Feed RSS: Molecularlab.it NewsiCalendar file
Categorie

Apprendimento più veloce senza proteine immunitarie

Macrofago


Le proteine MHC presenti sui neuroni del cervelletto limitano la velocità di apprendimento motorio. La loro assenza favorisce l'apprendimento ma anche l'instabilità nervosa

Un gruppo di ricercatori della Stanford University School of Medicine, in uno studio pubblicato sulla rivista Proceedings of the National Academy of Sciences, dichiara che le proteine immunitarie note come MHC nei topi e HLA nell'uomo paiono avere un ruolo di rilievo nei meccanismi di apprendimento.
Era gia noto che le molecole MHC fossero presenti sulla superficie delle cellule cerebrali in caso di sofferenza a causa di una lesione o di un'infezione, e successivamente si è dimostrato che bloccando l'espressione delle molecole MHC in una regione del cervello che elabora gli stimoli visivi si avevano anomalie nei circuiti visivi del topo.
La nuova ricerca mostra che silenziando le componenti K e D del complesso MHC l'apprendimento di nuovi compiti motori avviene in modo molto più efficiente.
Carla Shatz, coordinatrice dello studio, ha detto "Ciò implica che normalmente queste molecole fanno da freno alla capacità del sistema nervoso del cervelletto, che presiede appunto alla capacità di acquisire abilità motorie, di rispondere a esperienze di cambiamento"
La ricercatrice ha continuato spiegando che è possibile che ci sia uno scambio fra le varie forme di apprendimento, cognitivo, spaziale, di riconoscimento: si può essere più abili a scappare, ma poi magari non sapere bene che cosa fare nel nuovo ambiente in cui ci si trova una volta fuggiti. E "può esserci anche uno scambio fra capacità di apprendimento e stabilità dei circuiti. I circuiti più facilmente alterabili possono anche essere più suscettibili all'epilessia"
Le molecole MHC sono espresse in varie forme in varie parti del cervello e sembrano essere tutte importanti nel limitare il possibile cambiamento verso un rafforzamento o un indebolimento dei collegamenti fra le cellule nervose. I ricercatori ritengono che possano essere attori importanti in diversi disturbi neurologici.

Redazione MolecularLab.it (10/04/2009)
Pubblicato in Genetica, Biologia Molecolare e Microbiologia
Tag: MHC, cervelletto, neuroni, apprendimento, immuno
Vota: Condividi: Inoltra via mail

Per poter commentare e' necessario essere iscritti al sito.

Registrati per avere:
un tuo profilo con curriculum vitae, foto, avatar
messaggi privati e una miglior gestione delle notifiche di risposta,
la possibilità di pubblicare tuoi lavori o segnalare notizie ed eventi
ed entrare a far parte della community del sito.

Che aspetti, Registrati subito
o effettua il Login per venir riconosciuto.

 
Leggi i commenti
Notizie
  • Ultime.
  • Rilievo.
  • Più lette.

Evento: Congresso Nazionale della SocietÓ Italiana di Farmacologia
Evento: Synthetic and Systems Biology Summer School
Evento: Allosteric Pharmacology
Evento: Conference on Recombinant Protein Production
Evento: Informazione e teletrasporto quantistico
Evento: Into the Wild
Evento: Astronave Terra
Evento: Advances in Business-Related Scientific Research
Evento: Conferenza sulle prospettive nell'istruzione scientifica
Evento: New Perspectives in Science Education


Correlati

 
Disclaimer & Privacy Policy