Feed RSS: Molecularlab.it NewsiCalendar file
Categorie

Scoperto un fattore di infettività di alcuni batteri

Cellula batterica


I pili di tipo IV sulla superficie di alcuni batteri, tra cui N. gonorrhoeae, se riuniti in fasci esercitano un'enorme forza pari a 100.000 il loro peso e indeboliscono le difese delle cellule

Sulla superficie di alcuni batteri sono presenti dei sottili filamenti che fuoriescono dalla membrana cellulare. I ricercatori hanno scoperto che questi filamenti possono riunirsi in fasci ed esercitare una grande forza. In particolare, hanno studiato i pili di tipo IV, i filamenti che si trovano sul microrganismo patogeno che causa la gonorrea, Neisseria gonorrhoeae, ed hanno scoperto che i singoli filamenti, già di per sé forti, quando si riuniscono in fasci acquisiscono un forza esagerata. Infatti se il singolo filamento viene ritratto con una forza compresa tra 50 e 100 piconewton (sufficiente al batterio per muovere un oggetto pesante 10.000 volte di più di se stesso), quando sono riuniti in fasci di 8-10 pili, la forza che riescono ad esercitare si moltiplica per 10, consentendo al microrganismo di spostare oggetti di peso 100.000 volte superiore al loro.
Inoltre, un singolo filamento riesce ad esercitare la forza per un tempo molto breve, mentre il fascio può farlo per un tempo più lungo.
Per misurare le forze esercitate dai microrganismi, i ricercatori hanno usato dei nano-puntali elastici a cui i batteri potevano attaccarsi e hanno misurato l'entità del piegamento che essi riuscivano ad indurre su questi puntali.
I ricercatori dell'Università dell'Arizona, autori della scoperta, sostengono che la forza di retrazione dei pili svolge un ruolo fondamentale nella capacità infettiva di questi batteri. Infatti, quando Neisseria gonorrhoeae attacca una cellula, la tira verso sé con forza e questo causa danni al suo normale funzionamento e ne indebolisce le difese. Gli esperti pensano che, anche nel caso delle infezioni da M. tubercolosis, i pili di tipo IV svolgano un'azione analoga. Ora, lo studio del meccanismo molecolare che consente a questi batteri di esercitare una forza così intensa potrebbe interessare anche i nanotecnologi. Lo studio è stato pubblicato su PloS Biology.


Redazione MolecularLab.it (10/06/2008)
Pubblicato in Genetica, Biologia Molecolare e Microbiologia
Tag: Neisseria gonorrhoeae, gonorrea, tubercolosi, batteri
Vota: Condividi: Inoltra via mail

Per poter commentare e' necessario essere iscritti al sito.

Registrati per avere:
un tuo profilo con curriculum vitae, foto, avatar
messaggi privati e una miglior gestione delle notifiche di risposta,
la possibilità di pubblicare tuoi lavori o segnalare notizie ed eventi
ed entrare a far parte della community del sito.

Che aspetti, Registrati subito
o effettua il Login per venir riconosciuto.

 
Leggi i commenti
Notizie
  • Ultime.
  • Rilievo.
  • Più lette.

Evento: Congresso Nazionale della SocietÓ Italiana di Farmacologia
Evento: Synthetic and Systems Biology Summer School
Evento: Allosteric Pharmacology
Evento: Conference on Recombinant Protein Production
Evento: Informazione e teletrasporto quantistico
Evento: Into the Wild
Evento: Astronave Terra
Evento: Advances in Business-Related Scientific Research
Evento: Conferenza sulle prospettive nell'istruzione scientifica
Evento: New Perspectives in Science Education


Correlati

 
Disclaimer & Privacy Policy