staminali embrionali, ricerca
Vota: Condividi: Inoltra via mail

Per poter commentare e' necessario essere iscritti al sito.

Registrati per avere:
un tuo profilo con curriculum vitae, foto, avatar
messaggi privati e una miglior gestione delle notifiche di risposta,
la possibilità di pubblicare tuoi lavori o segnalare notizie ed eventi
ed entrare a far parte della community del sito.

Che aspetti, Registrati subito
o effettua il Login per venir riconosciuto.

 
Leggi i commenti
Notizie
  • Ultime.
  • Rilievo.
  • Più lette.

Evento: Congresso Nazionale della SocietÓ Italiana di Farmacologia
Evento: Synthetic and Systems Biology Summer School
Evento: Allosteric Pharmacology
Evento: Conference on Recombinant Protein Production
Evento: Informazione e teletrasporto quantistico
Evento: Into the Wild
Evento: Astronave Terra
Evento: Advances in Business-Related Scientific Research
Evento: Conferenza sulle prospettive nell'istruzione scientifica
Evento: New Perspectives in Science Education


Correlati

 
Disclaimer & Privacy Policy