Feed RSS: Molecularlab.it NewsiCalendar file
Categorie

Trasformato il pensiero in parole

Digital Brain


I primi passi per riconoscere segnali cerebrali e codificarli in parole sono state fatti su persone con la sindrome detta locked-in grazie a griglie di microelettrodi impiantati nel cranio

Passi avanti verso un metodo che consenta alle persone con la sindrome detta 'locked-in', di comunicare attraverso il loro pensiero: un team di ricercatori dell'università dello Utah è riuscito a tradurre i segnali cerebrali in frasi utilizzando due griglie di 16 microelettrodi impiantati sotto il cranio, in cima al cervello, riporta la rivista 'Journal of Neural Engineering'.
"Abbiamo potuto decodificare le parole utilizzando i segnali provenienti dal cervello attraverso un dispositivo molto promettente", assicura Bradley Greger, inventore del sistema, che confida nell'organizzazione di trial clinici su pazienti con la sindrome di 'locked-in' entro pochi anni.
Per ora, infatti, il team di scienziati ha testato il device su un paziente con gravi crisi epilettiche e che aveva già subito una craniotomia parziale.
Un elemento, questo, che ha consentito ai sperimentatori di piazzare elettrodi con maggiore facilità.
Il paziente è stato quindi invitato a pensare alcune parole: si, no, caldo, freddo, fame, sete, ciao, arrivederci, più o meno. Il tutto mentre gli esperti registravano i segnali cerebrali captati dal dispositivo, piazzato nelle aree del cervello che regolano la parola. A ogni termine è stato poi abbinato un segnale. Grazie a queste informazioni, si è riusciti ad accoppiare nel 90% dei casi il segnale corretto con la parola corretta.
Purtroppo, esaminando tutti i 10 segnali cerebrali in una volta, il sistema ha individuato la parola corretta solo nel 28-48% dei casi.
Una percentuale non trascurabile, ma insufficiente per tradurre i pensieri di una persona paralizzata in parole pronunciate da un computer. Ma Greger non si scoraggia: "Questa è la prova concreta della nostra ipotesi - evidenzia - Abbiamo dimostrato che attraverso questi segnali si può capire che cosa la persona sta dicendo, in una discreta percentuale. Ma dobbiamo essere in grado di fare di più e con più precisione prima che il sistema sia davvero utile per un paziente".

Fonte: Aduc (14/09/2010)
Pubblicato in Medicina e Salute
Tag: pensiero, locked-in, parole, cervello
Vota: Condividi: Inoltra via mail

Per poter commentare e' necessario essere iscritti al sito.

Registrati per avere:
un tuo profilo con curriculum vitae, foto, avatar
messaggi privati e una miglior gestione delle notifiche di risposta,
la possibilità di pubblicare tuoi lavori o segnalare notizie ed eventi
ed entrare a far parte della community del sito.

Che aspetti, Registrati subito
o effettua il Login per venir riconosciuto.

 
Leggi i commenti
Notizie
  • Ultime.
  • Rilievo.
  • Più lette.

Evento: Congresso Nazionale della SocietÓ Italiana di Farmacologia
Evento: Synthetic and Systems Biology Summer School
Evento: Allosteric Pharmacology
Evento: Conference on Recombinant Protein Production
Evento: Informazione e teletrasporto quantistico
Evento: Into the Wild
Evento: Astronave Terra
Evento: Advances in Business-Related Scientific Research
Evento: Conferenza sulle prospettive nell'istruzione scientifica
Evento: New Perspectives in Science Education


Correlati

 
Disclaimer & Privacy Policy