Feed RSS: Molecularlab.it NewsiCalendar file
Categorie

Presto possibile ricrescita denti in adulti

Radiografia raggi X di una bocca


>Denti nuovi di zecca e, soprattutto, naturali al cento per cento, anche a tarda eta'. E' una promessa allettante quella del ricercatore Paul Sharpe del King's College di Londra, tant

>Denti nuovi di zecca e, soprattutto, naturali al cento per cento, anche a tarda eta'. E' una promessa allettante quella del ricercatore Paul Sharpe del King's College di Londra, tanto da approdare sulle pagine della prestigiosa rivista 'The Economist': presto, assicura, si potranno far ricrescere i denti negli adulti.
Via libera, dunque, a dolci e caramelle senza l'incubo delle carie e di un sorriso, col passare degli anni, magari non piu' a 360 gradi. Quella che gli addetti del settore hanno gia' ribattezzato come la nuova branca della odontoiatria rigenerativa promette, infatti, di fare miracoli.
Ma in cosa consiste la tecnica messa a punto dal ricercatore inglese? I neonati, spiega, non hanno denti visibili, ma sono dotati di una sorta di proto-denti nascosti nelle gengive. Questi, definiti 'primordia', derivano dall'interazione tra due tipi di cellule di base: le cellule epiteliali e quelle cosiddette mesenchimali. Proprio coltivando i due tipi di cellule e facendole interagire, come accadrebbe in natura, Sharpe e' riuscito a creare un dente 'primordium' artificiale.
Tutto parte dalle cellule staminali neurali dell'uomo, ovvero cellule indifferenziate, simili a quelle presenti negli embrioni, capaci di svilupparsi in una grande varieta' di tipi di cellule.
Il ricercatore ha aggregato queste cellule staminali fino a formare piccoli pezzetti di tessuto, che ha poi ricoperto con un pezzo di epitelio orale. Cosa accade a questo punto? Le cellule dell'epitelio orale, in un certo senso, gia' sanno di essere programmate per diventare parte di un dente, ed ''istruiscono'' dunque le cellule staminali perche' si trasformino in cellule orali mesenchimali. Il primordium che ne risulta, trapiantato nel rene di un topo (un ambiente ideale perche' ben irrorato di sangue e ossigeno), si trasforma appunto in un dente. La speranza di Sharpe e' di riuscire presto ad impiantare un primordium nelle gengive di un paziente, al posto di un dente rimosso o caduto. Dopo l'impianto, afferma il ricercatore, il proto-dente dovrebbe crescere, formare delle radici che si impiantino nella mascella e spuntare in bocca nell'arco di poche settimane. Ma affinche' il miracolo si compia davvero, pero', sara' necessario 'convincere' il primordium a trasformarsi in un dente maturo. Cio' sarebbe possibile attivando specifici geni. Tutto sta nell'identificare quali esattamente. Sebbene siano infatti migliaia i geni coinvolti nella formazione di un organo come il dente, essi si 'accendono' con una sorta di meccanismo a cascata: l'attivazione di uno, cioe', innesca il funzionamento del gene successivo. A questo punto, spiegano gli esperti, e' semplicemente necessario riuscire ad identificare ed attivare i primi geni del meccanismo a cascata, il cui numero si presume essere limitato. Un passo in tal senso e' gia' stato compiuto. Un gene di questo tipo e' infatti gia' stato scoperto: si tratta del gene Barx1, presente nelle cellule dei primordia destinati a diventare denti molari. Si tratta dunque, con tutta probabilita', di un gene che controlla la forma dei denti.
La strada che rendera' possibile avere denti nuovi, anche se in testa si conta gia' qualche capello bianco, sembra quindi essere tracciata. E tutto lascia supporre che la domanda per l'odontoiatria rigenerativa, nei paesi occidentali caratterizzati da una popolazione sempre piu' vecchia e sdentata, sara' notevole. Sharpe sembra esserne piu' che consapevole: per sfruttare tale domanda, infatti, ha dato vita ad una compagnia, la Odontis. Se riuscira' a commercializzare la nuova tecnologia basata sulle cellule staminali, e' certo che gli azionisti, sdentati o meno, avranno di che sorridere

Fonte: Ansa (12/04/2004)
Pubblicato in Biotecnologie
Tag: dent
Vota: Condividi: Inoltra via mail

Per poter commentare e' necessario essere iscritti al sito.

Registrati per avere:
un tuo profilo con curriculum vitae, foto, avatar
messaggi privati e una miglior gestione delle notifiche di risposta,
la possibilità di pubblicare tuoi lavori o segnalare notizie ed eventi
ed entrare a far parte della community del sito.

Che aspetti, Registrati subito
o effettua il Login per venir riconosciuto.

 
Leggi i commenti
Notizie
  • Ultime.
  • Rilievo.
  • Più lette.

Evento: Congresso Nazionale della SocietÓ Italiana di Farmacologia
Evento: Synthetic and Systems Biology Summer School
Evento: Neuroni Specchio
Evento: Science & You
Evento: Allosteric Pharmacology
Evento: Conference on Recombinant Protein Production
Evento: Informazione e teletrasporto quantistico
Evento: Into the Wild
Evento: Astronave Terra
Evento: Advances in Business-Related Scientific Research


Correlati

 
Disclaimer & Privacy Policy