Forum

Nome Utente:
Password:
Riconoscimi automaticamente
 Tutti i Forum
 Varie
 Università, Orientamento, Lavoro
 Burocrazia per lavorare come biologi
 Nuova Discussione  Nuovo Sondaggio Nuovo Sondaggio
 Rispondi Aggiungi ai Preferiti Aggiungi ai Preferiti
Cerca nelle discussioni
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Risorse di Università e Lavoro: Siti di Università - enti di ricerca e Lavoro Ultime notizie

Aggiungi Tag Aggiungi i tag

Quanto è utile/interessante questa discussione:

Autore Discussione  

Giuliano652
Moderatore

profilo
Prov.: Brescia


6664 Messaggi

Inserito il - 14 gennaio 2018 : 20:20:25  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Giuliano652 Invia a Giuliano652 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Cosa serve per lavorare da biologo? Partiamo dalle definizioni.
Dicesi Biologo una persona che, laureata in una determinata classe di laurea (elencate qui: http://www.molecularlab.it/forum/topic.asp?TOPIC_ID=9835) supera l'esame di stato per Biologi. Una volta superato l'esame di stato si ha la qualifica di Biologo, e per lavorare come biologi ci si deve iscrivere all'Ordine dei Biologi.
Per essere più chiari: non basta la laurea in scienze biologiche per dirsi biologi, serve l'esame di stato, e non basta questo per lavorare da biologi ma serve l'iscrizione all'albo.

Una volta ottenuto il titolo cosa devo fare?

1) Iscrizione all'albo dei biologi

Esistono la sezione A, la sezione B e l'elenco speciale.
L'elenco speciale è per i dipendenti delle pubbliche amministrazioni che non possono svolgere la libera professione;
La sezione B è riservata a chi ha superato l'esame di stato dopo la triennale e non ha il titolo di Biologo ma Biologo Junior
La sezione A è riservata a chi ha conseguito uno dei diplomi magistrali elencati nel link messo sopra e supera l'esame di stato per biologi.
Le procedure di iscrizione sono descritte sul sito dell'Ordine Nazionale dei Biologi qui: http://www.onb.it/wp-content/uploads/2018/01/modulo_iscrizione_09.01.2018.pdf)

L'iscrizione all'ONB permette di lavorare come biologo sia come dipendente, sia come libero professionista. C'è bisogno di essere iscritti all'ONB ogni volta che si deve firmare e timbrare un documento come biologo.
Se si vuole intraprendere la libera professione c'è bisogno di seguire ulteriori passaggi

2) Apertura della partita IVA

Si può fare in autonomia o affidandosi a un commercialista. Nel primo caso è meglio consultare il sito dell'agenzia delle entrate (https://tinyurl.com/y7p6gwe3) ma è una procedura gratuita, nel secondo si è sicuri di fare le cose per bene ma va pagata la consulenza.

3) Iscrizione all'ENPAB e suo funzionamento

L'ENPAB è l'Ente Nazionale di Previdenza e Assistenza a favore dei Biologi, è l'organo che eroga le nostre pensioni e che ci dà il contributo di maternità e paternità, un'assicurazione contro gravi eventi morbosi, e che ha stipulato numerose convenzioni a nostro favore.
La nostra pensione è fondata sul DL 103/96 e segue un sistema contributivo e a capitalizzazione.
Contributivo significa che la nostra pensione sarà tanto più alta quanto più riusciremo a versare nelle casse dell'ENPAB durante la nostra vita lavorativa; a capitalizzazione significa che quello che versiamo verrà messo da parte per la nostra pensione e non verrà usato per pagare le pensioni dei colleghi più anziani.

L'iscrizione all'ENPAB va fatta entro 90 giorni dall'apertura della partita IVA ed è gratuita.
Ogni anno siamo chiamati a versare una quota nelle casse dell'ente, la maggior parte di questa quota andrà a formare la nostra pensione.
I contributi da versare sono i seguenti:
- contributo soggettivo pari al 15% del reddito, volontariamente aumentabile fino al 20% se si desidera aumentare il proprio montante pensionistico
- contributo integrativo pari al 4% del fatturato ai privati e al 2% del fatturato alle Pubbliche Amministrazioni. Questo è un costo a carico del cliente che dovrà pagarlo e vederlo segnato in fattura:

prestazione: 100
enpab 4%: 4
totale 104
---
Prestazione: 96.15
enpab 4%: 3.85
totale: 100
---
in generale:
prestazione: totale / 1.04 (oppure 1.02 se la fattura è per un ente pubblico)
enpab 4% (2% se la fattura è per un ente pubblico): totale - prestazione
totale

- contributo di maternità pari attualmente a circa 103 euro [gennaio 2018]

Questi contributi vengono versati in due parti: una parte come minimi fissi, uguali per tutti (salvo riduzioni per età, altra contribuzione obbligatoria o inattività per oltre sei mesi - vedi modulistica nel sito ENPAB), in due rate il 30 aprile e il 30 giugno per un totale di circa 1300 euro; l'altra parte l'anno successivo, come conguagli, per arrivare alle percentuali dette sopra il 15 ottobre [aggiornamento luglio 2018] e il 30 dicembre [Fonte per le date: https://www.enpab.it/previdenza/informazioni-utili/scadenze-annuali.html]. Ad esempio

2017: verso 1300 euro ad aprile e giugno di contributi minimi per il 2017 (parte soggettivo, parte integrativo e tutta la maternità)
2018: verso 1300 euro ad aprile e giugno di contributi minimi per il 2018 (parte soggettivo, parte integrativo e tutta la maternità)
2018: entro il 30 settembre [aggiornamento luglio 2018] faccio la dichiarazione dei redditi nella mia area riservata ENPAB, riguardante i redditi del 2017
2018: a ottobre [aggiornamento luglio 2018] e dicembre verserò quanto dovuto per arrivare alle percentuali dette sopra riferito ai redditi del 2017
2019: verso 1300 euro ad aprile e giugno di contributi minimi per il 2019 (parte soggettivo, parte integrativo e tutta la maternità)
2019: entro il 30 settembre faccio la dichiarazione dei redditi nella mia area riservata ENPAB, riguardante i redditi del 2018
2019: a ottobre e dicembre verserò quanto dovuto per arrivare alle percentuali dette sopra riferito ai redditi del 2018
e così via

I minimi possono essere anche più bassi se ci sono meno mesi di lavoro: se si apre la p. IVA il 5 aprile si verserà per 8 mesi, non per 12. Nel sito ENPAB è presente la tabella dei contributi minimi nella pagina della modulistica: https://www.enpab.it/previdenza/modulistica.html#iscritti

Tutto il contributo soggettivo e metà del contributo integrativo fatturati ai privati va sul nostro montante pensionistico, l'altra metà del contributivo e quello fatturato alle PA va alla gestione dell'ente, che quindi viene pagata dai nostri clienti.

4) Assicurazione

Sia ENPAB sia ONB hanno convenzioni con broker assicurativi. L'assicurazione è un obbligo di legge

5) Timbro professionale

Va richiesto il nulla osta all'ONB, poi il timbro dovrà essere fatto autonomamente in qualsiasi timbrificio

6) POS

Il cliente ha il diritto di pagare con bancomat e carte di credito, avere un POS è un obbligo di legge. Suggerisco di rivolgersi ai POS collegabili al cellulare per limitare le spese.

7) Come si fattura

La fatturazione è diversa a seconda del proprio regime fiscale, del tipo di prestazione e del cliente: quello che scriviamo ad una Pubblica Amministrazione (PA) se lavoriamo in un regime ordinario con IVA sarà diverso da quello che scriviamo a un privato se lavoriamo in un regime forfettario. L'ENPAB, nell'area riservata, ha messo a disposizione dei modelli di fatturazione da poter usare nei vari casi. Qui di seguito riporto un esempio di calcolo per ciascun caso, da modificare secondo gli accordi presi con il contratto stipulato. Per sapere in quale regime fiscale siete e per conoscere le diciture esatte da scrivere sulla fattura, contattate il vostro commercialista.
In generale: l'IVA si calcola sul totale imponibile (compenso + ENPAB); la ritenuta d'acconto si calcola sul compenso

- PA; ENPAB: 2%
La PA accetta solo fatture elettroniche

-- regime dei minimi.

Compenso: 1000 €
Contributo previdenziale 2%: 20 €
Imponibile: 1020 €
Totale: 1020 €

-- Regime forfettario

Compenso: 1000 €
Contributo previdenziale 2%: 20 €
Imponibile: 1020 €
Totale: 1020 €

-- Regime ordinario, esente IVA

Compenso: 3000 €
Contributo previdenziale 2%: 60 €
Totale imponibile: 3060 €

Totale fattura: 3060 €
Ritenuta d'acconto 20%: 600 €
Netto da versare: 2460 €

-- Regime ordinario, con IVA

Compenso: 1000 €
Contributo previdenziale 2%: 20 €
Totale imponibile: 1020 €
IVA 22%: 224 €
Totale fattura: 1244 €
Ritenuta d'acconto 20%: 200 €
Netto da versare: 1044 €

- Privati; ENPAB 4%

-- Regime dei minimi

Compenso: 1000 €
Contributo previdenziale 4%: 40 €
Totale fattura: 1040 €

-- Regime forfettario

Compenso: 500 €
Contributo previdenziale 4%: 20 €
Totale fattura: 520 €

-- Regime ordinario, esente IVA

Compenso: 1000 €
Contributo previdenziale 4%: 40 €
Totale imponibile: 1040 €

Totale fattura: 1040 €
Ritenuta d'acconto 20%: 200 €
Netto da versare: 840 €

ovviamente la ritenuta d'acconto va messa solo a soggetti con partita IVA o persone giuridiche

-- Regime ordinario, con IVA

Compenso: 2500 €
Contributo previdenziale 4%: 100 €
Totale imponibile: 2600 €
IVA 22%: 572 €
Totale fattura: 3172 €
Ritenuta d'acconto 20%: 500 €
Netto da versare: 2672 €

ovviamente la ritenuta d'acconto va messa solo a soggetti con partita IVA o persone giuridiche


L'elenco potrebbe essere incompleto, nel tempo cercherò di migliorarlo

Uno strumento utile per l'utilizzo del forum: cerca

Se sei nuovo leggi il regolamento e, se vuoi farti conoscere, presentati qui

Link utili alla professione:
FAQ su nutrizione e dietistica
[Raccolta link] cosa bisogna sapere del lavoro del biologo
Burocrazia per lavorare come biologi
Dà più sbocchi biologia delle posidonie o biotech suine?
  Discussione  

Quanto è utile/interessante questa discussione:

 Nuova Discussione  Nuovo Sondaggio Nuovo Sondaggio
 Rispondi Aggiungi ai Preferiti Aggiungi ai Preferiti
Cerca nelle discussioni
Vai a:
MolecularLab.it © 2003-14 MolecularLab.it Torna all'inizio della Pagina