Feed RSS: Molecularlab.it NewsiCalendar file
Categorie

DNA: Destinazione Terra?


In un meteorite caduto nel 1969 in Australia sono state trovate due molecole, l'uracile e la xantina, precursori di DNA e RNA

Il meteorite Murchison contiene molecole che formano gli elementi costituenti del DNA e dell'RNA. Questa scoperta è stata fatta da una squadra di scienziati del Regno Unito, dei Paesi Bassi e degli Stati Uniti. Tra le molecole trovate ci sono l'uracile e la xantina, che sono conosciute come basi azotate e sono precursori delle molecole che formano il DNA e l'RNA. I risultati sono stati pubblicati in uno studio nella rivista Earth and Planetary Science Letters.

Il meteorite si schiantò alla fine di settembre del 1969 appena fuori la città di Murchison, nello stato di Victoria (Australia). Scienziati hanno analizzato il meteorite Murchison fin da quando si è schiantato, facendone il meteorite più studiato nella sua categoria.

La dott.sa Zita Martins, del Department of Earth Science and Engineering all'Imperial College di Londra, è l'autore principale dell'articolo. Secondo lei, la loro ricerca può fornire ulteriori prove per spiegare l'evoluzione iniziale della vita.
"Noi riteniamo che all'inizio la vita possa aver adottato delle basi azotate da frammenti meteoritici, da usare nella codificazione genetica, che ha permesso di trasmettere le migliori caratteristiche alle successive generazioni," ha aggiunto.

Nel corso degli ultimi due secoli, sono stati raccolti meteoriti da circa 35 impatti osservati di "condriti carbonacee". Come il meteorite Murchison, questi meteoriti presentano alti livelli di acqua e composti organici. Essi contengono inoltre materiali fusi provenienti da nubi molecolari dense, coeve o anteriori alla formazione del sistema solare. Questi sono particolarmente interessanti per i ricercatori poiché, come la vita sulla Terra, contengono composti organici o basati sul carbonio.

L'analisi del meteorite Murchison indica che le basi azotate contengono una forma pesante di carbonio che si può essere formata soltanto nello spazio. I materiali che si sono formati sulla Terra sono costituiti da una varietà più leggera di carbonio. Il meteorite è stato anche testato rigorosamente per determinare se le molecole provenivano dal sistema solare o erano il risultato di contaminazioni quando il meteorite si è schiantato sulla Terra.

Il coautore dello studio, il prof. Mark Sephton, anche lui del Department of Earth Science and Engineering all'Imperial College, ritiene che questa ricerca rappresenti un passo avanti importante per la comprensione di come si possa essere evoluta all'inizio la vita.

"Visto che i meteoriti rappresentano il materiale d'avanzo della formazione del sistema solare, i componenti principali per la vita (tra cui le basi azotate) potrebbero essere sparsi nell'universo," ha spiegato. "Poiché vengono scoperte sempre più materie prime della vita negli oggetti provenienti dallo spazio, la possibilità che la vita si sviluppi ovunque c'è la giusta chimica, diventa sempre più verosimile."



Fonte: Cordis (20/06/2008)
Pubblicato in Genetica, Biologia Molecolare e Microbiologia
Tag: RNA, DNA, meteorite, vita
Vota: Condividi: Inoltra via mail

Per poter commentare e' necessario essere iscritti al sito.

Registrati per avere:
un tuo profilo con curriculum vitae, foto, avatar
messaggi privati e una miglior gestione delle notifiche di risposta,
la possibilità di pubblicare tuoi lavori o segnalare notizie ed eventi
ed entrare a far parte della community del sito.

Che aspetti, Registrati subito
o effettua il Login per venir riconosciuto.

 
Leggi i commenti
Notizie
  • Ultime.
  • Rilievo.
  • Più lette.

Evento: Congresso Nazionale della SocietÓ Italiana di Farmacologia
Evento: Synthetic and Systems Biology Summer School
Evento: Allosteric Pharmacology
Evento: Conference on Recombinant Protein Production
Evento: Informazione e teletrasporto quantistico
Evento: Into the Wild
Evento: Astronave Terra
Evento: Advances in Business-Related Scientific Research
Evento: Conferenza sulle prospettive nell'istruzione scientifica
Evento: New Perspectives in Science Education


Correlati

 
Disclaimer & Privacy Policy