Forum

Nome Utente:
Password:
Riconoscimi automaticamente
 Tutti i Forum
 Laboratorio
 Microbiologia e Immunologia
 Dicloroacetato
 Nuova Discussione  Nuovo Sondaggio Nuovo Sondaggio
 Rispondi Aggiungi ai Preferiti Aggiungi ai Preferiti
Cerca nelle discussioni
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Risorse di Microbiologia & Immunologia: Relazioni Blog InsideMicro Protocolli Siti di Microbiologia e Immunologia Ultimo notizie

Aggiungi Tag Aggiungi i tag

Quanto è utile/interessante questa discussione:

Autore Discussione  

rolling
Nuovo Arrivato



2 Messaggi

Inserito il - 24 luglio 2009 : 13:26:22  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di rolling Invia a rolling un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Salve, sono nuovo del forum. Ho letto con molto interesse le ricerche del Dr.Silvo Buzzi e il farmaco CRM197. Faccio, pero', riferimento ad un articolo del Correre della Sera del 29 aprile 2007 (Salute) dove, nella medesima pagina si racconta il caso italiano del Dr. Buzzi, c'e' un articolo ben piu' GRANDE con una intervista ad un certo "ricco californiano" di nome JIM TASSANO. Questo signore, pare, abbia scoperto la molecola (conosciuta da vent'anni) il "DICLOROACETATO" e abbia iniziato a produrla artigianalmente e a venderla online come prodotto veterinario (ovviamente negli Stati Uniti) espediente che evita la scure dell'ente federale sanitario che regola la messa in commercio dei medicinali per l'uomo, la FDA. Di questo ne ha parlato la rivista NATURE con due pagine dedicate a proposito. Pare che,attualmente (cioe' aprile 2007) 400 malati stiano sperimentando questo Dicloroacetato e riportano gli eventuali miglioramenti su un'altro sito internet creato da Tassano, dedicato alle informazioni "scientifiche" sul farmaco.
C'e' qualcuno che ha avuto notizie circa questa molecola e dei suoi effetti ? Pare che, di quei 400 malati, ci sia una decina di italiani i quali hanno acquistato, via internet, il Dicloroacetato. Sarebbe interessante sapere, a distanza di oltre due anni, notizie al riguardo.
GRAZIE e cordiali saluti

chick80
Moderatore

DNA

Città: Edinburgh


11491 Messaggi

Inserito il - 24 luglio 2009 : 14:07:54  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di chick80 Invia a chick80 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Citazione:
Pare che,attualmente (cioe' aprile 2007) 400 malati stiano sperimentando questo Dicloroacetato e riportano gli eventuali miglioramenti su un'altro sito internet creato da Tassano, dedicato alle informazioni "scientifiche" sul farmaco.

Dati pubblicati online, e mai presentati formalmente non sono molto rigorosi. Questo non vuol dire che siano falsi, solo che prima di utilizzare un qualsiasi farmaco in clinica BISOGNA fare dei test clinici. Non importa se costa poco, non importa se è la cura del secolo etc. etc. Anche l'interferone era la cura del secolo, fino a che non hanno visto che, beh, non lo era!
Sicuramente il DCA ha potenti effetti in vitro, ma dei trial clinici su umani (fatti in maniera seria) mancano.

Citazione:
venderla online come prodotto veterinario (ovviamente negli Stati Uniti) espediente che evita la scure dell'ente federale sanitario che regola la messa in commercio dei medicinali per l'uomo, la FDA.

Questo mi fa solo sorgere sull'eticità delle persone che lo prescrivono. Cosa succederebbe se si scoprissero effetti avversi di questa molecola? I medici che l'hanno prescritta probabilmente se ne laveranno le mani e a rimetterci saranno i pazienti (sempre che la "cura" abbia fatto effetto in primo luogo).

Il problema è sempre quello: non si tratta di cospirazioni etc., si tratta di SICUREZZA per il paziente e, come spesso accade, di un'eccessiva pubblicità positiva di alcuni media.

Cito da: Dichloroacetate (DCA) as a potential metabolic-targeting therapy for cancer - Michelakis et al. - British Journal of Cancer, 2008

Citazione:
Dichloroacetate could be tested in a variety of cancer types. The realisation that (i) a diverse group of signalling pathways and oncogenes result in resistance to apoptosis and a glycolytic phenotype, (ii) the majority of carcinomas have hyperpolarised/remodeled mitochondria, and (iii) most solid tumours have increased glucose uptake on PET imaging, suggest that DCA might be effective in a large number of diverse tumours. However, direct preclinical evidence of anticancer effects of DCA has been published only with non-small cell lung cancer, glioblastoma and breast, endometrial and prostate cancer. In addition, the lack of mitochondrial hyperpolarisation in certain types of cancer, including oat cell lung cancer, lymphomas, neuroblastomas and sarcomas (Chen, 1988), suggest that DCA might not be effective in such cases. Cancers with limited or no meaningful therapeutic options like recurrent glioblastoma or advanced lung cancer should be on top of the list of cancers to be studied.

No patient with cancer has received DCA within a clinical trial. It is unknown whether previously studied dose ranges will achieve cytotoxic intra-tumoral concentrations of DCA. In addition, the overall nutritional and metabolic profile of patients with advanced cancer differs from those in the published DCA studies. Furthermore, pre-exposure to neurotoxic chemotherapy may predispose to DCA neurotoxicity. Carefully performed phase I dose escalation and phase II trials with serial tissue biopsies are required to define the maximally tolerated, and biologically active dose. Clinical trials with DCA will need to carefully monitor neurotoxicity and establish clear dose-reduction strategies to manage toxicities. Furthermore, the pharmacokinetics in the cancer population will need to be defined.


Sei un nuovo arrivato?
Leggi il regolamento del forum e presentati qui

My photo portfolio (now on G+!)
Torna all'inizio della Pagina

Giuliano652
Moderatore

profilo

Prov.: Brescia


6880 Messaggi

Inserito il - 24 luglio 2009 : 14:14:33  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Giuliano652 Invia a Giuliano652 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
boh, ma se qualcuno è tanto convinto che qualcosa funzioni, perché non pubblica su qualche peer reviewed? E perché deve voler scavalcare la FDA?

Uno strumento utile per l'utilizzo del forum: cerca

Se sei nuovo leggi il regolamento e, se vuoi farti conoscere, presentati qui

Link utili alla professione:
FAQ su nutrizione e dietistica
[Raccolta link] cosa bisogna sapere del lavoro del biologo
Burocrazia per lavorare come biologi
Dà più sbocchi biologia delle posidonie o biotech suine?
Torna all'inizio della Pagina
  Discussione  

Quanto è utile/interessante questa discussione:

 Nuova Discussione  Nuovo Sondaggio Nuovo Sondaggio
 Rispondi Aggiungi ai Preferiti Aggiungi ai Preferiti
Cerca nelle discussioni
Vai a:
MolecularLab.it © 2003-18 MolecularLab.it Torna all'inizio della Pagina