Feed RSS: Molecularlab.it NewsiCalendar file
Categorie

Ecco come svanisce la coscienza di sè

Cervello


Evidenziati gli effetti fisiologici di un disturbo neurologico che porta al non riconoscimento di parti del proprio corpo

La perdita di coscienza del proprio corpo, in seguito a un danno al cervello causato da ictus o ischemia più frequentemente localizzato nell'emisfero destro, può indurre chi ne è colpito a non riconoscere come proprio un braccio o una gamba, affermandolo esplicitamente. Eppure non si tratta di un disturbo psichiatrico ma di un disturbo neurologico noto come somatoparafrenia, che può riguardare fino al 15% delle persone con lesione all'emisfero destro considerando le forme più lievi, di cui finora si conoscevano solo le caratteristiche cliniche.

Ora, uno studio condotto da Angelo Maravita e Daniele Romano del dipartimento di Psicologia dell'Università di Milano-Bicocca in collaborazione con l'Università di Pavia e l'Ospedale Niguarda "Ca' Granda" di Milano pubblicato online sulla rivista inglese Brain ha evidenziato per la prima volti gli effetti fisiologici di questo disturbo, contribuendo a chiarire i meccanismi profondi alla base della perdita della coscienza del sé.
Scoprendo che questo processo è così pervasivo che non si riescono a percepire più neppure le "minacce" verso l'arto sentito come estraneo.

L'esperimento è stato condotto avvicinando una potenziale fonte di dolore (un ago) all'arto di tre gruppi di pazienti affetti da patologie che comportano perdita di sensibilità o movimento degli arti: somatoparafrenici, emiplegici e anosognosici. I somatoparafrenici, a differenza degli altri, hanno mostrato un'assenza di risposta di conduttanza cutanea all'avvicinarsi dell'ago, senza avere alcuna reazione (vedi e scarica il grafico che sintetizza i risultati dell'esperimento).

"Il processo di perdita di coscienza del sé – spiegano Angelo Maravita e Daniele Romano, rispettivamente professore associato di Psicobiologia e Dottore di ricerca nel dipartimento di Psicologia dell'Università di Milano-Bicocca – è talmente profondo che non si riescono neppure a percepire le minacce e non si attiva nessuna reazione di difesa, nemmeno riflessa. Il disordine della coscienza, indotto dalla lesione è tale che si arriva a un rifiuto incontrovertibile del proprio arto. Stiamo parlando di pazienti che non hanno alcun tipo di disturbo psichico e che sono in grado di intendere e volere. Eppure, anche se talora sono addirittura imbarazzati perché comprendono la stranezza di quanto affermano, continuano a sostenere che il braccio è di un'altra persone anche se attaccato al loro corpo".

Leggi l'articolo scientifico
Daniele Romano, Martina Gandola, Gabriella Bottini e Angelo Maravita. "Arousal responses to noxious stimuli in somatoparaphrenia and anosognosia: clues to body awareness". Brain (2014). DOI: 10.1093/brain/awu009

Redazione MolecularLab.it (26/03/2014)
Pubblicato in Medicina e Salute
Tag: coscienza, somatoparafrenia, cervello
Vota: Condividi: Inoltra via mail

Per poter commentare e' necessario essere iscritti al sito.

Registrati per avere:
un tuo profilo con curriculum vitae, foto, avatar
messaggi privati e una miglior gestione delle notifiche di risposta,
la possibilità di pubblicare tuoi lavori o segnalare notizie ed eventi
ed entrare a far parte della community del sito.

Che aspetti, Registrati subito
o effettua il Login per venir riconosciuto.

 
Leggi i commenti
Notizie
  • Ultime.
  • Rilievo.
  • Più lette.

Evento: Congresso Nazionale della Società Italiana di Farmacologia
Evento: Synthetic and Systems Biology Summer School
Evento: Neuroni Specchio
Evento: Science & You
Evento: Allosteric Pharmacology
Evento: Conference on Recombinant Protein Production
Evento: Informazione e teletrasporto quantistico
Evento: Into the Wild
Evento: Astronave Terra
Evento: Advances in Business-Related Scientific Research


Correlati

 
Disclaimer & Privacy Policy