Feed RSS: Molecularlab.it NewsiCalendar file
Categorie

Uno studio fa sperare che si riuscirà a debellare la rabbia nell'Africa centrale ed occiden


L'istituzione e l'intensificazione di itinerari di viaggio sono stati accompagnati dalla diffusione della rabbia nei cani, causata da due ceppi di virus con scarsa sovrapposizione

Secondo una nuova ricerca finanziata dall'UE, molti casi di rabbia riscontrati nei cani in Africa centrale ed occidentale possono essere fatti risalire ad un antenato comune arrivato in Africa circa 200 anni fa, probabilmente con i coloni europei. Lo studio, pubblicato sul Journal of General Virology, rivela inoltre che il virus si muove poco tra un area e l'altra; ciò significa che se i paesi confinanti collaborano, si dovrebbe riuscire ad eliminare questa devastante malattia dall'Africa sub-sahariana.

Il sostegno dell'UE a questo lavoro proviene dal progetto RABMEDCONTROL ("Identificazione di fattori chiave ecologici ed epidemiologici per le dinamiche ed il controllo della rabbia nell'Africa settentrionale e le implicazioni dello stato della rabbia nell'Europa sud-occidentale"), finanziato nell'ambito del budget di cooperazione internazionale del Settimo programma quadro (7°PQ).

La rabbia uccide circa 24.000 persone l'anno in Africa e la maggior parte delle vittime della malattia è costituita da bambini e persone che vivono in aree rurali povere. La maggior parte dei casi è causata dai cani, controllare la malattia nei cani è quindi importantissimo per eliminare la malattia. Sfortunatamente, la prevenzione e la cura della rabbia è costosa e le risorse necessarie spesso non sono disponibili.

Sebbene il virus della rabbia sia stato ampiamente studiato nelle popolazioni di animali selvatici in Europa e Nord America, si sa poco sulla diversità, la distribuzione e le origini del virus della rabbia canina nell'Africa occidentale e centrale.
In quest'ultimo studio, alcuni scienziati provenienti da Europa, Africa e Stati Uniti hanno analizzato 182 campioni del virus della rabbia canina prelevati da 27 paesi Africani lungo un lasso di tempo di 29 anni.

Le loro ricerche hanno rivelato che ci sono due tipi principali del virus della rabbia canina in circolazione in Africa. Il primo, chiamato "Africa 1", è ampiamente prevalente nell'Africa settentrionale, centrale, orientale e meridionale. Al contrario, il secondo tipo di virus, Africa 2, si trova nell'Africa occidentale o centrale. C'è poca sovrapposizione tra i due tipi di virus.

I risultati suggeriscono che il ceppo Africa 2 del virus è stato inizialmente introdotto nell'Africa occidentale e centrale, probabilmente in Chad, verso il 1845. Nel corso dei successivi 100 anni, si è diffuso verso ovest e verso sud fino a coprire l'intera regione. I ricercatori notano che lo schema di diffusione segue lo schema dell'espansione coloniale francese in Africa.

"In generale, il nostro studio illustra come l'istituzione e l'intensificazione di itinerari di viaggio e di commercio tra i paesi Africani in seguito alla colonizzazione e durante la prima metà del 20° secolo sono stati accompagnati dalla diffusione della rabbia nei cani in una gran parte dell'Africa occidentale/centrale", affermano nello studio.

Oggi, si possono identificare otto sottogruppi distinti del ceppo Africa 2 del virus in diversi paesi. Inoltre, sembra esserci poco movimento del virus tra un paese e l'altro.

"Alcuni scienziati hanno suggerito che i focolai di rabbia in Africa potrebbero essere causati da cani "super-propagatori" che trasmettono la malattia su grandi distanze," ha commentato il dott. Hervé Bourhy dell'Istituto Pasteur di Parigi, in Francia. "Le nostre scoperte mostrano che questo è altamente improbabile poiché ci sono forti raggruppamenti geografici delle sottospecie di rabbia canina e la scala temporale per la diffusione del virus viene misurata in decenni.

"Allo stesso modo, le persone che trasportavano cani, alcuni dei quali ad un certo punto venivano contagiati o avevano il virus in incubazione, attraverso questa vasta regione non sembrano avere avuto un grande impatto, e forse non ne hanno avuto alcuno, sulla diffusione della malattia."

I ricercatori sottolineano che sono necessarie ulteriori ricerche per comprendere meglio come la rabbia circoli in Africa. Ciononostante, la scoperta che il virus non si muove molto tra il Nord Africa e l'Africa sub-sahariana, e tra i paesi dell'Africa occidentale e centrale, suggerisce che è possibile attuare una valida strategia progressiva per eliminare la rabbia dall'Africa occidentale e centrale.

"La rabbia uccide un paziente, spessissimo un bambino, ogni 20 minuti in Africa," ha detto Chiraz Talbi, anch'egli dell'Istituto Pasteur. "Identificando quale sia la specie del virus più presente e dimostrando come si diffonde attraverso la regione, abbiamo dimostrato che, collaborando, i paesi africani possono eliminare la rabbia controllando la rabbia canina."

Redazione MolecularLab.it (09/02/2009)
Pubblicato in Analisi e Commenti
Tag: rabbia, Africa, cane
Vota: Condividi: Inoltra via mail

Per poter commentare e' necessario essere iscritti al sito.

Registrati per avere:
un tuo profilo con curriculum vitae, foto, avatar
messaggi privati e una miglior gestione delle notifiche di risposta,
la possibilità di pubblicare tuoi lavori o segnalare notizie ed eventi
ed entrare a far parte della community del sito.

Che aspetti, Registrati subito
o effettua il Login per venir riconosciuto.

 
Leggi i commenti
Notizie
  • Ultime.
  • Rilievo.
  • Più lette.

Evento: Congresso Nazionale della SocietÓ Italiana di Farmacologia
Evento: Synthetic and Systems Biology Summer School
Evento: Allosteric Pharmacology
Evento: Conference on Recombinant Protein Production
Evento: Informazione e teletrasporto quantistico
Evento: Into the Wild
Evento: Astronave Terra
Evento: Advances in Business-Related Scientific Research
Evento: Conferenza sulle prospettive nell'istruzione scientifica
Evento: New Perspectives in Science Education


Correlati

 
Disclaimer & Privacy Policy