Feed RSS: Molecularlab.it NewsiCalendar file
Categorie

Scienziati scoprono batteri che si nutrono di gas

Piastra di coltura


Scoperti batteri che vivono nei fondali marini che si nutrono di idrocarburi come etano, propano e butano

Un'équipe di scienziati tedeschi e statunitensi ha scoperto batteri che vivono nei fondali marini e si nutrono di gas per sopravvivere.

Non è facile vivere alla profondità del fondale marino: anche a pochi millimetri sotto la sua superficie, spesso manca l'ossigeno. Inoltre, l'approvvigionamento di cibo è scarso, in quanto le proteine nutritive e i carboidrati che si trovano nel plancton fresco vengono consumati all'inizio della colonna d'acqua. Quello che rimane e raggiunge il fondale è costituito da parti difficili da digerire.

Nondimeno, i sedimenti del fondale marino ospitano la vita, sotto forma di microrganismi come i batteri. Ora gli scienziati hanno scoperto un gruppo di batteri che si nutrono di una breve catena di idrocarburi di etano, propano e butano.


Nonostante siano già stati scoperti batteri aerobici (che respirano ossigeno) che si nutrono in modo simile, questa è la prima volta che si individuano batteri anaerobici, che si nutrono di gas. I ricercatori hanno isolato i batteri dal fango privo di ossigeno prelevato da zone ad infiltrazione di gas nel Golfo del Messico. Li hanno poi chiusi in bottiglie con i gas di idrocarburi oggetto di studio, ma in assenza di ossigeno.

Hanno osservato che i batteri utilizzano il solfato dell'acqua marina per convertire l'etano, il propano o il butano in biossido di carbonio; durante tale processo il solfato stesso viene trasformato in solfuro di idrogeno. I nuovi organismi scoperti hanno una crescita estremamente lenta, infatti impiegano tre giorni per dividersi (mentre, per esempio,i batteri utilizzati per produrre lo yogurt impiegano 30 minuti).

I risultati di questa ricerca risolvono una serie di misteri, come la scomparsa di etano, propano e butano, nonché metano, dai vulcani di fango.

Tali batteri possono inoltre essere utili nella biochimica industriale; devono presentare uno speciale enzima digestivo in grado di demolire sostanze chimiche stabili come l'etano senza l'aiuto di calore o prodotti chimici come l'ossigeno. Se fosse possibile produrre artificialmente un enzima analogo, il metodo sarebbe di sicuro interesse per i processi chimici sintetici, precisano gli autori.

Lo studio è stato pubblicato on line sulla rivista «Nature».

Fonte: Cordis (27/09/2007)
Pubblicato in Genetica, Biologia Molecolare e Microbiologia
Tag: batteri, idrocarburi
Vota: Condividi: Inoltra via mail

Per poter commentare e' necessario essere iscritti al sito.

Registrati per avere:
un tuo profilo con curriculum vitae, foto, avatar
messaggi privati e una miglior gestione delle notifiche di risposta,
la possibilità di pubblicare tuoi lavori o segnalare notizie ed eventi
ed entrare a far parte della community del sito.

Che aspetti, Registrati subito
o effettua il Login per venir riconosciuto.

 
Leggi i commenti
Notizie
  • Ultime.
  • Rilievo.
  • Più lette.

Evento: Congresso Nazionale della SocietÓ Italiana di Farmacologia
Evento: Synthetic and Systems Biology Summer School
Evento: Allosteric Pharmacology
Evento: Conference on Recombinant Protein Production
Evento: Informazione e teletrasporto quantistico
Evento: Into the Wild
Evento: Astronave Terra
Evento: Advances in Business-Related Scientific Research
Evento: Conferenza sulle prospettive nell'istruzione scientifica
Evento: New Perspectives in Science Education


Correlati

 
Disclaimer & Privacy Policy