Feed RSS: Molecularlab.it NewsiCalendar file
Categorie

Il corteggiamento tra maschi è regolato dal genoma

Drosophila melanogaster


Il gene sphinx dei moscerini, derivato da una traslocazione genetica, è in grado di inibire il comportamento di corteggiamento tra maschi

Conducendo una ricerca, ora pubblicata sui Proceedings of the National Academy of Sciences, i biologi dell'Università di Chicago e del Sussex hanno scoperto che il silenziamento di un gene, chiamato sphinx, presente nel moscerino della frutta, porta a un aumento del comportamento di corteggiamento reciproco fra i maschi della specie. Il corteggiamento fra maschi è molto diffuso fra i moscerini, ma il moscerino della frutta non presenta tale comportamento e, come scoperto dal gruppo diretto da Manyuan Long nel 2002, anche a livello genetico presenta un gene, lo sphinx, che è espresso nelle gonadi del maschio, e che è assente nelle altre specie di moscerini, e mai espresso nelle femmine. Per condurre lo studio su questo gene i ricercatori hanno creato una linea di moscerini nei quali esso è silenziato. Hanno potuto così osservare che i moscerini appaiono normali ma i maschi di questa variante si mostrano interessati agli altri maschi eseguendo fra loro tutte le fasi del corteggiamento fra maschio e femmina, ad eccezione dell'accoppiamento.
I ricercatori hanno anche notato che i gruppi di maschi privi di una copia funzionale di spihnx tendono a comportarsi differentemente, formando catene di moscerini incolonnati uno dietro l'altro, una posizione tipica del corteggiamento maschile che non si osserva in quello maschio-femmina, e che i maschi tornano ad interessarsi delle femmine solo dopo che il corteggiamento fra maschi non ha portato all'accoppiamento. Manyuan Long sostiene che "Il corteggiamento maschio-maschio può essere stato comune nella popolazione ancestrale di D. melanogaster. Il gene sphinx sembra essersi evoluto per portare questa popolazione a essere una singola specie". A sostegno di questa teoria vi è l'evidenza che il gene Sphinx è un gene chimerico funzionale recente, risalente a circa tre milioni di anni fa, derivato dall'inserzione di un frammento del gene per la ATP sintetasi presente sul cromosoma 2 in un altro gene collocato sul cromosoma 4. Tre milioni di anni fa D. melanogaster si è separata dalle specie affini probabilmente anche in virtù di questa mutazione che ha eliminato un comportamento comune nei moscerini fin da 25-30 milioni di anni fa. Tutto cio fa supporre che il corteggiamento maschile sia un sistema in evoluzione, che possa esitare in nuove componenti genetiche e modificare i comportamenti di corteggiamento, almeno dal punto di vista genetico. Ovviamente altri fattori, come l'ambiente, possono aver influito.

Redazione MolecularLab.it (05/09/2008)
Pubblicato in Genetica, Biologia Molecolare e Microbiologia
Tag: sphinx, corteggiamento, amore, drosophila
Vota: Condividi: Inoltra via mail

Per poter commentare e' necessario essere iscritti al sito.

Registrati per avere:
un tuo profilo con curriculum vitae, foto, avatar
messaggi privati e una miglior gestione delle notifiche di risposta,
la possibilità di pubblicare tuoi lavori o segnalare notizie ed eventi
ed entrare a far parte della community del sito.

Che aspetti, Registrati subito
o effettua il Login per venir riconosciuto.

 
Leggi i commenti
Notizie
  • Ultime.
  • Rilievo.
  • Più lette.

Evento: Congresso Nazionale della SocietÓ Italiana di Farmacologia
Evento: Synthetic and Systems Biology Summer School
Evento: Allosteric Pharmacology
Evento: Conference on Recombinant Protein Production
Evento: Informazione e teletrasporto quantistico
Evento: Into the Wild
Evento: Astronave Terra
Evento: Advances in Business-Related Scientific Research
Evento: Conferenza sulle prospettive nell'istruzione scientifica
Evento: New Perspectives in Science Education


Correlati

 
Disclaimer & Privacy Policy