Forum

Nome Utente:
Password:
Riconoscimi automaticamente
 Tutti i Forum
 Varie
 Università, Orientamento, Lavoro
 convivere con lo stress in laboratorio
 Nuova Discussione  Nuovo Sondaggio Nuovo Sondaggio
 Rispondi Aggiungi ai Preferiti Aggiungi ai Preferiti
Cerca nelle discussioni
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Risorse di Università e Lavoro: Siti di Università - enti di ricerca e Lavoro Ultime notizie

Aggiungi Tag Aggiungi i tag

Quanto è utile/interessante questa discussione:

Autore Discussione  

citosina.guanina
Nuovo Arrivato



1 Messaggi

Inserito il - 28 ottobre 2018 : 17:09:56  Mostra Profilo Invia a citosina.guanina un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Ciao a tutti, sono nuova e vi scrivo per chiedere conforto da chi come me è del "settore". Sono studentessa magistrale in biotech, ho sempre amato la ricerca da quando ero una bambina e tutte le mie scelte scolastiche, a partire dal liceo scientifico, sono state orientate a fare ricerca biomedica. La mia più grande passione è stata da sempre la genetica, ho sempre seguito le lezioni e dato gli esami spinta da enorme entusiasmo per questo mestiere. Rimanere alzata fino a tardi e fare immani sacrifici non mi è mai pesato perchè sapevo il motivo per cui lo stavo facendo. Ho cominciato ad avere problemi però dal mio ingresso in laboratorio: mi sono ritrovata in un istituto in cui volevo fortemente fare la tesi e, pur di starci, mi sono accontentata del primo prof che mi è stato assegnato, ma che non mi ha mai seguito. Ho fatto la mia prima esperienza di laboratorio completamente allo sbaraglio, ho imparato poco e male, e ho eseguito tecniche senza sapere il perchè e senza sapere come risolvere i problemi quando non ottenevo risultati. Disgustata da quell'ambiente (e premetto che non è solo un'opinione personale perchè chi, come me, aveva intenzioni veramente serie di lavorare ha abbandonato quell'università) ho deciso di iscrivermi alla magistrale presso un altro ateneo, dove mi viene offerto un anno di tirocinio. Mi sono però ritrovata in un ambiente troppo competitivo e dove gli esami sono stati fatti un po' a cavolo (nn mi sento di far nomi ma è un ateneo privato, e vengo dalla triennale già in un ateneo privato ma non mi è mai stato regalato nulla ed ho un'eccellente formazione medica che non rimpiango assolutamente), dove di nozioni teoriche mi è rimasto ben poco. Spinta dall'ansia della competizione (sono una persona molto ambiziosa se non si è capito, e punto sempre in alto) ho fatto una scelta di un istituto di ricerca che si occupa di biologia cellulare per il tirocinio molto affrettata per paura di rimanere fuori o che qualcuno dei miei compagni mi "rubasse il posto". L'ambiente non è dei migliori, un po' come in tutti i laboratori c'è grande pressione da parte del capo ad ottenere risultati, e qui va anche aggiunto che il nostro capo è isterico e lunatico. il gruppo di ricerca dove sono stata affidata è fantastico, e siamo un po' tutti sulla stessa barca. Ho iniziato ad apprendere tecniche nuove e vengo spronata a capire il perchè di quel che faccio. Tuttavia inizio a rendermi conto che non è il settore di mio interesse: gli studi sono fondamentalmente su proteine, mentre io ho da sempre preferito lavorare in ambito genetico. Premetto che in questo ateneo un vero e proprio istituto di genetica non ci sia, ma tutti si occupano un po' di tutto. Da quel che mi era stato presentato all'inzio non avevo idea che ci sarebbe stata solo biologia cellulare. Aggiungendovi la negatività di cui vi parlavo prima, non sto portando avanti questo tirocinio con passione. Mi sento in crisi perchè, dopo aver speso tanti soldi, di cambiare ateneo non ho intenzione,cambiare laboratorio non è possibile (e di fatto, non c'è niente che si avvicini di più ai miei interessi) e devo affrontare un anno così. Dovrei iniziare a prendere le redini della situazione, studiare paper e imparare a prendere l'iniziativa ma mi rendo conto di aver perso la motivazione e per questo il mio cervello si rifiuta di collaborare e ogni volta che mi approccio a studiare qualcosa lo faccio in maniera superficiale, riducendomi all'ultimo momento e questo non è mai stato da me. Mi passa la voglia di prendere appunti in laboratorio e seguo le cose con scarso interesse. non è così che avevo immaginato il mio percorso, il mio timore è che tutti i laboratori di ricerca siano così negativi. Sto accusando tra l'altro molto lo stress perchè sono a tirocinio fino a tarda sera e l'unico momento di svago è nel weekend. Durante la settimana ogni ora è incentrata sul laboratorio e non c'è mai un attimo di pausa. Ho bisogno del vostro consiglio e del vostro sostegno, aiutatemi! Vi siete mai trovati nella mia situazione? come affrontate i momenti di stress? cosa fate per continuare ad avere la motivazione?

Giuliano652
Moderatore

profilo

Prov.: Brescia


6911 Messaggi

Inserito il - 28 ottobre 2018 : 20:07:41  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Giuliano652 Invia a Giuliano652 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
la prossima volta metti un titolo più significativo, come da regolamento.
http://www.molecularlab.it/forum/regolamento.asp

Uno strumento utile per l'utilizzo del forum: cerca

Se sei nuovo leggi il regolamento e, se vuoi farti conoscere, presentati qui

Link utili alla professione:
FAQ su nutrizione e dietistica
[Raccolta link] cosa bisogna sapere del lavoro del biologo
Burocrazia per lavorare come biologi
Dà più sbocchi biologia delle posidonie o biotech suine?
Torna all'inizio della Pagina
  Discussione  

Quanto è utile/interessante questa discussione:

 Nuova Discussione  Nuovo Sondaggio Nuovo Sondaggio
 Rispondi Aggiungi ai Preferiti Aggiungi ai Preferiti
Cerca nelle discussioni
Vai a:
MolecularLab.it © 2003-18 MolecularLab.it Torna all'inizio della Pagina