Feed RSS: Molecularlab.it NewsiCalendar file
Categorie

Il virus H5N1 aviario è mutato

Uccelli migratori


Il virus dell'influenza aviaria è mutato in modo da adattarsi a temperature corporee più basse di quelle dei volatili e più simili a quelle umane

Il virus H5N1 responsabile dell'influenza aviaria è mutato in una forma potenzialmente più pericolosa per l'uomo. L'allarme è arrivato dal dottor Yoshihiro Kawaoka dell'Università Wisconsin-Madison. Il ceppo H5N1 si sta adattando a vivere a temperature più basse nel corpo degli ospiti vettori del contagio rispetto ai 41°C dei volatili e più vicine quindi ai 37°C dell'organismo umano. Dal 2003 ad oggi, il virus H5N1 ha contagiato 329 persone che vivevano a stretto contatto con uccelli, in 12 Paesi e ne ha uccisi 201. Finora raramente si è trasmesso da uomo a uomo ma se acquisisse la capacità di farlo più facilmente, questo potrebbe causare una pandemia.
Kawaoka ha spiegato: 'Abbiamo identificato uno specifico cambiamento che potrebbe consentire al virus di svilupparsi nel tratto superiore del sistema respiratorio dell'uomo.
E i ceppi presenti in Africa e in Europa sono quelli più vicini a trasformarsi in virus umani'. La mutazione è stata riscontrata in alcuni campioni prelevati da uccelli nei due continenti, migrati dall'Asia. Per ora tuttavia non si è ancora trasformato in modo da causare un'imminente pandemia. Kawaoka ha sottolineato: 'Non voglio spaventare il pubblico, perché non possono fare molto. Ma è importante che la comunità scientifica comprenda quanto sta avvenendo'.
Affinchè riesca a contagiare gli esseri umani, il virus dovrebbe adattarsi alla temperatura basale dell'uomo che è più bassa di quella degli uccelli che è di circa 41°C contro il nostri 37°C. Inoltre i virus aerei penetrano nel nostro organismo a livello di naso e gola dove vi sono circa 33°C. Tuttavia la mutazione trovata nei ceppi africani e europei sembra consentire al virus di vivere anche a temperature più basse, diventando così più simile ai virus delle influenze umane. Il ricercatore precisa comunque che questo fattore da solo non basta a trasformarlo in un pericolo imminente e concreto.
La scoperta della mutazione del virus è stata pubblicata su "Public Library of Science journal PLoS Pathogens".


Redazione MolecularLab.it (08/10/2007)
Pubblicato in Genetica, Biologia Molecolare e Microbiologia
Tag: H5N1, aviaria, influenza, pandemia
Vota: Condividi: Inoltra via mail

Per poter commentare e' necessario essere iscritti al sito.

Registrati per avere:
un tuo profilo con curriculum vitae, foto, avatar
messaggi privati e una miglior gestione delle notifiche di risposta,
la possibilità di pubblicare tuoi lavori o segnalare notizie ed eventi
ed entrare a far parte della community del sito.

Che aspetti, Registrati subito
o effettua il Login per venir riconosciuto.

 
Leggi i commenti
Notizie
  • Ultime.
  • Rilievo.
  • Più lette.

Evento: Congresso Nazionale della SocietÓ Italiana di Farmacologia
Evento: Synthetic and Systems Biology Summer School
Evento: Allosteric Pharmacology
Evento: Conference on Recombinant Protein Production
Evento: Informazione e teletrasporto quantistico
Evento: Into the Wild
Evento: Astronave Terra
Evento: Advances in Business-Related Scientific Research
Evento: Conferenza sulle prospettive nell'istruzione scientifica
Evento: New Perspectives in Science Education


Correlati

 
Disclaimer & Privacy Policy