Feed RSS: Molecularlab.it NewsiCalendar file
Categorie

Batteri marini e nicchie ecologiche

Tartaruga marina


Stabilire la base genetica che sottende alla nicchia ecologica occupata dai batteri permetterebbe una migliore suddivisione sistematica dei microrganismi

Martin Polz, microbiologo del Dipartimento di ingegneria civile e ambientale del MIT ed Eric Alm, biologo computazionale, firmano un articolo sull’ultimo numero della rivista "Science" nel quale espongono i risultati di una ricerca sul comportamento dei batteri marini.
Secondo lo studio i batteri marini sono organizzati in "professioni", o in gruppi con diversi stili di vita, che condividono le risorse invece di competere per esse, come nel caso delle cellule che abbondano in prossimità di altre forme di vita microbica come lo zooplancton o le alghe.
Considerando questa informazione si potrebbe cambiare l’approccio con il quale attualmente avviene la classificazione dei batteri, rendendo possibile determinare su larga scala la base genetica delle nicchie ecologiche.
Identificare le specifiche professioni dei differenti gruppi batterici risulta importante, poiché è ad essi che si devono la maggior parte delle reazioni chimiche in ambiente oceanico.

Le caratteristiche di riproduzione dei batteri rendono impossibile definire i gruppi e le specie solo sulla base della condivisione di determinati geni, pertanto solo determinando la nicchia ecologica occupata dai vari batteri gli scienziati potrebbero classificarli in popolazioni precise.
Ostacolo a ciò è il fatto che i batteri coltivati in laboratorio non vivono in gruppi della popolazione naturale; per fronteggiare questo problema gli scienziati devono catturare i batteri allo stato libero, per poi esaminarli geneticamente per determinare il loro stile di vita.
Polz ha spiegato che "la maggior parte dei metodi utilizzati finora portano a una forte sottostima del numero delle popolazioni microbiche in un campione, portando o a una confusa schiera di popolazioni in un campione, portando o a una confusa schiera di popolazioni o a pochi ma più ampi gruppi diversi. Il metodo di Alm permette di ricavare informazioni genetiche e di raggruppare i microbi in popolazioni geneticamente distinte basate sulla loro preferenza nei confronti dei differenti habitat".

Redazione MolecularLab.it (22/09/2008)
Pubblicato in Ecologia e Ambiente
Tag: batteri marini, mare, batteri
Vota: Condividi: Inoltra via mail

Per poter commentare e' necessario essere iscritti al sito.

Registrati per avere:
un tuo profilo con curriculum vitae, foto, avatar
messaggi privati e una miglior gestione delle notifiche di risposta,
la possibilità di pubblicare tuoi lavori o segnalare notizie ed eventi
ed entrare a far parte della community del sito.

Che aspetti, Registrati subito
o effettua il Login per venir riconosciuto.

 
Leggi i commenti
Notizie
  • Ultime.
  • Rilievo.
  • Più lette.

Evento: Congresso Nazionale della SocietÓ Italiana di Farmacologia
Evento: Synthetic and Systems Biology Summer School
Evento: Allosteric Pharmacology
Evento: Conference on Recombinant Protein Production
Evento: Informazione e teletrasporto quantistico
Evento: Into the Wild
Evento: Astronave Terra
Evento: Advances in Business-Related Scientific Research
Evento: Conferenza sulle prospettive nell'istruzione scientifica
Evento: New Perspectives in Science Education


Correlati

 
Disclaimer & Privacy Policy