Feed RSS: Molecularlab.it NewsiCalendar file
Categorie

E' stato sequenziato il genoma di opossum

Cromosoma X


Condotti anche altri studi di comparazione con il genoma umano per studiare le modifiche evolutive

E' stato sequenziato il primo genoma di un marsupiale e, nel dettaglio, di Monodelphis domestica, un opossum che vive in Sud America. Il risultato è stato ottenuto da un gruppo di ricerca internazionale Broad Institute del MIT di Boston. La pubblicazione del genoma di questo animali è importante non solo per conoscere meglio le caratteristiche di questo ma anche per confrontare questo genoma con quello di animali non marsupiali e con l'uomo, in modo da evidenziare le modifiche geniche evolutive che riguardano soprattutto quella parte di DNA non codificante detto "DNA spazzatura".
In seguito al sequenziamento sono stati condotti altri tre studi, riportati sulla rivista "Genome Research". L'analisi del genoma di opossum da parte del gruppo di Katherine Belov, dell'Università of Sydney, ha rivelato delle caratteristiche finora sconosciute soprattuto per quanto riguarda i geni che portano allo sviluppo del suo sistema immunitario.
I marsupiali, infatti, acquisiscono le difese immunitarie dopo la nascita e grazie al sequenziamento del genoma sarà possibile studiare i geni deputati a controllare questo processo. Gli autori della ricerca sperano inoltre di ottenere importanti indicazioni sulle malattie immunologiche dell'uomo, attraverso il confronto del genoma dell'animale con quello umano. Sono state infatti individuate 1528 proteine coinvolte nel funzionamento del sistema immunitario umano simili a quelle dell'opossum.
Una parte delle ricerche sono state condotte dalla Stanford University e qui, l'autore del relativo articolo, Andrew J. Gentles, ha concentrato la sua attenzione sui trasposoni (elementi trasponibili) cioè sequenze di DNA mobili e ripetitive che possono cambiare collocazione all'interno della molecola. Queste sequenze di DNA possono dare indicazioni sulle trasformazioni dovute all'evoluzione. Gentles ha spiegato: "Il genoma di opossum è stato bombardato da trasposoni. Essi costituiscono circa il 52% dell'intero genoma."
In un terzo articolo Leo Goodstadt dell'Università di Oxford riporta le osservazioni riguardo la dimensione degli autosomi di opossum: sono anche tre volte più grandi di quelli dell'uomo. Inoltre sono stati individuati 2733 geni che sono duplicati nel genoma di opossum a partire dalla divergenza dagli antenati dell'uomo, avvenuta a 170-190 milioni di anni fa. Questi geni contribuiscono alla regolazione di alcune caratteristiche del comportamento dell'opossum, ad esempio la comunicazione feromonica, il foraggiamento notturno e l'adattamento ai cambiamenti dietetici.


Redazione MolecularLab.it (16/05/2007)
Pubblicato in Biotecnologie
Tag: sequenziamento, genoma, opossum, evoluzione
Vota: Condividi: Inoltra via mail

Per poter commentare e' necessario essere iscritti al sito.

Registrati per avere:
un tuo profilo con curriculum vitae, foto, avatar
messaggi privati e una miglior gestione delle notifiche di risposta,
la possibilità di pubblicare tuoi lavori o segnalare notizie ed eventi
ed entrare a far parte della community del sito.

Che aspetti, Registrati subito
o effettua il Login per venir riconosciuto.

 
Leggi i commenti
Notizie
  • Ultime.
  • Rilievo.
  • Più lette.

Evento: Congresso Nazionale della SocietÓ Italiana di Farmacologia
Evento: Synthetic and Systems Biology Summer School
Evento: Allosteric Pharmacology
Evento: Conference on Recombinant Protein Production
Evento: Informazione e teletrasporto quantistico
Evento: Into the Wild
Evento: Astronave Terra
Evento: Advances in Business-Related Scientific Research
Evento: Conferenza sulle prospettive nell'istruzione scientifica
Evento: New Perspectives in Science Education


Correlati

 
Disclaimer & Privacy Policy