Feed RSS: Molecularlab.it NewsiCalendar file
Categorie

Un nuovo studio rivela un consenso quasi unanime sull'accesso aperto


Un nuovo studio internazionale su ricercatori accademici di tutte le discipline ha evidenziato che oltre l80 per cento di loro sarebbe disposto a depositare i propri articoli in archivi istituzionali

Un nuovo studio internazionale su ricercatori accademici di tutte le discipline ha evidenziato che oltre l'80 per cento di loro sarebbe disposto a depositare i propri articoli in archivi istituzionali ad accesso aperto.
Dallo studio, condotto per conto del Joint Information Systems Committee (JISC) britannico, Ŕ emerso che l'81 per cento degli autori assolverebbe volentieri il compito di depositare i propri articoli in archivi ad accesso aperto, se richiesto dal datore di lavoro o dai finanziatori della ricerca, contro il 14 per cento che accetterebbe con riluttanza e solo il 5 per cento che si rifiuterebbe di farlo.
Per quanto riguarda i singoli paesi, dall'indagine risulta che i pi¨ alti livelli di consenso al modello di accesso aperto si riscontrano negli Stati Uniti, dove tale modello ha riscosso il sostegno dell'88 per cento degli intervistati. L'idea gode di grande favore anche nel Regno Unito, dove l'83 per cento dei ricercatori l'ha sostenuta, mentre in Cina, con il 58 per cento, si registrano i livelli di consenso pi¨ bassi.
Lo studio ha anche evidenziato che il 31 per cento degli intervistati non conosce ancora le possibilitÓ dall'autoarchiviazione e che i ricercatori che pubblicano il maggior numero di articoli tendono ad essere pi¨ produttivi nell'autoarchiviazione.
In quasi tutti i casi, il motivo principale che spinge i ricercatori a pubblicare Ŕ avere un impatto nel loro campo grazie alla lettura, all'uso e alla citazione dei risultati del loro lavoro.
In uno studio separato, l'American Physical Society e l'Institute of Physics Publishing Ltd sono stati interpellati in merito alla loro esperienza con arXiv, un archivio elettronico aperto che contiene oltre 400.000 documenti di fisica. Nel corso dei suoi 14 anni di esistenza, nessuno dei due editori ha ritenuto di aver perso abbonamenti a causa di arXiv nÚ l'ha considerato una minaccia, anzi, entrambi l'hanno attivamente promosso.
Steven Harnad dell'UniversitÓ di Southampton, l'unica universitÓ britannica con un incarico di autoarchiviazione e uno dei principali fautori del movimento degli archivi ad accesso aperto, ha affermato: "Questi risultati sono estremamente importanti e avranno una considerevole influenza. Attualmente solo il 15 per cento degli articoli viene autoarchiviato in tutto il mondo, ma dai dati emersi dall'indagine possiamo osservare che la stragrande maggioranza degli autori accademici di qualsiasi paese sarebbe disposta ad autoarchiviare se venisse richiesto".
Il professor Harnad ha concluso: "Le universitÓ e i finanziatori della ricerca che hanno esitato a chiedere che venisse effettuata, adesso dispongono di una chiara prova che l'autoarchiviazione non susciterebbe resistenza o risentimento. Inoltre, coloro che hanno esitato a proporla perchÚ preoccupati per i suoi effetti sugli editori dovrebbero tenere presente che gli editori che hanno acquisito un'esperienza maggiore e pi¨ lunga in merito accolgono tale pratica con favore".
Scaricare una copia della relazione.

Fonte: Cordis (29/06/2005)
Pubblicato in Analisi e Commenti
Tag: accesso, informazione, studio
Vota: Condividi: Inoltra via mail

Per poter commentare e' necessario essere iscritti al sito.

Registrati per avere:
un tuo profilo con curriculum vitae, foto, avatar
messaggi privati e una miglior gestione delle notifiche di risposta,
la possibilità di pubblicare tuoi lavori o segnalare notizie ed eventi
ed entrare a far parte della community del sito.

Che aspetti, Registrati subito
o effettua il Login per venir riconosciuto.

 
Leggi i commenti
Dossier Aiuta la RicercaWorld Community Grid per aiutare la ricerca scientifica
Aiuta la ricerca scientifica!
Cancro, AIDS, SARS, malaria:
Il modo diretto e facile per lo sviluppo di nuove cure.
Notizie
  • Ultime.
  • Rilievo.
  • Più lette.

Evento: Congresso Nazionale della SocietÓ Italiana di Farmacologia
Evento: Synthetic and Systems Biology Summer School
Evento: Allosteric Pharmacology
Evento: Conference on Recombinant Protein Production
Evento: Informazione e teletrasporto quantistico
Evento: Into the Wild
Evento: Astronave Terra
Evento: Advances in Business-Related Scientific Research
Evento: Conferenza sulle prospettive nell'istruzione scientifica
Evento: New Perspectives in Science Education


Correlati

 
Disclaimer & Privacy Policy