Feed RSS: Molecularlab.it NewsiCalendar file
Categorie

Allo studio nuovi farmaci contro l'insonnia a base di orexina

Uomo che dorme


La molecola responsabile del ciclo sonno-veglia, se si bloccano i recettori viene indotto il sonno nei pazienti

Una ricerca svizzera condotta dal gruppo di Francois Jenck nei laboratori della Actelion Pharmaceuticals di Allschwill ha scoperto che possibile indurre il sonno disattivano i recettori dell'orexina, una molecola che regola la veglia.
I ricercatori hanno condotto lo studio sui disturbi del sonno in topi, cani e uomini. L'orexina un neuropeptide prodotto nel cervello, responsabile della regolazione del ciclo sonno-veglia. Questa molecola diventata nota per la narcolessia, la malattia che fa addormentare improvvisamente e senza preavviso. Chi soffre di questo disturbo, infatti, privo di orexina. Gli studiosi hanno quindi intuito che se questa molecola che regola la veglia, lavorando su questa possibile riuscire a far dormire chi soffre di insonnia, disturbo di cui soffre circa il 20-30% delle popolazione, anche s esolo per poco tempo.
Lo studio dimostra che bloccando i recettori dell'orexina, che permettono ai neuroni di rispondere alla proteina che invia al cervello il segnale di rimanere sveglio, si pu indurre il sonno, evitando le conseguenze indesiderate della narcolessia (ad esempio la perdita del tono muscolare).
Roland Haefeli della Actelion spiega che lo studio stato condotto su 70 volontari, senza alcuna storia di problemi neurologici, disturbi del sonno o psichiatrici.
I soggetti, dopo 1 ora dall'assunzione di un farmaco che inattiva il recettore dell'orexina, iniziavano ad avere sonno. Seguiti per le successive 12 ore, si osservato che dopo qualche ora il sonno spariva e inoltre sono stati sottoposti a test psicomotori, per valutarne le funzioni, e hanno risposto ad un questionario per valutare le caratteristiche del loro sonno.
Il prossimo passo sar quello di valutare se la nuova terapia, migliora gli spiacevoli effetti collaterali (sonnolenza, intorpidimento, difficolt di prestazione il giorno seguente) che compaiono con l'assunzione dei classici sonniferi, che agiscono sui "recettori Gaba", una sorta di interruttore generale del sonno.

Redazione MolecularLab.it (02/02/2007)
Pubblicato in Biochimica e Biologia Cellulare
Tag: orexina, veglia, sonno
Vota: Condividi: Inoltra via mail

Per poter commentare e' necessario essere iscritti al sito.

Registrati per avere:
un tuo profilo con curriculum vitae, foto, avatar
messaggi privati e una miglior gestione delle notifiche di risposta,
la possibilità di pubblicare tuoi lavori o segnalare notizie ed eventi
ed entrare a far parte della community del sito.

Che aspetti, Registrati subito
o effettua il Login per venir riconosciuto.

 
Leggi i commenti
Notizie
  • Ultime.
  • Rilievo.
  • Più lette.

Evento: Congresso Nazionale della Societ Italiana di Farmacologia
Evento: Synthetic and Systems Biology Summer School
Evento: Allosteric Pharmacology
Evento: Conference on Recombinant Protein Production
Evento: Informazione e teletrasporto quantistico
Evento: Into the Wild
Evento: Astronave Terra
Evento: Advances in Business-Related Scientific Research
Evento: Conferenza sulle prospettive nell'istruzione scientifica
Evento: New Perspectives in Science Education


Correlati

 
Disclaimer & Privacy Policy