Feed RSS: Molecularlab.it NewsiCalendar file
Categorie

Un "biochip" potrebbe sostituire animali da laboratorio

Staminali di topo


Hanno sviluppato un dispositivo in miniatura che potrebbe imitare il comportamento degli organi interni dell'uomo, compresi fegato, reni e stomaco, e sostituire pertanto gli animali nelle sperimen

Hanno sviluppato un dispositivo in miniatura che potrebbe imitare il comportamento degli organi interni dell'uomo, compresi fegato, reni e stomaco, e sostituire pertanto gli animali nelle sperimentazioni farmacologiche.
Il meccanismo Ŕ stato sviluppato da alcuni scienziati della societÓ statunitense Hurel. Il dispositivo Ŕ costituito da un "biochip" che ospita comparti separati ma microfluidicamente interconnessi. I diversi comparti contengono colture di cellule viventi che sono state estratte da diversi organi e tessuti di mammiferi viventi o che li rappresentano.
"I canali microfluidici tra i comparti consentono ai composti e al fluido di "surrogato ematico" di ricircolare come in un sistema vivente. La geometria fisica del sistema Ŕ stata studiata per simulare determinati parametri fisiologici - tempo di permanenza del farmaco, tempo di transito circolatorio, rapporti volumetrici da fluido a tessuto, e altri - al fine di riprodurre gli aspetti rilevanti della fisiologia dell'animale vivente", ha spiegato la Hurel.
Lo sviluppo presenta un potenziale enorme al fine della sostituzione degli animali che attualmente vengono utilizzati negli esperimenti, e potrebbe anche essere pi¨ accurato dei modelli animali nel dimostrare le possibili reazioni degli organi umani.
"Al momento non esistono strumenti preclinici semplici e rapidi che riproducano l'interazione in vivo di enzimi e trasportatori. Occorre un insieme semplice di flusso che permetta di incorporare epatociti ed enterociti di specie animali ma anche, in alternativa, di umani [...]", ha dichiarato il presidente del Comitato scientifico consultivo della Hurel. "Uno strumento preclinico nuovo di questo tipo [...] chiarirebbe i motivi della discordanza che spesso emerge tra le specie animali e l'uomo per quanto riguarda le caratteristiche ADME [assorbimento, distribuzione, metabolismo ed eliminazione] delle molecole dei farmaci".
La Hurel ha appena sottoscritto un accordo di collaborazione scientifica congiunta con la Johnson and Johnson Pharmaceutical Research and Development (J&JPRD). Ai sensi dell'accordo, la J&JPRD si impegna a fornire alla Hurel orientamenti scientifici e finanziamenti per un programma di ricerca e sviluppo della durata di un anno, volto a convalidare la tecnologia della sua piattaforma di analisi e a preparare il prodotto per la distribuzione commerciale generale.

Fonte: Cordis (28/09/2005)
Pubblicato in Ecologia e Ambiente
Tag: animali, topo, laboratorio
Vota: Condividi: Inoltra via mail

Per poter commentare e' necessario essere iscritti al sito.

Registrati per avere:
un tuo profilo con curriculum vitae, foto, avatar
messaggi privati e una miglior gestione delle notifiche di risposta,
la possibilità di pubblicare tuoi lavori o segnalare notizie ed eventi
ed entrare a far parte della community del sito.

Che aspetti, Registrati subito
o effettua il Login per venir riconosciuto.

 
Leggi i commenti
Notizie
  • Ultime.
  • Rilievo.
  • Più lette.

Evento: Congresso Nazionale della SocietÓ Italiana di Farmacologia
Evento: Synthetic and Systems Biology Summer School
Evento: Allosteric Pharmacology
Evento: Conference on Recombinant Protein Production
Evento: Informazione e teletrasporto quantistico
Evento: Into the Wild
Evento: Astronave Terra
Evento: Advances in Business-Related Scientific Research
Evento: Conferenza sulle prospettive nell'istruzione scientifica
Evento: New Perspectives in Science Education


Correlati

 
Disclaimer & Privacy Policy